Nuovi decessi per febbre emorragica Crimea-Congo

Un uomo è morto venerdì di febbre emorragica della Crimea-Congo nella provincia irachena di Kirkuk, dove una malattia virale trasmessa dalle mucche si sta diffondendo a nord, secondo i funzionari sanitari.

Dall’inizio dell’anno sono stati segnalati un totale di 40 casi, otto dei quali mortali, con 23 pazienti nella provincia povera di Di Kar, ha detto venerdì scorso il portavoce del ministero della Salute iracheno Saif al-Badr.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il virus che causa la febbre dengue si trasmette “attraverso il morso di una zecca, o attraverso il contatto con il sangue o i tessuti di un animale infetto, durante o subito dopo la macellazione”.

La vittima di ieri era un lavoratore di un macello che non rispettava le norme igienico-sanitarie, ha affermato Ziad Khalaf, un funzionario sanitario provinciale.

Le autorità di Kirkuk hanno vietato il trasporto di bestiame da o verso la provincia.

La provincia di Ninive, nel nord, ha annunciato ieri, giovedì, il suo primo caso. Il 29 aprile la provincia di Babilonia (al centro) ha annunciato la morte.

La maggior parte delle persone infette vive a Di Kar, una provincia povera dove si allevano bovini, pecore, capre e bufali, potenziali ospiti del virus che causa la febbre emorragica della Crimea-Congo.

Il Paese, però, non è “in fase epidemica”, hanno assicurato ieri pomeriggio rappresentanti del ministero della Salute.

“Finora i contagi sono limitati”, ha detto all’Afp, aggiungendo che “quest’anno il tasso (di contagio)” è stato “superiore allo scorso anno”.

Secondo il ministero della Salute, la maggior parte delle persone contagiate sono “allevatori o macellai” di animali.

Questo virus ha un alto tasso di mortalità, che può variare dal 10 al 40% dei casi.

Nell’uomo, la malattia può essere trasmessa attraverso “il contatto diretto con il sangue, le feci, le secrezioni o gli organi delle persone infette”, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.