L’ex cancelliere si reca in Italia al posto di Bucha

Il presidente ucraino ha chiesto ad Angela Merkel di visitare la devastata Bucha. Ma l’ex cancelliere non ha soddisfatto la sua richiesta – ed è andato altrove.

Serie di foto con 32 immagini

L’ex cancelliera Angela Merkel (CDU) non ha in programma ulteriori dichiarazioni pubbliche sulle sue politiche nei confronti della Russia, nonostante le ripetute richieste. Le precedenti dichiarazioni scritte della Merkel in questo contesto “sono ancora valide. Ecco perché una dichiarazione pubblica dell’ex cancelliere che vada oltre non è attualmente pianificata”, ha detto mercoledì il portavoce della Merkel all’ufficio stampa tedesco a Berlino.

Allo stesso tempo, il portavoce ha affermato che il ritorno della Merkel da una visita privata in Italia era previsto per questo lunedì. Non sono disponibili altre informazioni. Il quotidiano “La Nazione” ha pubblicato una foto che mostra un politico della CDU di 67 anni a Firenze, in Toscana. Puoi anche vedere la sua confidente e compagna di partito Annette Schavan, ex ambasciatrice presso la Santa Sede ed ex ministro dell’Istruzione. Secondo “La Nazione”, la Merkel aveva visitato la Galleria dell’Accademia, dove si trova la famosa statua del “David” di Michelangelo.

L’ambasciatore dell’Ucraina in Germania, Andriy Melnyk, ha aspramente criticato la visita della Merkel in Italia: “Certo, nessuna donna e nessun bambino è stato ucciso per le strade di Firenze. Ma c’è così tanta cultura e arte. Incredibile”, ha scritto Melnyk su Twitter. esso Il massacro nella cittadina di Bucha.

La Merkel condanna l’attacco russo

In una dichiarazione scritta il 25 febbraio, la Merkel ha condannato fermamente gli attacchi della Russia in Ucraina e ha sostenuto gli sforzi del suo successore dell’SPD, Olaf Scholz, per fermare il presidente Vladimir Putin. “Questa guerra di aggressione da parte della Russia segna un ampio punto di svolta nella storia europea dopo la fine della Guerra Fredda”, ha detto la Merkel quando gli è stato chiesto dal dpa. “Non c’è alcuna giustificazione per questa palese violazione del diritto internazionale, la condanno nel modo più forte possibile”. Ha sottolineato: “Il mio pensiero e la mia solidarietà vanno al popolo ucraino e al governo guidato dal presidente (Volodymyr) Zelenskyy in queste ore e giorni terribili”.

Lunedì scorso, la Merkel ha appoggiato la decisione di non ammettere l’Ucraina nella NATO nel 2008, nonostante le massicce critiche di Zelenskyy. In questo contesto, il portavoce della Merkel ha dichiarato lunedì: “Alla luce delle atrocità che sono emerse a Bucha e altrove in Ucraina, tutti gli sforzi del governo federale e della comunità internazionale per sostenere l’Ucraina e sostenere la barbarie e la guerra della Russia contro l’Ucraina arrivano insieme. per preparare la fine, il pieno appoggio dell’ex Cancelliere”

Selenskyj aveva precedentemente chiesto alla Merkel di recarsi a Bucha, dove negli ultimi giorni sono stati trovati centinaia di corpi dopo il ritiro delle truppe russe. Alla periferia di Kiev, la Merkel – come l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy – può farsi un’idea delle politiche fallite della Russia. Al vertice del 2008, i paesi della NATO hanno promesso l’adesione dell’Ucraina, ma in seguito si sono ritirati in considerazione della Russia. Merkel e Sarkozy hanno bloccato le richieste di altri partner della NATO per una rapida adesione.

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.