Carlo Ancelotti: La risposta al perdente

Non è considerato influente come Pep Guardiola, non ha la popolarità di Jürgen Klopp, non ha il soprannome di “Special One” come Jose Mourinho. Ma ha vinto tre volte la Champions League, cosa che hanno ottenuto gli altri due allenatori. È uno dei sette ad aver vinto il trofeo sia come calciatore che come allenatore.

Carlo Ancelotti è diventato di recente il primo e ufficialmente il primo allenatore nella storia del calcio a vincere campionati nei cinque campionati più popolari al mondo. Mercoledì sera è diventato il primo allenatore a raggiungere cinque finali di Champions League.

Nella notte di sabato 28 maggio, contro il Liverpool, inseguirà qualcosa che nessun allenatore ha mai fatto prima: vincere quattro Champions League.

È nato nel giugno 1959 nella città di Reggio, in Italia. I suoi genitori possedevano prodotti caseari a base di formaggio e lui ha imparato a cucinare fin da piccolo, amando il buon cibo, ma distinguendo anche i vini.

Ha giocato a calcio a Parma, Roma e Milan dove ha vinto due Coppe dei Campioni di fila. Nonostante gli manchi una corporatura atletica e l’alta velocità, si distingue come veicolo per la sua tecnica impareggiabile e lo spirito di squadra.

Dall’erba alla panchina

Dopo la fine della sua carriera agonistica è arrivato l’allenatore. Ha iniziato dalla panchina della Nazionale Italiana come assistente per poi assumere il Regiana, squadra di seconda divisione.

Poi è arrivato il Parma e poi la Juventus con cui ha conquistato internet nel 1999. È stato il suo primo trofeo da allenatore.

Nel novembre 2001 ha sostituito Fatih Terim sulla panchina del Milan. Ha vissuto a Milano per otto anni. Ha vinto tutto: uno scudetto, una Coppa, una Supercoppa Italiana, due Champions League, due Supercoppe Europee, il Mondiale per Club. Si è dimesso nel maggio 2009 dopo 420 partite e una percentuale di vittorie del 56,7%.

Ha assunto il Chelsea nell’estate dello stesso anno. Ha vinto il doppio segnando il record in campionato con 103 gol. È stato esonerato nel maggio 2011, dopo aver perso contro l’Everton, nell’ultima partita di campionato.

Nell’inverno del 2011 è arrivata la proposta del Paris Saint-Germain. Lo ha portato al campionato nel 2013. È stato il suo primo dal 1994 e poi è seguito il suo dominio nel campionato francese.

È stato lui a sostituire Jose Mourinho in panchina al Real Madrid nell’estate del 2013. Ha firmato un contratto triennale. Lo ha aiutato a vincere la decima Champions League della sua storia. In quel percorso, ha eliminato il Bayern Monaco in semifinale con un impressionante 4-0 in Germania.

Ha vinto il campionato con il Bayern nel 2017. È stato esonerato, anche se ha firmato un contratto triennale, a settembre 2017 a seguito della sconfitta per 3-0 contro il Paris nella fase a gironi di Champions League. I resoconti dei media tedeschi hanno notato che l’Italia aveva perso lo spogliatoio e cinque giocatori volevano licenziarlo.

Napoli, seguì l’Everton e tornò al Real nel giugno 2021. Sostituì Zinedine Zidane. Senza un costoso trasferimento e con un roster che molti pensano sia “vecchio” è riuscito a portare il Real Madrid in vetta alla classifica del campionato spagnolo.

Era uno dei titoli che gli mancava. In Champions è arrivato in finale con notevoli sconvolgimenti. Fu costretto a 3-1 lontano dal Parigi con una tripletta di Benzema poi con le spalle al muro dopo una sconfitta per 1-0 nella prima partita.

Ha bisogno di tempi supplementari per qualificarsi contro il Chelsea. Il Real ha vinto 3-1 a Londra, battuto con lo stesso punteggio a Madrid e il replay è andato ai tempi supplementari dove l’attaccante francese “ha spazzato via” di nuovo.

Lo scenario è lo stesso in semifinale con il Manchester City. Il Real ha perso 4-3 nella prima partita all’Etihad in cui ha dominato la squadra di Guardiola. La squadra di Madrid ha subito un replay di Mahrez al 75′. La squadra di Ancelotti ha vinto con una doppietta di Rodrigo negli anni ’90 e nel ritardo. Nuovi tempi supplementari, ancora gol di Benzema, qualificato per la finale.

Le parole dei giocatori, lo “specchio” del suo lavoro

Ha allenato grandi star come Zinedine Zidane e Cristiano Ronaldo. Nessuno ha una brutta parola da dire su Carlo Ancelotti. Anzi, ci sono molti che dicono di studiare accanto a lui. “Quello che ricordo di più è che ho imparato la difesa con la cintura. Con lui ho imparato il corretto movimento e la postura”, ha detto Fabio Cannavaro, vincitore del “Pallone d’Oro” e uno dei massimi difensori dei tempi moderni.

“È impressionante nella tattica. Analizza molto bene ogni avversario, legge bene la partita. In ogni partita cerca di adattarsi in base ai giocatori che ha. “Può cambiare il suo sistema con il tocco del dito”, ha detto il terzino sinistro di France Luca Dini, che lo ha allenato all’Everton.

“Tutto quello che hai visto oggi è opera di Ancelotti”, ha detto la superstar portoghese Cristiano Ronaldo dopo la vittoria del Real contro il Bayern Monaco in Champions League.

“Così un giorno, lo ricordo mentre andava negli spogliatoi e impazziva. Ha detto parole che non posso ripetere. Due giorni dopo è venuto a scusarsi e scusarsi con tutti. Era come un dolce orso. “Segreto il nostro successo con lui è che è una persona normale”, ha detto Paolo Maldini, leader simbolo del Milan.

Questo è forse il più grande segreto del suo successo finora. Che era una persona normale. “Non fumo. Pubblico le foto con i miei amici. Perché per me i giocatori sono miei amici”, ha detto Carlo Ancelotti riferendosi alla sua foto virale ad una festa del Real League.

“La felicità è un momento. Devi sempre lavorare per il prossimo momento di felicità” è una delle sue frasi preferite. Carlo Ancelotti si sta già preparando per il suo prossimo momento di felicità…

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.