Viaggia per il mondo su 77 treni in 77 giorni

Azman Mokhtar è un vero viaggiatore, devoto, dilettante e non un professionista. Viaggiare non è il suo lavoro, ma il suo hobby. Appassionato di treni, ne conosce la magia fin da studente (prima che i treni venissero sorpassati dagli aeroplani, oggi è diventato uno dei mezzi di trasporto più diffusi, essendo tra i meno inquinanti). All’età di 18 anni, grazie a una borsa di studio del governo malese, ha studiato contabilità in Inghilterra. “Imparare la contabilità può essere relativamente noioso. Sono più interessato a viaggiare, fare l’autostop. Per me, venendo dall’Asia, l’Europa apre una finestra su un nuovo mondo, pieno di arte, cultura, musei.” Nel 1981 acquista un biglietto Interrail da Londra al Pireo di andata e ritorno.

“Ero con diversi amici. Uno di loro era un greco-cipriota, John, mio ​​compagno di studi di contabilità. Mi disse: “Azman, vieni con me, faremo i camerieri su una nave da crociera”. Abbiamo viaggiato per due settimane. Abbiamo attraversato la Francia, l’Italia e da Brindisi abbiamo preso un battello per Corfù e da lì siamo arrivati ​​al Pireo e ad Atene. Nella folla ci siamo persi. Ho 10 sterline in tasca sono con un altro amico malese la cui sorella sta studiando a Londra e lei ha una studentessa greca. Siamo andati a casa di questa ragazza, che è sposata, ma suo marito è scomparso. Noi due giovani non potevamo vivere con lei in casa, quindi ci ha messo tetto. Era bello e ricordo che stavamo stendendo i nostri vestiti e potevamo vedere il Partenone da dietro. È fantastico. Mi ci sono volute sette settimane per tornare a Londra, perché ho attraversato diversi posti in Europa. Dall’ex Jugoslavia , Austria, Je rman. È stata l’estate più bella della mia vita”.

Viaggiare da Londra ad Atene e ritorno in treno, traghetto e fare l’autostop è la prima vera emozione di viaggio di Azman. “Penso che da quel momento in poi ho sviluppato il desiderio di vedere il mondo”. Durante la sua vita ha avuto una carriera di grande successo durata 40 anni, 15 dei quali, dal 2004 al 2019, come CEO di quello che Khazanah chiama il “Tesoro malese”, un grande fondo nazionale che gestisce 14 miliardi di dollari». Quando hai una posizione del genere, diciamo che hai abbastanza potere, ma la tua vita è come una gabbia d’oro. Conosci il famoso punto di riferimento della Malesia, le Petronas Twin Towers? Il mio ufficio è lì. Letteralmente al di sopra del mondo ma in una gabbia. Ho sempre sognato che un giorno volevo uscire ed essere libero. Ricordo il viaggio in treno del 1981 e altri viaggi che feci in seguito.’

Viaggia per il mondo su 77 treni in 77 giorni-2

A parte l’esperienza personale, la forza trainante di Azman era un libro, “The Great Railway Bazaar” di Paul Theroux. “È un classico. Paul Theroux ha scritto questo sul suo viaggio da Londra al sud-est asiatico in treno e andata e ritorno. All’epoca, negli anni ’70, non potevi entrare in Cina. Penso che sia volato in Giappone e da lì a Vladivostok . e riportato la Transiberiana in Europa. Ho letto il libro quando avevo 19 anni. Quando ne avevo 39, l’ho letto di nuovo e mi sono detto che l’avrei fatto prima dei 59 anni, cosa che ho fatto”.

Grande decisione

Nel 2019 Azman ha compiuto 58 anni. “Quell’anno, da un lato, mi sono dimesso”. Fu allora che iniziò un viaggio in treno in stile Paul Theroux. “Viaggiare in questo modo non è facile, ma nemmeno difficile. Cosa ci vuole per un uomo per fare un viaggio come questo? Salute, tempo, denaro – non necessariamente molti, ma assolutamente necessari. A volte puoi avere tutto questo, ma il mondo è chiuso”. Allora, il 2019 è stato un momento magico? “Quello, sì. Infatti, tre mesi dopo il mio ritorno, è scoppiata una pandemia”.

Viaggia per il mondo su 77 treni in 77 giorni-3

A partire dalla Malesia, Azman si è trasferito in Thailandia, poi in Vietnam e nella Cina meridionale. Poi è andato in Mongolia, “un paese fantastico”, ha preso la Transmongola e la Transiberiana ed è arrivato a Mosca. “Poiché non potevo ottenere un visto per la Bielorussia, sono andato in Finlandia, a Helsinki, poi ho preso il traghetto per Stoccolma. Ho attraversato Copenaghen verso la Germania, la Svizzera, Venezia e Londra.” Ha attraversato l’Atlantico sulla famosa nave “Queen Mary” ed è arrivato a New York il 1 settembre. Da lì è iniziato un nuovo capitolo, attraversando l’America in treno. “Sai , Puoi attraversare l’America per soli $ 250, in cinque giorni, in classe economica. Dopo ti farà male la schiena, ma si può fare. Ho speso più soldi e avevo un letto e cibo. Andando a Los Angeles, ho cercato di trovare una barca da prendere sono andato a Singapore, ma è stato difficile, per mancanza di tempo. Così ho volato fino in Nuova Zelanda. Da lì sono andato in Australia, Indonesia, Singapore e da lì di nuovo in Malesia”. 77 treni in 77 giorni. “Non l’ho pianificato”, il numero è uscito casualmente.

Viaggia per il mondo su 77 treni in 77 giorni-4

Un uomo che ha attraversato quattro continenti e viaggiato per il mondo in treno (insieme ad aerei e navi, quando necessario) ha sicuramente sviluppato preferenze e può sicuramente confrontare reti, infrastrutture, livelli di servizio e ferrovie di diversi paesi. Non ci sono brutti treni per Azman, nessuno dei 77 lo ha deluso. Qualcosa che lo ha colpito è stato che “nei cosiddetti paesi in via di sviluppo non ci sono ritardi di rotta. Ironia della sorte, quando sono entrato in un paese sviluppato, hanno iniziato a sorgere problemi. In Svezia, America, Nuova Zelanda ho avuto lunghi ritardi. L’America è un paese che prospera sulle ferrovie, ma le sue infrastrutture sono da terzo mondo”.

Altrimenti, “il treno in Tibet è molto speciale, perché è ad una quota molto alta” [σ.σ.: ένα κομμάτι της γραμμής βρίσκεται πάνω από τα 4.000 μ.]. Immagina che all’interno del treno abbiano delle maschere per l’ossigeno. I treni svizzeri sono anche unici, sia in termini di costruzione che di scenografia. E non sono costosi. Ho preso il Bernina Express, che è un Monumento ai Beni Culturali”. In termini di lusso, “niente è paragonabile all’epico Orient Express, che collega Venezia a Londra”, mentre i treni più impressionanti sono i treni cinesi. “Ammetto di non “Non sanno molto di tecnologia ferroviaria, ma in Cina hanno una rete ferroviaria ad alta velocità molto ampia, con treni veloci e molto efficienti”.

Viaggia per il mondo su 77 treni in 77 giorni-5

Da un punto di vista politico, forse il treno più interessante che ha preso è stato il Reunification Express, che collega il nord e il sud del Vietnam e il cui nome si riferisce alla riunificazione del Paese dopo la fine della guerra. “Per due giorni e mezzo sei nel mezzo di trasporto dove la gente mangia. Dopo un giorno o due, il treno odora di Vietnam. Oltre a ciò, attraversi l’intero paese”, cioè l’intero Vietnam passa prima del tuo occhi. “Vai al buffet, dove gira la pipa della pace”, una vera pipa con dentro una specie di fumo che nemmeno Azman sapeva cosa fosse, l’ha semplicemente succhiata e l’ha passata al passeggero successivo. Questo è il bello di un viaggio come questo. “Non sai cosa ti aspetta ogni giorno…”

Info: per seguire i percorsi e le fermate di Azman, visita il suo blog, azman-mokhtar.my.

Maura Pirlo

"Secchione di pancetta. Orgoglioso secchione di Twitter. Piantagrane. Studioso di cibo freelance. Devoto drogato del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.