Olivo: la battaglia per impedire ai batteri di Xylella di arrivare a Creta – Creta


“Castello” è ancora oggi Creta contro un conquistatore di nome Xylella fastidiosa

Il “castello” è Creta ancora oggi contro il conquistatore chiamato Xylella fastidiosa, ma come chiarito dal segretario generale del ramo cretese della Camera di geotecnica greca, l’agronomo Giannis Smyrnakis, il GEOTEE di Creta insieme al Territorio sono le persone in i ruoli più importanti fino ad ora. Ma ha suonato il campanello d’allarme, dicendo che un batterio distruttivo aspetta il nostro “tallone d’Achille” e, se “romperà” le misure e invaderà la Grecia, il disastro sarà incalcolabile!

Giannis Smyrnakis ha dichiarato che lo sviluppo con la firma di un contratto di programma tra il Territorio di Creta ed ELGO “Dimitra”, per la produzione di olivi certificati per la prima volta in Grecia, per proteggere il nostro Paese da possibili disastri in caso di la diffusione del batterio fitopatogeno Xylella fastidiosa, è più che importante e necessaria.

Il budget del progetto ammonta a 92.000 euro, ha una durata complessiva di 5 anni e si pone l’obiettivo principale di produrre materiale vivaistico di qualità superiore da piante madri di olivo con identità varietale e fitosanitaria certificate.

Secondo l’annuncio, “l’incidente è stata una distruzione senza precedenti degli uliveti in Italia. Nei paesi vicini, la malattia di Xylella ha causato un calo della produzione del 60% fino ad oggi. Se si diffonderà in Grecia, si stima che costerà 2 miliardi euro La diffusione da un paese all’altro avviene mediante materiali di propagazione.La produzione di olive certificate per la prima volta in Grecia tutela il nostro paese.

Agricoltori e vivai utilizzano alberi madre che scelgono tra gli uliveti della loro zona. Le piante che vengono spesso prodotte sono diverse dalla varietà originale e non hanno crescita e produzione stabili, a seconda del vivaio che acquistiamo. ELGO “Dimitra” ha a Chania, presso l’Istituto dell’Olivo, delle Piante Subtropicali e della Vite (IELYA), la Collezione Nazionale di Riferimento per le varietà di olivo. I ricercatori IELYA conducono ricerche sistematiche dal 1960 e hanno selezionato l’albero più rappresentativo di tutte le varietà greche. IELYA mantiene questa pianta nello stesso terreno, con le stesse cure colturali, e ha registrato tutte le caratteristiche della sua identità genetica. Pertanto, questi alberi rappresentano varietà autoctone, ad es. da Koroneiki, Tsounati, Thrombolia e tutte le varietà greche.

“Tutti i vivai che riceveranno piante madri da ELGO” Dimitra “assicurano genuinità varietale, uniformità di crescita e fruttificazione e certificazione fitosanitaria”.

“Non rilassarti”

“Il fatto che Xylella non sia venuta a Creta fino ad oggi e nel nostro Paese in generale è dovuto principalmente alle ottime azioni intraprese dal Territorio di Creta. Infatti, in passato, collaborando con GEOTEE Crete Branch, è stata fornita un’ottima informazione è stata data dal gruppo di lavoro con la partecipazione dei responsabili. E questa azione da quando i batteri sono entrati in Francia e ha causato una grande catastrofe “, come ha ricordato il segretario generale della filiale di Creta GEOTEE, ha detto al nostro giornale.

Di seguito Giannis Smyrnakis fa specifico riferimento al contratto di programma per la produzione di materiale di propagazione dell’olivo. “Attraverso questo processo ridurremo le importazioni di materiale vivaistico da altri paesi. Per fortuna non ci sono state molte presentazioni. La Grecia, e Creta in particolare, avevano vivai buoni e “forti”, dai quali si ricavava materiale di propagazione dell’olivo. “Ma attraverso il nuovo contratto di programma del Territorio di Creta con ELGO” Dimitra “avremo ingredienti certificati di oliva, per garantire ancora di più che questi batteri distruttivi non invadano il nostro Paese ad un certo punto”, secondo lui.

Per quanto riguarda il messaggio di Giannis Smyrnakis ai produttori: “Tutti dovrebbero stare attenti quando acquistano i semi. Proviene da un vivaio certificato. E per curare sempre il loro uliveto. Se vedono anche la minima parte, dovrebbero avvisare immediatamente gli agronomi e GEOTEE, oltre ai cadaveri, come ELGO “Dimitra” a Creta, in modo che possano intervenire immediatamente se vediamo qualcosa. Quindi tutti dovrebbero essere vigili e fidarsi solo certificati “…

A questo punto spiega che gli agricoltori possono fidarsi dei vivai e dei negozi di fattoria. Quello che dovrebbero evitare è prendere il gelso da altri produttori, perché in qualsiasi momento può esserci la morte e quindi non ci sarà il controllo del disastro. Nel frattempo, il segretario generale PK di GEOTEE ha aggiunto che il mondo olivicolo mondiale a Creta preferirebbe acquistare piante da Creta e non da altre parti del paese. Questo perché i vivai di Creta sono chiaramente più sicuri in questo caso grave.

“Il nostro GEOTEE di Creta è stato il primo a parlare di Xylella fastidiosa in Grecia. Infatti, il Ministero dello sviluppo rurale e dell’alimentazione ha adottato il programma preparato dal gruppo di lavoro GEOTEE della filiale di Creta e dalla regione di Creta per Xylella, in modo che potessimo per datare e proteggere con successo la Grecia da questo patogeno. Ciò è accaduto diversi anni fa. Abbiamo anche pubblicato i relativi moduli. Abbiamo realizzato workshop, ma anche molte presentazioni per informare il pubblico su questo caso”, ha concluso il famoso agronomo.

Prosciuga gli ulivi – batteri da quarantena “polifagi”

Secondo gli scienziati, è un batterio polifago da quarantena molto pericoloso per la coltivazione dell’olivo per l’Europa e il paese Ia. Questa malattia fa seccare rapidamente gli ulivi.

Nel 2013 l’agente patogeno è stato registrato per la prima volta in Italia. L’autorità fitosanitaria della regione Puglia nel sud Italia ha segnalato l’ingresso di un gran numero di olivi, nonché la diffusione della malattia più a nord nella regione di Brindisi e nel nord Italia, nella regione Toscana.

Seguì la sua invasione della Francia, nell’isola della Corsica, ma anche nella Francia continentale con la pianta ornamentale Polygala myrtifolia. La malattia è stata segnalata anche nelle serre di piante ornamentali in Germania e Svizzera. Nel 2016 l’agente patogeno è stato scoperto in Spagna sulle ciliegie delle Isole Baleari.

Nel 2017 è stato trovato nella Spagna continentale, nella regione di Alicante e nel 2018 nella regione di Madrid, in un uliveto di otto anni, mentre è apparso anche in Israele nel 2019.

I sintomi causati da Xylella sono: necrosi fogliare, essiccamento di ramoscelli e rami, cachessia, clorazione, avvizzimento, diminuzione della produzione e graduale essiccamento dell’intero albero.

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.