Coumboscuro: In questo villaggio italiano la gente non parla italiano

È nell’elenco delle lingue dell’UNESCO nella categoria “decisamente in pericolo”

Soprannominata la “Piccola Provenza d’Italia”, Sancto Lucio de Coumboscuro è quasi isolata in ogni modo.

Il villaggio si trova vicino al confine tra la regione Piemonte d’Italia e la Francia, i visitatori devono volare a Torino e prendere un treno e poi un autobus o guidare a sud dalla Provenza per arrivarci.

I turisti che vengono qui potrebbero chiedersi se sono nel posto giusto quando sentono la gente del posto salutarsi con uno sconosciuto “arveire” invece di “arrivederci”. La lingua ufficiale di Coumboscuro è il provenzale, l’antico dialetto neolatino dell’occitano medievale, la lingua parlata in tutta la regione occitana della Francia. La lingua provenzale è nell’elenco delle lingue dell’UNESCO come “certamente in pericolo”, poiché attualmente è parlata da meno di 200.000 persone.

Nel villaggio vivono solo una trentina di persone e la vita non è facile. I cumboscuro sono per lo più costituiti da una famiglia di pastori, che spesso trovano il loro gregge attaccato dai lupi che vagano qui. L’elettricità spesso si interrompe per settimane durante l’inverno, mentre la connessione a Internet qui è quasi inesistente.

Tuttavia, i tranquilli prati di montagna e le zone di lavanda viola del villaggio sono l’ideale per i visitatori che cercano un rifugio appartato, oltre a viste mozzafiato sulle cime alpine, che si estendono fino alla Costa Azzurra. Qui, dimentica i bar, i supermercati e i ristoranti, qualsiasi “stronzo” sociale è limitato all’occasionale evento folcloristico che si svolge nel villaggio o quando i viaggiatori si imbarcano in una tranquilla caccia ai funghi nel fine settimana.

La gente del posto conduce uno stile di vita più lento e semplice in armonia con la natura. “Non abbiamo i televisori. Non ti manca davvero quello che non avevi mai avuto all’inizio. “Quando c’è un’interruzione di corrente per 15 giorni di seguito, non c’è bisogno di farsi prendere dal panico: riesumiamo la vecchia lampada a olio dei nostri nonni ”, dice Agnes Garrone. , una pastore di 25 anni, ha detto a CNN Travel.

“Mi alzavo all’alba per accudire le pecore. Lavoro 365 giorni all’anno, senza giorni di riposo. Non so Natale o Capodanno, perché anche nei giorni festivi il mio gregge deve mangiare e guardare. “È un vita di sacrificio, ma è molto appagante quando hai visto nascere un agnello».

Garrone gestisce La Meiro a Choco, un’antica fattoria che sembra essere l’unico B&B a Coumboscuro.
Chi ordina si addormenta nelle tradizionali capanne di legno, prova i prodotti freschi dell’orto e ha la possibilità di acquistare lana di alta qualità da una pecora autoctona italiana chiamata Sambucana, nota anche come Demontina.

Mentre molti dei paesani più giovani sono andati a cercare un futuro migliore altrove molti anni fa, Garrone ei suoi fratelli hanno deciso di rimanere e lavorare nella loro terra ancestrale. La loro madre coltivava lino e altre spezie per scopi medicinali e preparava lo sciroppo.

“I visitatori sono invitati a venire a stare con noi, abbiamo bisogno che le persone scoprano il nostro mondo, non vogliamo essere dimenticati e abbiamo così tanto patrimonio da condividere”, ha detto Garrone.

La 25enne considera il provenzale, spesso descritto come un misto di francese e italiano, come sua lingua madre piuttosto che l’italiano. Spiega che essere membro di una comunità culturale e linguistica che esiste da secoli fornisce un forte senso di identità e di appartenenza territoriale.

Con informazioni dalla CNN

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.