Documentario Netflix su Fatih Terim – sport-fm.gr SOGGETTO

“Calciatore, allenatore, padre, nonno, imperatore”. Queste sono le caratteristiche che possono comporre la leggenda Fatih Terimche ha persino associato a se stesso nel documentario di Netflix.

Quattro episodi, ricordi, flashback e una storia di oltre 50 minuti portata alla ribalta attraverso le parole delle figure più iconiche del calcio turco e Galatasaray.

Serie di documentari intitolata “termine” immutata dall’inizio alla fine, mostrando sul piccolo schermo la carriera di allenatore dell'”imperatore” turco iniziata ad Adana, proseguita ad Ankara, Firenze e Milano e che ha sempre avuto gli stessi ma immutati elementi. il suo “chibom” preferito.

La famiglia prima di tutto


In questo particolare documentario ci sono alcuni “flashback” sulla vita dell’allenatore 69enne. Amore per i suoi genitori e soprattutto per suo padre, Talat, che è stato e rimane il suo idolo. Insieme hanno girato l’area di Adana vendendo utili materie prime, mentre sua madre ha sempre avuto voce in capitolo nella sua carriera.

Naturalmente, anche l’amata moglie di Foulier ha svolto un ruolo catalizzatore nella sua vita, con la quale hanno discusso e preso decisioni importanti sul futuro dei loro due figli, Mervette e Bouchet.

Una chiara testimonianza della sua devozione alla sua famiglia, del suo “coinvolgimento” in una rissa nel 2017 dove ha difeso il genero in una disputa tra suo genero e il ristoratore. Questo fatto ha portato Terim all’uscita dalla dirigenza tecnica della Nazionale turca, chiudendo così il suo terzo e più fortunato mandato in panchina.
“Ho sempre protetto la mia gente, i miei amici, la mia famiglia e continuerò a farlo”

L’imperatore Chibom


Si fa anche riferimento alla carriera calcistica di Fatih Terim, terminata nel 1985 con il Galatasaray. Tuttavia, perché “imperatore” e “chibom” si “raccolgano” di nuovo, devono passare 11 anni interi, nel frattempo Terim cerca di “costruire” il futuro del calcio in un paese vicino, viaggiando per il suo territorio per scovare talenti.
Infatti, nel 1993, come allenatore della sua nazionale, ha guidato i Giochi del Mediterraneo in Francia.

Così Terim, e dopo Euro 1996 Fatih Terim, firmò il contratto offertogli dall’amato Galata per tirarlo fuori dall’introversione e riportarlo al top. Il suo primo mandato si è concluso nel migliore dei modi poiché, al di fuori di quattro campionati, è riuscito a realizzare il più grande miracolo nella storia del club.

Dopo un brutto inizio in Champions League, vittorie “terrificanti” contro Hertha Berlino e Milan, porta il Galata in Coppa UEFA nel 2000 e da lì la storia è stata scritta ed è ora nota, con la finale del 17 maggio al “Parken” di Copenaghen contro l’Arsenal Wenger di Arsene.

Lo hanno detto anche alcuni di coloro che hanno lavorato con lui: “Non gli piace vincere ma odia perdere”.
Terim ha scontato altri tre mandati in “Ali Sami Jen”, ognuno con una storia diversa che termina nel gennaio 2022.

Il sogno di Firenze e l’incubo di Milano


La sua prima partenza dal Galata, il coinvolgimento del Fenerbahce, la sua lealtà e l’interesse per la Fiorentina lo hanno portato ad “Artemio Franki”. Durante la sua permanenza nella città rinascimentale, Terim ha ottenuto molto e ha rivelato che il segreto del suo successo erano le sue interazioni con le persone nelle strade e nelle piazze della città.

Nel documentario sono apparsi due portoghesi che stavano attualmente gareggiando alla Fiorentina. Rui Costa e Nuno Gomes, che all’epoca elogiarono entrambi il loro manager.

La Fiorentina, con l’aiuto di Terim, ha raggiunto la finale di Coppa Italia nel 2001 ma Turkos non c’era perché era stato esonerato mesi prima a causa della rottura con il presidente e proprietario del club, Ceki Gori.

Un’altra pagina è stata scritta nel “libro” della sua vita da allenatore dopo l'”incubo” del trasferimento dal Milan. I giornalisti italiani Mareno Rogi, Luca Calamai e il direttore sportivo della Fiorentina Giancarlo Antonioni vorrebbero conoscere il mandato di Terim in Italia, dicendo che: “Nonostante la sua scarsa presenza nel Paese, tutti rispettano Fatih e lo considerano una grande personalità calcistica”

Turchia, Euro, torna a casa e… vedremo


Campionati, premi e amore per il Galatasaray, abbiamo imparato che non era abbastanza per Fatih Terim. Da vero “calciatore”, non poteva dare il meglio di sé per la sua amata nazionale turca. L’ultimo episodio del documentario racconta lo straordinario viaggio dei vicini a Euro 2008 in Austria e Svizzera, con Arda Turan, Tugai Kerimioglu, Semih Sediurk e Nihat Kahveci che hanno riconosciuto l’aspetto da telecamera della corsa. .

“Niente finisce finché l’arbitro non fischia il finale. Hai 10 minuti, 3 minuti o 20 secondi per cambiare la storia. Questo è quello che rappresento ed è quello per cui continuerò a lottare” Terim ha insistito e lo ha dimostrato nello show.

Naturalmente, la tappa successiva della sua carriera è stata il Galatasaray, dove è stato licenziato nel 2013, imparando… dalla televisione dopo la “mancanza di rispetto” ricevuta dall’allora presidente del club, Unal Aysal, che durante una conferenza stampa lo definì “un dipendente.”».

Il finale è sempre scritto in lettere d’oro con Fatih Terim che ha registrato la sua vita fino ad ora riassumendo con la frase: “Io e le persone come me abbiamo molte storie e la mia non è ancora finita”.

A cura di: Giorgos Zacharou

Maura Pirlo

"Secchione di pancetta. Orgoglioso secchione di Twitter. Piantagrane. Studioso di cibo freelance. Devoto drogato del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.