Una bicicletta segna la vita di Davide Nicolas

Davide Nicola vuole ripetere l’impresa di tanti anni fa con Crotone, portando la Salernitana nella magia della residenza. Poi andava in bicicletta, onorando la memoria del figlio perduto.

Quella bicicletta è una delle poche cose che impari nella vita e non dimentichi mai. La prima volta che stai su due ruote senza ausili è una delle prime vittorie per i bambini. È impresso nella tua mente in questo momento e soprattutto nei tuoi genitori orgogliosi, anche se è qualcosa di piccolo e semplice.

Ma come può una bicicletta segnare tutta la tua vita? Davide Niola lo sa… Un uomo il cui nome potrebbe non parlare molto al mondo. Coloro che l’hanno guardato con rabbia Serie A, allora sapranno che è un allenatore. O in altre parole, meglio formatore di operazioni speciali convocati ogni volta per compiere le prove più difficili. In una squadra che sembra finita, sdraiata alle corde e con le spalle al muro, il tecnico italiano avere… sapere come evitare la retrocessione. Un guerriero, la cui vita riserva un grande dramma.

QUELLO Davide Nicola voglio ripetere i successi di tanti anni fa con lui crotoneprendila Salernitana nella magia di restare. QUELLO Salernitana che tutti considerano completa e come parentesi la sua presenza nella prima categoria. Non avevano torto con l’intera questione della proprietà da parte sua Claudio Lotito il mese scorso per “coprire” i calciatori. Fino ai primi giorni del 2022, Salernitana acrobazie tra Serie A e a Serie B. Molto probabile l’espulsione dal campionato, in quanto il regolamento non consente al titolare di avere due squadre in prima divisione (ss. Salernitana e Lazio). Naturalmente per il problema della concorrenza e della concorrenza. Il cambio di testimone è finalmente fatto, non è chiaro chi sia Daniele Hervolino e se è la parte anteriore lotto o qualcun altro… una terza parte, ma c’è un cambio di proprietà.

Un mese dopo e restringendo i margini, la nuova amministrazione si rivolge alla soluzione Davide Nicola. Sembra relativamente tardi, ovviamente, quando arriva, perché Salernitana hanno solo 12 punti e sono lontani dalla zona retrocessione. Il tecnico 43enne non ha esitato ad accettare la proposta e ancora una volta ha accettato di sollevare la barca dalla… roccia. Maggior parte, con 3 vittorie e 3 pareggi in 10 partitenon solo riduce la differenza dalla cintura a tre punti, ma riduce anche il gioco con croce Venezia. L’acqua era in trincea poiché la maggior parte dei suoi giocatori era disponibile e ha ribaltato la linea piatta 3-5-2. Resta da vedere se Missione impossibile Lo farà “Potrebbe essere” e ricorderà i suoi successi molti anni fa Davide Nicola insieme a crotone. Piccole parentesi, come è riuscito a salvare così tanto le stagioni precedenti Torinobuono come Genova. Ci muoviamo…

Davide Nicola: Le biciclette hanno segnato la sua vita

A differenza della stagione 2016/17, il tecnico italiano era già in panchina per la neonata squadra. L’anno non è andato per niente bene, l’amministrazione ha continuato a tenerlo in ufficio nonostante il chiasso dei tifosi. Nella 29a partita, il Crotone ha ottenuto solo 3 vittorie e un record di 3-5-21. “Dobbiamo rinunciare a loro? Probabilmente stai scherzando. Cosa fare, perché tutti tornino a casa? Crederemo fino a quando l’ultima speranza non si spegnerà”disse l’allenatore italiano.

Improvvisamente l’interruttore girò. Con una demarcazione così magnifica che potremmo non rivedere mai più Serie AQuello crotone 6 vittorie, 2 pareggi e una sola sconfitta contro la Juventus. Batti Chievo Verona, Inter, Sampdoria, Pescara, Udinese, Lazio e pareggia con Torino, Milan. La fine del campionato lo ha trovato a 34 punti, due in più di lui empoliche seguono Palermo e pescara in Serie B.

“Il novantanove per cento dei club italiani avrebbe licenziato Nicolas, ma lui ha insistito e la sua fiducia ha portato altri a credere che un miracolo fosse possibile. I giocatori hanno mostrato grande coraggio sotto di lui e la loro intesa con l’allenatore è stata grande”.ha dichiarato uno dei suoi seguaci crotone dopo la finale di campionato.

Davide Nicola: Le biciclette hanno segnato la sua vita

“Questa è una squadra fantastica che gioca con passione e organizzazione. La nostra storia è il miglior messaggio per i crotonesi. Nessuno ci ha dato una possibilità ma siamo ancora qui”disse con le lacrime agli occhi dopo la vittoria su di lui Lazio l’ultima partita, unita alla sua vittoria Palermo su di lui empolitenerlo crotone nella categoria. Nel complesso, ha un eroe invisibile, che può essere chiamato come “Vardo italiano”. QUELLO Andrea Naliniper tale motivo, è stata acquisita la scorsa estate da Salernitana (ss. vedi qui la coincidenza), ma è difficile alzarsi in piedi Serie A. Tuttavia, è il giocatore che ha segnato due dei tre gol nell’ultima partita contro Lazio. Un bambino, che fino all’età di 20 anni ha lavorato in una fabbrica come saldatore, per guadagnare soldi. “Era l’unico modo, perché il mio stipendio nel calcio amatoriale non era abbastanza, quindi ho dovuto trovare un altro lavoro per portare soldi anche alla mia famiglia”., ha riferito. Ambizione, sacrificio e caparbietà: la mentalità Nalin gli sta così bene crotone.

Davide Nicola: Le biciclette hanno segnato la sua vita

QUELLO crotone a partire dal Davide Nicola hanno compiuto l’impossibile. È ora di guidare la sua bici preferita, dove trascorre gran parte del suo tempo libero. Lo fa quasi tutti i giorni, perché lo ama così tanto. Deve mantenere la promessa che ha fatto a se stessosempre che si prenda cura di lei crotone nella categoria. Percorrerà più di 1300 km in Italiaa partire da crotone e arrivare così lontano vigone, vicino a Pinerolo. Dove vive, dove vive con la sua famiglia e nel luogo dove nel 2014 è morto suo figlio. L’unico figlio maschio di 14 anni, che ha preso la sua bicicletta ed è andato a fare un giro in bicicletta, ma non è più tornato a casa. Perché pochi metri prima di raggiungere la sua casa, Alessandro è stato investito da un autobus e ha freddo sull’asfaltodisperdendo la sua famiglia nel dolore e nel dolore.

Davide Nicola: Le biciclette hanno segnato la sua vita
Davide Nicola: Le biciclette hanno segnato la sua vita

Il potere che attrae Nicola, viene da suo figlio. Questo povero ragazzino, morto invano. QUELLO Davide Nicola lei farà di tutto per onorare suo figlio. Ha trascorso nove giorni sulla sua bici preferita, passando per vari luoghi che hanno segnato la sua carriera calcistica e di allenatore. Ha superato TarantoQuello sbarraQuello pescaraQuello anconaQuello Livorno, Genova e Torino. Si è licenziato, è stato adorato dagli amici abbandonati dal suo amante Davide in ogni città e continuò. Ma vuole anche mostrare a tutti che le strade in Italia non sono sicure e che altri ragazzi potrebbero essere trascinati via come il suo in un veicolo e perdere la vita ingiustamente.

Davide Nicola: Le biciclette hanno segnato la sua vita

“La cosa più importante per me è che il mio obiettivo sia stato raggiunto. Ho mantenuto la mia promessa e, con l’aiuto di tante persone, abbiamo attirato l’attenzione di tante persone sui temi della sicurezza stradale. Qui a Torino sono stato accolto con grande entusiasmo. Sono molto felice”disse durante il suo giro in bicicletta.

Davide Nicola: Le biciclette hanno segnato la sua vita
Davide Nicola: Le biciclette hanno segnato la sua vita

È durato nove giorni in bicicletta, mandandogli continuamente messaggi di testo. Pochi giorni dopo l’impresa con lui crotone, di cui indossava l’aspetto, il giro in bicicletta sembrava un giocattolo. Soprattutto quando aveva una solida ragione per seguirlo. QUELLO Davide Nicola completa anche questa missione, quindi invia una lettera a Alessandro. Una lettera che fa piangere, che mostra che nulla nella vita è dato. Andare in bicicletta può essere fatale…

Davide Nicola: Le biciclette hanno segnato la sua vita

“Ciao amore mio.

Non so dove sei. Non so cosa stai facendo.

Forse eri tra le nuvole sopra di me quella notte quando sono corso a far volare la tua lanterna.

O sei qui, accanto a me? Sì, sono sicuro che sei qui con me.

Abbiamo lottato insieme in questo anno molto difficile, ma oggi so che sei sempre qui con me.

Sei riuscito con tutte le tue energie a darmi la forza di combattere e di continuare a rincorrere l’impossibile, l’impossibile, l’impossibile.

Ebbene, questa non è la mia vittoria, ma la nostra, così come la promozione in Serie A a Livorno.

Voglio davvero festeggiare con te, guardarti negli occhi e sorridere, prendere la tua mano e andare insieme a festeggiare.

Tutto questo è solo per te, e ogni successo che ho è tuo, tutti i miei sogni sono anche i tuoi sogni.

Voglio che il mio cuore continui a battere per te e che tu possa ancora vivere attraverso di me…”

sport-fm.gr

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.