DuniaSBK

È stato un inizio spettacolare della stagione 2023 per Ducati nelle Dolomiti italiane, quando hanno presentato i loro concorrenti per il nuovo anno di gare. Il Campione del Mondo in carica Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati) indossava il numero 1. Alla presentazione si è parlato molto e abbiamo chiacchierato con alcuni dei protagonisti del progetto WorldSBK di Ducati, oltre che con i due piloti, e vagliato attraverso i pezzi migliori.


Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati): “È come una sfida personale… sono molto orgoglioso di avere questo numero”

Discutendo della sua decisione per il numero 1, Bautista all’inizio non era sicuro al 100%: “Ho scelto il numero 1 per il 2023 perché è come una sfida personale. Quando hai il numero 1 sulla moto, è l’unico obiettivo per vincere. Questa è una buona motivazione “Mi sentivo molto forte per mantenere il numero 1 sulla moto e alla fine io e il mio bambino abbiamo preso la stessa decisione. Abbiamo scelto il numero 1 per questa stagione. Sono molto orgoglioso di avere questo numero sulla mia moto, è vero quando Ho guardato il WorldSBK in passato, quindi il mio ricordo è la Ducati con il numero 1. Il mio primo ricordo del WorldSBK è la Ducati con il numero 1 Ecco perché sono molto orgoglioso di avere questo numero e penso che non significhi più pressione ma più motivazione, quando vinci hai bisogno di molta più motivazione per continuare a lottare, continuare a lavorare e non rilassarti mai e dire: ‘Ho vinto e posso essere calmo’ penso che questa sia la motivazione extra per avere più pressione e cercare di difendere il campionato con il numero 1”.


Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Ducati): “ho visto che quello che stavo facendo non era abbastanza per lottare per il campionato”

Michael Ruben Rinaldi ha ambizioni per tornare sulla strada del successo e lottare per il titolo: “Ho visto che quello che stavo facendo non era abbastanza per lottare per il campionato, quindi ho dovuto fare le mie gare e le mie gare. Analizza il campionato e cambiare la mia preparazione. Ora mi sto preparando per la nuova stagione in modo diverso. Questo è stato il cambiamento più grande per me. Pensavo che avrei fatto molto di più, ma come possiamo vedere il livello del WorldSBK è molto alto ora, quindi tutti stanno mettendo molta pressione su di me. Penso che farò parte di questa lotta e farò del mio meglio per realizzarla “.


Claudio Domenicali (AD Ducati): “Quando togliamo la pelle dalla moto, fa parte della storia”

L’amministratore delegato della Ducati, Claudio Domenicali, ha voluto lo stesso, ma ha sottolineato l’emozione del lancio del team: “È molto, molto emozionante. Non è qualcosa che puoi comprare, si tratta solo di duro lavoro. Siamo molto orgogliosi ed entusiasti di poterlo fare a Madonna di Campiglio dove presentiamo questi due fantastici team in un posto bellissimo sono stato con l’azienda per oltre 30 anni quindi sono nell ‘”era nebbiosa” con il numero 1 nelle moto in crescita è in un museo penso che oggi quando abbiamo preso la pelle dalla moto, fa parte della storia. La moto sarà nel museo quando smetterà di funzionare. Penso che possiamo fare molto bene Aspettatevi gare e spero che ce ne saranno altre! Cercheremo sempre di vincere e il campionato è ancora molto lungo quindi tanti a seconda di quanto Alvaro e Michael possono continuare ad allenarsi, quanto riescono a concentrarsi mentalmente… ap è uno sport. Si tratta molto di tecnica, ma almeno riguarda la fiducia e la concentrazione del pilota”.


Paolo Ciabatti (Direttore Sportivo Ducati Corse): “Toprak e Jonny saranno i principali rivali di Alvaro, Michael può fare piccoli passi!”

Paolo Ciabatti è soddisfatto del ritorno del numero 1 e nutre grandi speranze per il 2023: “Avere di nuovo il numero 1 in Ducati nel WorldSBK e anche in MotoGP™ è una bella sensazione. La sfida è mantenere il numero 1 sulla carena per il prossimo anno. Abbiamo omologato il modello nuovo per questa stagione, si tratta di un’evoluzione della molto competitiva V4 R. D’altra parte penso che Alvaro sia molto fiducioso e in ottima forma, sa benissimo che i soliti noti, Toprak e Jonny, lo faranno essere i suoi principali rivali, ma abbiamo anche delle prospettive, è positivo che Michael possa fare piccoli passi. Ad essere onesti, c’è sempre pressione, specialmente quando sei il campione del mondo in carica che va alla prossima stagione. Vedo Alvaro in un modo molto fiducioso, molto rilassato. Penso che abbia raggiunto un certo punto della sua carriera, ha 38 anni ma vero. apparentemente al suo meglio. È felice a casa con la sua famiglia e la figlia. Penso che sia il chat positiva e lei sentirà sicuramente la pressione, ma non la vedo davvero preoccupata di ciò che ci si aspetta da lei. È pronto a combattere di nuovo come ha fatto nel 2022 e mantiene la sua posizione numero 1. 1 nel 2023.”


Stefano Cecconi (Aruba.it Racing – Ducati. Team Leader): “Pochi giri, non una rivoluzione”

Il Team Leader Stefano Cecconi ha dettagliato alcune delle modifiche alla nuova Ducati Panigale V4 R, sostenendo che si tratta di modifiche minori e non di una revisione radicale: “Ci sono state alcune evoluzioni al motore. Questa non è una rivoluzione, questo non è un modello completamente nuovo. “Comunque Ducati ha lavorato molto sul motore, sulla coppia del motore. La marmitta è la cosa più visibile, ma c’è molto di più sotto la carena. Abbiamo lavorato molto per aumentare l’accelerazione, la prima fase di accelerazione, per ottenere più trazione e più coppia in quella zona. L’area in cui dobbiamo migliorare di più, anche se partiamo da un ottimo livello, i giri sono un po’ più alti. Alla fine, ci riferiamo ora”.

Segui la stagione 2023 con stile con Video Pass WorldSBK!

Fiore Greco

"Fanatico dei social media hipster. Introverso. Tossicodipendente del web. Risolutore di problemi incredibilmente umile. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *