Tanto lavoro per le elezioni di DFB Flick

Lega delle Nazioni
:
“Fare le cose meglio”: molto lavoro per la selezione di DFB Flick

La nazionale tornò in Germania nient’altro che soddisfatta. Lo scontro 1:1 a Bologna contro l’Italia campione d’Europa non è stato un grande umore in un anno di Coppa del Mondo. Ma le cose si muovono velocemente.

Una breve trasferta insoddisfacente nell’umida Italia si è conclusa a tarda notte per Hansi Flick e la sua nazionale. Dopo un 1:1 (0:0) contro l’Italia campione d’Europa e un viaggio di ritorno diretto al quartier generale della squadra a Herzogenaurach, il tecnico della nazionale, apparentemente un po’ sobrio, non ha avuto molto tempo.

Il prossimo classico del calcio è già nei piani dell’impegnativa Nations League di Monaco di Baviera martedì (20:45 / ZDF): c’è un forte bisogno di miglioramento contro l’Inghilterra, anche in direzione del Mondiale.

“Ci siamo fatti comprare le budella”, ha concluso Flick sabato sera allo Stadio Renato Dall’Ara, seppur con voce pacata. “Non abbiamo fatto alcune cose come potevamo”. Ha menzionato la sua buona impressione dalla sessione di allenamento di pochi giorni prima. Tuttavia, nel gioco, si può vedere solo l’inizio. Contro l’Inghilterra dovrebbe esserci un cambio nell’XI titolare.

“Analizzeremo la partita e speriamo di ottenere un risultato diverso martedì”, ha detto il tecnico della nazionale riferendosi alla partita contro i Tre Leoni, che sabato hanno perso 1-0 in Ungheria. “Vogliamo fare cose migliori, possiamo fare cose migliori”. La rosa è “molto brava”. I giocatori che stanno “performando al 100%” dovrebbero essere votati, ha detto Flick.

Mancanza di stimolazione delle prestazioni visibili

Pochi nazionali sono lontani da quello sul campo scivoloso di Bologna. Leroy Sané non si fa pubblicità, ma Flick non vuole entrare in critiche individuali con lui. Serge Gnabry sull’altra fascia ha mostrato le sue capacità, ma ha continuato a commettere errori nel gioco di costruzione. Il blocco del Bayern, composto da sette professionisti negli undici titolari, sta ancora notando una mancanza di stimolazione delle prestazioni nelle ultime settimane e un calo della forma quest’anno.

“Gli italiani a volte sembrano un po’ più esperti di noi”, ha detto Flick. Non suonerebbe così efficace se il Ct dell’Italia Roberto Mancini non avesse un numero di potenziali esordienti nella sua rosa.

Nel tennis “si parlerà delle proprie colpe”, cioè errori che possono essere evitati e non forzati, dice Thomas Müller, che sta aprendo la strada a un blocco di tifosi ben riempito. Di conseguenza, non solo il nostro attacco ha sbagliato un po’, ma anche l’Italia ha vinto il pallone. E abbiamo usato più grano per recuperare la palla”. Il gioco “è appena caduto”, ha aggiunto l’esperto professionista del Bayern.

Flick: “Tornerà in carreggiata”

Joshua Kimmich (73 minuti) ha evitato una prima sconfitta nella sua decima nazionale sotto Flick poco dopo che l’Italia ha preso il comando su Lorenzo Pellegrini (70). “Non importa se è giusto o meno – vogliamo vincere”, ha detto Kimmich al microfono RTL. “Non siamo riusciti a mettere in campo il nostro gioco. Non abbiamo giocato intensamente come al solito”.

Dopo la partita contro l’Inghilterra, l’11 giugno a Budapest è contro l’Ungheria e tre giorni dopo a Mönchengladbach di nuovo contro l’Italia. “Ora si tratta di migliorare le cose”, ha detto Flick, riferendosi all’attacco di Bologna, che è stato innocuo. “Non sono affatto preoccupato, penso che torneremo in carreggiata e segneremo più gol”.

© dpa-infocom, dpa:220605-99-552152/2

Ecco la galleria fotografica: “Fare le cose meglio”: molto lavoro per la selezione di DFB Flick

(Dpa)

Calvina Fontana

"Fanatico della cultura pop hardcore. Studente. Comunicatore generale. Zombieaholic. Risolutore di problemi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.