Contesto del ritorno di frammenti dall’Italia e dagli elleni all’estero – Notizie – notizie

L’annuncio della restituzione dei frammenti dal Museo “Antonino Salinas” di Palermo al Museo dell’Acropoli pochi giorni fa ha diffuso un sorriso di ottimismo. I motivi sono tanti. Il frammento è particolare ed è un estratto dalla decorazione orientale del Partenone, che nella sua interezza raffigura gli Dei dell’Olimpo che assistono alla consegna di un velo alla dea Atena.

Il fatto che rimarrà in mostra per otto anni ad Atene fa ben sperare per la sua ultima visita in Grecia. A ciò ha contribuito anche la dichiarata disponibilità dell’Italia a riconoscere i frammenti. La cosa principale è che si sta creando un “precedente internazionale” che tocca la grande ed eterna richiesta greca per la restituzione della statua del Partenone dal British Museum.

François Tom: “Il putinismo non ha ideologia, si basa sull’amarezza e sull’odio”

“Pressione sull’Inghilterra”
I media internazionali hanno discusso della restituzione del frammento. «L’Italia ha restituito un pezzo dell’arredamento orientale del Partenone alla Grecia in un accordo storico che potrebbe rinnovare la pressione sulla Gran Bretagna per rimpatriare i marmi del Partenone di 2.500 anni presi da Lord Elgin all’inizio del XIX secolo.“Scrivere giornali britannici”Quella Custode».

«L’Italia restituisce la statua del Partenone alla Grecia tra gli appelli alla riunificazione del marmo“Rivista americana in elenco”Forbes“, sottolineandolo”La Gran Bretagna ha mostrato riluttanza a restituire la sua collezione di marmi, che furono trasferiti dalla Grecia all’inizio del XIX secolo da Lord Elgin. Tuttavia, c’è una crescente pressione nel Regno Unito a prendere seriamente in considerazione il rimpatrio».

SfondoFino a quando le due parti non hanno annunciato ufficialmente il prestito dei frammenti, c’erano diversi ostacoli. Il frammento appartiene al Museo Archeologico Regionale “Antonino Salinas” di Palermo, che si trova nell’Italia meridionale e appartiene al governo regionale della Sicilia. Per prendere in prestito nel nostro paese è necessaria l’approvazione del museo e del governo locale. Tuttavia, affinché il frammento rimanga permanente in Grecia, sarà necessaria l’approvazione del Ministero della Cultura italiano e in particolare le modifiche alla legge.

Inoltre, l’annuncio del Ministero della Cultura greco (30 novembre 2021) che “è in corso la restituzione dei frammenti di decorazione del Partenone dall’Italia” ha turbato i funzionari dei paesi vicini, i quali hanno ritenuto che l’annuncio fosse stato dato abbastanza presto. . Il ritorno del frammento “congelato” e il progetto quasi vibrava nell’aria.

Da notare che con la restituzione dei frammenti (ce ne sono altri nei Musei Vaticani ma questo è un caso a parte) in Grecia, i siciliani stanno cercando di ottenere “buone testimonianze esterne”, così come chiedono loro stessi la ritorno delle loro statue. da un museo di New York.

Comunità attiva
Il frammento è stato preso in prestito in Grecia in passato (2002, 2008) ma non è permanentemente fissato nel paese. Dietro tutti i suoi recenti tentativi di rimpatrio c’era la Comunità greca siciliana “Trinakria”. La piccola ma molto attiva comunità greca vi lavora progetto L ‘”ultimo ritorno” è di circa 25 anni.

Ogni volta che un nuovo leader si impossessa dell’area dei Beni e dell’Identità Culturale in Sicilia, la comunità greca chiede la restituzione del frammento. In questo caso, il leader della comunità, Babis Tsolakiscon l’aiuto del responsabile delle attività culturali, Vassilis Karabatsaapplicato nel 2020 a Alberto Samona il suo ritorno. Quest’ultimo lo ha ricevuto.

Preoccupato
La preziosa assistenza della comunità greca non è menzionata in nessuno dei due avvisi pertinenti del Ministero della Cultura. Questo non sembra infastidire i responsabili. «Ora che la questione è “calda”, il ministero della Cultura greco deve spingere affinché il frammento rimanga ad Atene per sempre. Non sappiamo se il futuro direttore del Museo Italiano porrà il veto“Gli espatriati spiegati a “Vima”. In questo contesto, la comunità greca sta preparando una lettera – insieme ad altri enti locali – al ministero della Cultura italiano.

Potenza delicata
Ogni anno lo stato greco invia un insegnante in Sicilia. Oltre alla comunità greca, gli insegnanti insegnano anche nelle scuole secondarie italiane. La comunità è riuscita a collocare lezioni di greco moderno in cinque scuole secondarie, mentre altre istituzioni culturali operanti nella regione (Germania, Francia, Spagna) non hanno ottenuto un accesso adeguato.

Ma quest’anno l’insegnante della madrepatria è arrivato in ritardo. E mentre tutte le procedure sono state espletate, il problema sarebbe bloccato burocraticamente nel competente Ministero dell’Istruzione. Quindi, mentre gli espatriati sanno chi è l’insegnante, aspettano un autografo per vederlo di persona.

Molti paesi, compresi i paesi vicini, spendono ingenti somme di denaro perseguendo politiche di soft power (gentile forza). Data l'”ancora” della burocrazia greca e la mancanza di fondi, nella maggior parte dei casi gentile forza lasciato al patriottismo e al volontariato dei greci locali all’estero.

Elezioni francesi – Tara Varma: “Il rovesciamento della scena politica inizia nel 2017”

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.