Diario russo: liquore e fuoco. La Russia andrà in Crimea, non in Italia

Il 23° volume del quotidiano, scritto da un giornalista ceco per i lettori della News List in diretta da Mosca

A poche centinaia di metri dal Palazzo d’Inverno di S. San Pietroburgo è apparso come un monumento alla Russia del nostro tempo. Ci sono 8 lettere dell’alfabeto latino sulla base. Queste sono le prime lettere di marchi internazionali che hanno lasciato l’impero Putin a causa della guerra della Russia contro l’Ucraina: Zara, Adidas, McDonald’s, Epson, Skoda, TotalEnergies, IKEA, Milky Way.

L’autore di questa installazione sarà un marketer politico pro-Cremlino ed ex leader del movimento giovanile pro-regime Naši Artur Omarov (da non confondere con il lottatore del Daghestan che rappresenta i cechi).

Forse non è un caso che il monumento compaia nel centro di San Pietroburgo lo stesso giorno in cui la città sarà visitata da Vladimir Putin. Anche l’ordine delle lettere ha senso. Questo forma l’iscrizione “zamestim”. Non fatevi ingannare – per scrittori come S. Potrebbe non trovare il logo Staropramen penalizzato.

Assumerò. Quindi “sostituiremo”. Questa dovrebbe essere una visualizzazione della convinzione che la Russia sopravviverà al boicottaggio dei marchi internazionali. E, di fatto, l’esclusione del 21° secolo, in cui il mondo russo di Putin non si inserisce.

Ma continuerò a strofinare e ferire per molto tempo.

Le vacanze di maggio sono vicine in Russia. La propaganda servì loro come celebrazione dei lavoratori, culminando nella sconfitta ubriaca del nazismo da parte dell’Unione Sovietica. E i russi? Sono felici di avere quattro giorni di ferie retribuite. Brinderà alla vittoria delle pistole e delle griglie russe in shashlik.

Nadia è abituata a trascorrere le vacanze di maggio in Italia. Lavora per una società di marketing di Mosca e può permetterselo. Prima della guerra. Quest’anno, invece di Firenze, ha trascorso le vacanze in Crimea.

Naa è della Crimea. Ha dei genitori lì. Emigrò dalla penisola ucraina come studente. Si è sempre considerato russo. Con autentiche lacrime agli occhi, accolse con favore l’annessione della Crimea. Ricordo la sua voce quasi isterica quando mi chiamò per condividere le sue emozioni. Parla di giustizia storica. Ed è piuttosto fluido.

Naa non indossa zetko. Ma sostiene la guerra della Russia contro l’Ucraina. Non così duro come l’annessione della Crimea alla Russia, ma è felice che Putin dia una lezione all’Ucraina. Ha ancora il trauma di dover imparare l’ucraino: è un ragazzo russo!

Nadia è andata in Crimea in treno. È a causa della guerra. Dal 24 febbraio sono in vigore restrizioni all’aviazione civile nella Russia meridionale. Questo vale anche per la penisola annessa, da cui le truppe e i carri armati russi confluiscono in Ucraina.

“Quella era la nostra unica preoccupazione in quel momento. Ventinove ore di treno. Il vagone potrebbe essere per alcuni asiatici. In particolare, la cuccetta in alto nello scompartimento è angusta e piccola. Ventilazione come se non lo fosse. Avevamo dormire con le porte e le finestre aperte. Ho socchiuso gli occhi per quasi due ore”, si lamentò Naa.

Foto: Igor Zvencom, Shutterstock.com

Interno del treno russo a lunga percorrenza della ferrovia nazionale RZD con letti a castello.

Nemmeno l’alcol lo rendeva più a suo agio. “Ho comprato cinque lattine di spumante sul treno, poi ho fatto rifornimento nel vagone ristorante. Ma la birra è calda lì. La bevo solo per dissetarmi e durare il viaggio”, mi hanno detto i grassi quarantenni.

La Crimea ha sostituito la Russia in Italia. Il treno russo abbattuto sostituisce l’aereo. I russi ci sono abituati, non perché non lo sia.

9 maggio Naďa trascorre di nuovo stanca, sudata e ubriaca sul treno espresso. Avrebbe viaggiato dal territorio occupato alla metropoli.

In qualche modo non mi dispiace per lui.

Il diario russo di Jiří Just

Xaviera Spina

"Creatore di guai. Affamato di birra. Appassionato di caffè. Imprenditore incurabile. Secchione di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.