La Sicilia misura caldo record per l’Italia e il resto d’Europa

RomaSecondo le autorità regionali, mercoledì in Sicilia è stato misurato un nuovo record di caldo per l’Italia e anche per l’intera Europa a 48,8 gradi Celsius. Gli incendi boschivi continuano a bruciare in Grecia. I vigili del fuoco hanno avuto un successo iniziale sull’isola di Eubea, ma le operazioni hanno dovuto essere ampliate nella penisola del Peloponneso. Anche la Tunisia e l’Algeria stanno soffrendo le ondate di caldo.

Come annunciato dalle autorità siciliane, il termometro vicino a Siracusa è salito a 48,8 gradi. Tuttavia, questo valore record per l’Italia e il resto d’Europa non è stato verificato dal Servizio Meteorologico Italiano. Il precedente record di calore italiano di 48,5 gradi è stato misurato anche in Sicilia nel 1999. Il precedente record europeo di 48 gradi è stato stabilito in Grecia nel 1977. A causa del maltempo, il governo locale in Sicilia ha dichiarato lo stato di emergenza per sei mesi.

Tre morti in un incendio in Eubea

L’Alto Lucifero, che provoca un’ondata di caldo, dovrebbe spostarsi verso nord nei prossimi giorni, portando le temperature intorno ai 40 gradi in Toscana e nella regione Lazio dell’Italia centrale durante il fine settimana. Per i vigili del fuoco in Calabria e Sicilia, le alte temperature sono una notizia particolarmente negativa visti gli incendi in corso.

Violenti incendi boschivi continuano a bruciare anche in Grecia. Secondo le statistiche dell’agenzia di stampa AFP basate su informazioni ufficiali, quasi 100.000 ettari di foreste e terreni agricoli sono bruciati in due settimane. Sull’isola colpita di Eubea, c’è poca speranza: “Penso che si possa dire che il fronte dei vigili del fuoco si stia lentamente mettendo sotto controllo”, ha detto alla televisione di stato ERT il sindaco della città di Istiea, Giannis Kontzias. “Ieri abbiamo visto la luce del sole per la prima volta da giorni”, ha aggiunto, riferendosi a un grande pennacchio di fumo sull’Eubea. L’incendio è scoppiato nove giorni prima. Sul posto sono intervenuti quasi 900 vigili del fuoco, compresi i servizi di emergenza provenienti dall’estero.

Gli incendi in Eubea e in altre parti del Paese hanno ucciso tre persone e lasciato centinaia di senzatetto. Inoltre, viene risparmiata una parte delle entrate del turismo e dell’agricoltura, molto importanti per la Grecia. Kontzias ha avvertito che le imprese locali sono in pericolo di “estinzione”. La peggiore ondata di caldo in Grecia degli ultimi decenni, che le autorità attribuiscono al cambiamento climatico, ha contribuito agli incendi catastrofici.

Sale a 69 il bilancio delle vittime dell’incendio in Algeria

Nella regione montuosa di Gortynia, nella penisola del Peloponneso, mercoledì i vigili del fuoco si sono concentrati sul mantenimento del fuoco dalla montagna Mainalo, ricca di foreste. “I villaggi non sembrano essere in pericolo al momento (…) ma le condizioni cambiano di ora in ora”, ha affermato Christos Lambropoulos, vice governatore della regione dell’Arcadia, che comprende anche Gortynia.

I vigili del fuoco a Gortynia sono stati rafforzati mercoledì da vari servizi di emergenza dall’estero, tra cui Germania, Francia, Gran Bretagna e Repubblica Ceca. Secondo l’Associazione tedesca dei vigili del fuoco, 168 servizi di emergenza sono stati inviati dall’Assia e altri 56 dalla Renania settentrionale-Vestfalia.

Mercoledì, nel nord dell’Algeria, vigili del fuoco e soldati hanno combattuto innumerevoli incendi, principalmente in Cabilia, una regione montuosa ricca di foreste a est della capitale di Algeri. L’agenzia di stampa statale APS ha riferito che in un solo giorno sono scoppiati 50 nuovi incendi, con il bilancio delle vittime che è salito a 69. Tra i morti c’erano almeno 28 soldati che erano sul posto per supportare i vigili del fuoco.

Fiore Greco

"Fanatico dei social media hipster. Introverso. Tossicodipendente del web. Risolutore di problemi incredibilmente umile. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.