Gli effetti personali di Ali sono morti a Eleonas perché non aveva documenti

Ambida Isak è arrivata dal Pakistan in Grecia nel 2015, con suo marito Huares Ali. Hanno lasciato Gujranwala, in Pakistan, per un futuro migliore, e si sono ritrovati bloccati a Eleonas, con tre figli e senza alcun documento ufficiale. spiega Ampida documentonews.gr come, sotto la pressione della sopravvivenza, suo marito, Wares Ali, è morto di infarto nella toilette di Eleonas, dove lo hanno lasciato morire per cinque ore finché non è stato prelevato da un’ambulanza:

“Lunedì 29 agosto intorno all’una di notte dopo mezzanotte, mio ​​marito ha iniziato ad avere un forte dolore al petto. Abbiamo cercato di farlo stare meglio ma è stato vano. Poco dopo le 02:00 ho chiamato i funzionari del campo e ho chiesto l’arrivo di un’ambulanza. Poi sono andato dove stavamo dormendo per portare le sue cose in ospedale mentre Wares andava in bagno. Lì ha avuto un infarto. La porta era chiusa e non sapevo cosa stesse succedendo, così ho sfondato la porta e l’ho visto a terra, coperto di sangue e con il naso rotto. Il suo corpo senza vita è rimasto nella toilette per cinque ore coperto di sangue. Roba è morta prima delle 4:00, se avessero chiamato l’ambulanza che avevamo chiesto, si sarebbe potuto salvare. Nessuno lo ha aiutato e nessuno si è preoccupato di lui.

Uares era molto depresso perché non avevamo il permesso di soggiorno, e ad Eleonas non ci hanno aiutato per niente. Anche i nostri bambini nati qui sono privi di documenti, sono anche considerati illegali. Mio marito è morto, la nostra casa e i vestiti a Eleonas hanno preso fuoco, tutto ciò che chiedo è aiuto e giustizia.

Sono andato alla polizia e gli agenti hanno chiesto i miei documenti. Quando ho detto loro che non ne avevo, hanno detto alle persone che mi accompagnavano di prendere i miei figli perché mi avrebbero arrestato e deportato. Sono qui da sette anni e voglio lasciare la Grecia e andare in Italia dai miei parenti. Ero così spaventato, stressato e i miei figli erano spaventati e non riuscivano a dormire la notte. È impossibile per me restare qui. Ho chiesto di prendere i miei documenti per andare in Italia. Voglio essere sentito in tutta Europa che il governo greco non aiuta i rifugiati e gli immigrati. La giustizia non è solo per me, ma anche per tutte le rifugiate e le donne immigrate che si trovano in Grecia”.

I fratelli Ambida vivevano a Fusigniano, in Italia, e appena appresa la spiacevole notizia decisero di venire in Grecia. Samina e Abid hanno parlato con Documento chiedendo che venissero consegnati alla sorella i documenti per portarla con loro in Italia:

“Siamo devastati da quello che è successo. Il governo greco è indisponibile e il sistema legale è pessimo. Chiediamo giustizia e le carte di Ambida per portarla con noi in Italia. Non vogliamo che resti qui più a lungo. Noi sono molto preoccupati per la sua vita e la sua salute e non possiamo stare qui a prenderci cura di lei”.

La sua amica Alisa, che vive anche lei a Fuziniano, racconta la situazione in cui ha trovato il campo di Eleonas quando è andata a trovare Ambida:

“Camp Eleonas è molto brutto, molto sporco e pieno di scarafaggi. È impossibile sopravvivere qui. Non è nemmeno possibile che gli animali vivano qui, per non parlare degli umani. Non so cosa sia successo alla razza umana in Grecia, come abbiano fatto poteva vedere persone, persone che vivono in scarafaggi, con bagni rotti e senza cibo”.

Fonte: documentonews.gr

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.