Un altro migrante salvato nel Mediterraneo

/picture alliance, Daniel Kubirski

Roma Organizzazione Medici Senza Confini (MSF) ha soccorso circa 100 migranti in barca nel Mediterraneo centrale. L’altro ieri, i volontari di Geo Barents hanno portato persone nel nord-ovest della Libia da navi in ​​pericolo, ha detto l’organizzazione di soccorso privato su Twitter. Tra i soccorsi c’erano quattro bambini e una donna incinta.

Nella loro missione, i soccorritori marittimi privati ​​salvano dall’annegamento le persone che partono dalle coste del Nord Africa verso l’Unione Europea mentre fuggono o sperano in una vita migliore lì. Salvatore marino tedesco occhio di mare ha dato il via venerdì pomeriggio con Sea-Eye 4 alla loro seconda missione dell’anno nel Mediterraneo centrale.

Molti migranti si dirigono verso l’Italia. I paesi mediterranei di solito lasciano attraccare i soccorritori marittimi nei loro porti con le persone soccorse a bordo. Nella politica italiana, i partiti di estrema destra hanno più volte criticato l’operazione.

Secondo il ministero dell’Interno, quest’anno sono quasi 8.670 i migranti giunti sulle coste italiane, lo stesso numero dello stesso periodo dello scorso anno (circa 8.600). Secondo le Nazioni Unite, 511 migranti erano scomparsi o morti nel Mediterraneo centrale entro il 2022.

Anche organizzazioni umanitarie private SOS Mediterraneo ha soccorso 70 persone in pericolo al largo delle coste libiche. I migranti erano nel Mediterraneo su una piccola barca che ha perso l’aria, ha detto ieri l’organizzazione su Twitter.

Tra i soccorsi c’erano 17 minori non accompagnati. Secondo l’organizzazione, una nave della guardia costiera libica si è avvicinata mentre la Ocean Viking era dispiegata in acque internazionali, provocando il panico.

La guardia costiera libica ha più volte prelevato su imbarcazioni nel Mediterraneo centrale i migranti che avevano problemi in mare per poi riportarli nel Paese nordafricano. Le organizzazioni umanitarie private lo criticano perché le persone nei paesi in guerra civile sono minacciate di violenza. © dpa/aerzteblatt.de

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.