Turchia, Italia, Grecia: gli incendi boschivi nel Mediterraneo continuano a divampare

Stato: 01.08.2021 23:32

Nelle zone di villeggiatura del Mediterraneo, i vigili del fuoco continuano a combattere devastanti incendi boschivi. Dopo Turchia e Italia, molti incendi si stanno verificando anche in Grecia a causa del caldo estremo.

Con l’ondata di caldo in Grecia, anche lì si stanno verificando molti incendi boschivi. Almeno 16 persone hanno dovuto essere curate per problemi respiratori negli ospedali del Peloponneso, ha riferito la televisione di stato. Secondo la protezione civile greca, solo nella penisola sono divampati 58 incendi, ma la maggior parte delle fonti di fuoco è stata rapidamente messa sotto controllo.

Diverse case nella cittadina di Egion furono distrutte. L’incendio è stato domato domenica mattina. Il rischio incendio resta alto a causa della siccità, avverte la protezione civile. Intanto continua la “calda storica” ​​- come la chiamano molti meteorologi -. Dopo che i termometri hanno mostrato valori fino a 43 gradi negli ultimi giorni, domenica sono previste temperature intorno ai 45 gradi in alcuni luoghi.

Non c’è fine all’ondata di caldo greca in vista

Ci dovrebbero essere nuovi picchi lunedì e martedì, ha annunciato l’ufficio meteorologico greco. Peggio ancora, le notti restano calde, soprattutto nelle aree metropolitane, con temperature superiori ai 30 gradi. La città apre sale climatizzate per i residenti che non hanno l’aria condizionata in casa. Il lavoro esterno dovrebbe essere ridotto il più possibile, ha affermato il ministero del Lavoro.

Le organizzazioni per la protezione degli animali hanno chiesto ai residenti di fornire acqua agli animali selvatici in luoghi ombrosi e di continuare a riempire le ciotole d’acqua. Non è chiaro quando il calore si placherà. Alcuni meteorologi temono che questa situazione pericolosa possa durare fino a due settimane.

Lotta al fuoco in Turchia

Anche nel sud della Turchia, molti servizi di emergenza stanno continuando la loro lotta contro gli incendi. Secondo l’agenzia di stampa statale Anadolu, l’incendio è scoppiato di nuovo sabato nella località balneare di Bodrum, nel Mar Egeo, in Turchia. Secondo l’emittente televisiva CNN Türk, interi quartieri sono stati evacuati poiché le fiamme sono state soffiate dai forti venti provenienti dal vicino distretto di Milas. 540 persone hanno dovuto essere portate in salvo in barca poiché le strade non erano più percorribili.

Decine di villaggi hanno dovuto essere evacuati, anche nella zona di villeggiatura di Antalya, secondo i media turchi. L’Unione Europea sostiene la Turchia nella lotta contro gli incendi. L’Unione Europea ha annunciato che saranno disponibili due autopompe dalla Spagna e una dalla Croazia. Di recente, Russia, Ucraina, Iran e Azerbaigian hanno inviato servizi di emergenza per fornire supporto.

L’incendio è scoppiato mercoledì e si è diffuso rapidamente lungo la costa mediterranea della Turchia a causa del caldo e dei forti venti. Secondo le informazioni ufficiali, nell’incendio sono morte almeno otto persone, inclusa una coppia turco-tedesca. Più di 300 persone sono rimaste ferite. Secondo il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, i bambini hanno appiccato uno degli incendi a Marmaris.

Erdogan: Dietro gli incendi potrebbero esserci organizzazioni terroristiche

Il ministro dell’agricoltura e delle foreste Bekir Pakdemirli parla ora di oltre 100 incendi boschivi, cinque dei quali non sono ancora sotto controllo. Poiché molti incendi sono scoppiati quasi contemporaneamente vicino a popolari siti turistici, anche le autorità stavano indagando sull’incendio doloso. C’è stato un arresto.

Erdogan non esclude che le organizzazioni terroristiche stiano bruciando. Da quando è scoppiato l’incendio, i media filo-governativi hanno ipotizzato che il PKK curdo fuorilegge potesse essere responsabile. Non ci sono prove di questo.

Per la Turchia, questo è il peggior incendio in un decennio. Secondo le autorità, dall’inizio dell’anno sono stati bruciati quasi 95.000 ettari. Nello stesso periodo dal 2008 al 2020, la media era di soli 13.000 ettari circa.

Incendi e ondate di caldo nell’Europa meridionale

Anja Miller, ARD Roma, tg 20:00, 31 luglio 2021

incendio in Sicilia

L’Italia ha segnalato più di 800 incendi, di cui 250 solo in Sicilia. Centinaia di vigili del fuoco continuano a combattere devastanti incendi boschivi sulla popolare isola delle vacanze. I vigili del fuoco hanno annunciato domenica pomeriggio che oltre 800 persone erano in servizio. Nelle ultime dodici ore, i soccorritori sono stati schierati più di 230 volte a causa degli incendi boschivi. Gli aerei dei vigili del fuoco della flotta nazionale effettuano missioni in tutto il paese. Oltre a diverse province siciliane, hanno preso di mira anche obiettivi in ​​Calabria all’estremità dell’Italia e nella regione adriatica della Puglia.

In Sicilia, soprattutto intorno alla città di Catania, sono interessate anche le località di villeggiatura. Il sindaco Salvatore Pogliese ha scritto su Facebook di una zona “totalmente devastata” a sud della città. Famiglie e aziende sono state colpite dagli incendi.

Le temperature in Sicilia sono state di circa 40 gradi Celsius negli ultimi giorni. A causa della siccità, del caldo e del forte vento, il fuoco si è diffuso rapidamente. Diversi incendi sono stati collegati a incendi dolosi.

Incendi in Sicilia: l’est della popolare isola di villeggiatura è stato gravemente colpito.

Immagine: ROBERTO VIGLIANISI via REUTERS

Team di supporto inviato

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha firmato domenica presto un decreto che consente alla Sicilia di ricevere ulteriore sostegno dal resto d’Italia. Secondo le autorità di protezione civile, le squadre dovrebbero essere inviate dall’Alto Adige, dalla Lombardia, dal Piemonte e dal Veneto, ad esempio. Il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci ha chiesto aiuto. Ha detto che in alcuni casi sono scoppiati degli incendi. Ci dovrebbe essere l’ergastolo per questo.

Uragano nel nord Italia

Diversa è la situazione nel nord Italia. Lì, forti piogge hanno causato tra l’altro l’allagamento, l’allagamento e la caduta di alberi negli scantinati dell’Alto Adige. Le autorità di protezione civile in Italia avevano precedentemente inviato allerte meteo gravi al nord. Particolarmente rischiose sono anche le Prealpi della Lombardia settentrionale e intorno al Lago di Como.

L’associazione agricola Coldiretti stima una perdita di diversi milioni di euro per gli agricoltori del nord Italia. Durante i temporali, la grandine danneggia ulivi e campi di grano e influisce sulla crescita di frutta e verdura.

Altri incendi boschivi nella regione turistica della Turchia

Karin Senz, ARD Istanbul, 1 agosto 2021 11:55

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.