Juventus – Inter 2-4 punti (2-2): “Spettacoli” di Perisic ai supplementari e Coppa in “Nerazzurri”

Vincitrice della Coppa Italia per l’ottava volta nella sua storia è stata l’Inter, che ha vinto 4-2 ai supplementari (2-2 ecc.) collezione.

Protagonista per i “nerazzurri” Ivan Perisic che ha segnato una doppietta ai supplementari, prima con un rigore e poi con uno splendido sforzo, aggiudicando di fatto il trofeo alla sua squadra, che per il resto non è stata sostanzialmente minacciata dalla “Big Lady”. dell’estensione.

La partita è iniziata in maniera perfetta per l’Inter, che solo dopo 7 minuti è riuscita ad aprire le marcature con Nicolò Barela sull’1-0 e portando in vantaggio la sua squadra. La partita ha preso un buon ritmo, entrambe le squadre hanno avuto momenti da segnare, ma nei primi 45 minuti non è cambiato nulla e l’avversario è andato negli spogliatoi con il tabellone che mostrava lo 0-1.

Come i “nerazzurri” sono partiti bene nel primo tempo, così i “bianconeri” hanno iniziato bene il loro turno nella ripresa. Inizialmente, Alex Sandro al 50′ ha pareggiato e solo due minuti dopo Dusan Vlahovic ha portato Massimiliano Allegri sul 2-1. Logicamente l’Inter pressa e riesce finalmente a pareggiare con un calcio di rigore di Hakan Tsalhanoglou all’80’. Quindi, con il punteggio di 2-2, la partita è proseguita fino ai tempi supplementari.

Ai supplementari, gli uomini di Simone Inzaki hanno ricevuto un nuovo rigore grazie alla caduta di De Fry da parte di De Licht, e Ivan Perisic che ha subentrato nell’esecuzione portando il punteggio di 3-2 per la sua squadra al 99′. E come se non bastasse alla Juventus, il centrocampista croato con un superbo gol nel 102 realizza il 4-2, tagliando… la gamba dell’avversario. Per quanto la “Big Lady” insistesse, non poteva far altro e l’Inter riuscì a conquistare il trofeo.

Juventus: Perrin, Sandro (90′ Pellegrini), Chiellini (84′ Arthur), Danilo (41′ Morata), Cuadrado, De Licht, Rabio, Zakaria (67′ Locatelli), Bernardeschi (67’Bo) Ken), Vlachovich.

INTER: Hadanovic, D’Abrozio (63′ Dumfries), De Fry, Darmian (63′ Dimarco, 116′ Bazdoni), Scriniar, Barela, Brozovic, Chalhanoglu (90+1′ Vidal), Ko Perici, Lautaro Martines (90+ 1′ Sanchez).

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.