FT: Il ruolo clandestino della Chiesa russa in Ucraina

L’idea di una “guerra santa” in Europa può sembrare un ritorno a secoli fa. Ma, in fondo, è così che la Chiesa ortodossa russa e il suo leader, il patriarca di Mosca Kirill, descrivono l’invasione russa dell’Ucraina, secondo il testo principale del Financial Times.

Il patriarca Kirill ha guidato le preghiere per i soldati russi che combattono per quella che lui chiama la “vera indipendenza russa”, facendo eco alla narrativa del Cremlino secondo cui Mosca sta lottando per difendersi da un nemico straniero peccaminoso. , è stato respinto. Questo comportamento non solo mostra quanto strettamente la chiesa e lo stato di Vladimir Putin siano intrecciati, ma è anche importante per comprendere i motivi dietro l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca e quanto li vede in gioco.

Sebbene non ne faccia ufficialmente parte, la Chiesa ortodossa russa è diventata di fatto un pilastro del regime autoritario di Putin. Dopo decenni di repressione sotto il regime comunista, la chiesa ha stretto un misterioso legame con i discendenti dei servizi segreti sovietici che ne erano stati i persecutori. Questo è stato ricompensato in cambio, con privilegi ai vertici della gerarchia e con la costruzione di migliaia di nuove chiese.

La relazione va oltre il supporto delle azioni e delle narrazioni del Cremlino. La Chiesa di Mosca rivendica un ruolo di difensore dei valori “tradizionali” contro un Occidente in declino, che è un elemento chiave del “sigillo” di Putin sul nazionalismo russo. I suoi ricchi sostenitori includevano diversi “oligarchi ortodossi” e discendenti di russi bianchi che andarono all’estero dopo la rivoluzione del 1917.

La leadership della Chiesa ha approvato l’idea di Putin di un’ideologia che combina il rispetto per il passato zarista e ortodosso della Russia con espressioni di riverenza per la vittoria sovietica sul fascismo durante la seconda guerra mondiale. Il riassunto è la cattedrale principale delle forze armate russe, 40 miglia a ovest di Mosca, inaugurata nel 2020.

Questo modo di pensare presenta le “operazioni militari speciali” in Ucraina come qualcosa di sacro, poiché mira a rivendicare Kiev, il luogo di nascita dell’Ortodossia quando il cristianesimo arrivò nella Rus’ di Kiev del X secolo. La Russia ha supervisionato la Chiesa ortodossa ucraina fino al 2019, quando la nuova Chiesa ortodossa ucraina indipendente si è divisa. Il leader spirituale della Chiesa ortodossa orientale, il patriarca ecumenico Bartolomeo, ha riconosciuto la sua indipendenza.

La guerra mira a sanare queste fratture – che Mosca vede come una mossa orchestrata dagli Stati Uniti per minare l’Ortodossia e la visione di Putin di unire i russofoni all’estero nel “mondo russo”.

Ma proprio come lo stretto “abbraccio” militare di Putin all’Ucraina taglierà la “fetta” tra le due nazioni per generazioni, così la guerra alienerà ulteriormente le chiese ortodosse a Mosca e Kiev.

La maggior parte delle parrocchie in Ucraina ha scelto di continuare a sottomettersi al patriarca Cyril anche dopo il 2019: circa 12.000 o circa un terzo di tutte le parrocchie. Ora, molti sostenitori del clero di Mosca in Ucraina stanno lasciando il patriarca Cyril fuori dalle loro preghiere.

Centinaia di sacerdoti ucraini che rimangono ufficialmente membri della chiesa di Mosca hanno chiesto che il patriarca sia processato in un raro tribunale ecclesiastico per aver benedetto la guerra.

Lord Rowan Williams, l’ex arcivescovo di Canterbury, che ha visitato l’Ucraina la scorsa settimana con altri leader religiosi, ha affermato che ci sono “argomenti forti” per l’espulsione della Chiesa russa dal Consiglio ecumenico delle Chiese se il patriarca Cirillo non l’ha condannato. del gregge».

Sebbene possano esserci argomenti etici per una tale mossa, è improbabile che cambierà i calcoli del Cremlino. In effetti, potrebbe facilmente essere inserito nella logica dell’assedio di Mosca e nella narrazione che si impegna in una guerra religiosa del bene.

Fonte: Financial Times, euro2day.gr

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.