Sia il 5° posto di Eurobasket 2022 una (solida) base

“Non competi con l’avversario, competi con la pallacanestro stessa”
(Bobby Knight)

Si è concluso domenica il pensiero del vero generatore di Eurobasket. Non solo per esperti, ma anche per chi mantiene un rapporto piuttosto superficiale con lo sport. Indipendentemente dalla classifica finale della squadra, l’evento ha comunque attirato l’interesse di quasi tutti i soggetti coinvolti (in ogni caso) con un livello molto alto e questo è il miglior criterio per definirlo un grande successo. Lady Hope ha scoperto chiaramente che per quanto riguarda gli eventi nazionali, il basket è stato sotto i riflettori per circa tre settimane. La TV si “accende” di nuovo come una volta…

Sì, noi qui in Grecia non sappiamo come si sono sentiti in Lituania quando la loro squadra ha perso contro la Spagna ed è stata eliminata, come si sono sentiti in Serbia quando ha perso contro l’Italia, in Slovenia quando ha perso contro la Polonia e così via. Tuttavia, vediamo bene che la sconfitta della nazionale di Dimitris Itoudis e dei suoi giocatori tedeschi è costata molto ai loro amici. Invariabilmente, la delusione è associata a aspettative iniziali elevate. E, sempre anche, nei primi giorni dopo il bando, la parte del leone della torta sia delle impressioni interne che del clima pubblico pervasivo è occupata dall’amarezza…

Ma è bello poter mettere qualcosa nelle giuste dimensioni. Per ogni soggettività c’è anche una dimensione oggettiva… Facciamo un’ipotesi di lavoro. Se la nazionale di calcio si fosse qualificata per i quarti di finale degli Europei, tutti darebbero per scontato che sia andata avanti un bel po’. Quindi, la stessa cosa è successa in Eurobasket. Una squadra che viene eliminata ai quarti di finale sarà considerata molto sfortunata, solo se è la grande favorita per il primo posto. Solo allora, cioè quando un girone è oggettivamente sufficientemente superiore all’altro, l’eliminazione ai quarti di finale può essere considerata un disastro. Il fallimento non è sempre fallimento. Anche il “passato gravato” non può dipingere completamente il presente con i suoi colori…

Perché a Eurobasket 2022 due cose si fanno strane: la prima è che alla fine non c’è un vero favorito e che per essere caratterizzato (prima del KO) da molti come un favorito, il criterio principale è un connubio tra preistoria e importanza ai grandi giocatori NBA di oggi. . .Ma in pratica sembra che né il passato giocando a basket nel presente, né Antetokounmpo, Doncic o Jokic siano sufficienti…

Il passato aiuta solo quando diventa la motivazione nel presente per lavorare sodo, avere la giusta mentalità e giocare con la fortuna indossando abiti che si adattano meglio e soddisfano i requisiti di base dell'”arte della seduzione”… , la Spagna ce l’ha fatta. Ma se Scariolo non costruisce quest’estate una squadra molto buona che migliora partita dopo partita (per aver imparato dai più piccoli errori e vulnerabilità), anche la “furia di Rocha” lascerà il torneo (forse prematuramente). ..

Per quanto riguarda “blu e bianco”? Una squadra che partecipa ai quarti di finale (e al termine di un torneo difficile e tortuoso si classifica quinta) o è una squadra molto fortunata o una squadra abbastanza brava che può “perdere” nel dettaglio un’ottima designazione di squadra. di una partita. La Grecia di Dimitris Itoudis, dopotutto, è una buona squadra che potrebbe essere molto brava nella stessa partita, nella stessa competizione, ma nel giro di un quarto d’ora può essere molto facile pagare un prezzo pesante per esistere disfunzioni e debolezze competitive. La generazione più anziana (per età) dei tifosi greci di basket, che ha avuto molti successi e anche consecutivi (da allora) con la Nazionale, potrebbe trovarsi in una posizione peggiore rispetto ai più giovani, perché sanno cosa si prova a vincere i quarti -finali la finale, l’hanno vissuta anche loro quando la nazionale ha fallito continuamente (noi) eravamo più malati…

Il basket moderno ha le sue condizioni. È difficile per i più competenti non capirlo. Alcuni esperti affermano che in questo evento è stato dato un nuovo inizio per la nazionale greca. Sia il 5° posto di Eurobasket 2022 una base (solida). Che sia l’inizio di una stabilizzazione che consentirà uno sforzo sostanziale per qualcosa di più in futuro. Lo sforzo complessivo fatto dall’inizio di agosto circa, sei vittorie, da buoni a ottimi intervalli, scambi di squadra e di folla, non può essere buttato nel “cestino dei rifiuti” perché nel terzo quarto dei quarti di finale con finalmente la Germania, medaglia di bronzo le cose davvero-giusto sbagliato in difesa e in attacco. Se, certo, la Nazionale potesse davvero fare qualcosa di più… Dal momento che nessuno ha firmato un contratto di successo, nemmeno MEE e i membri della Nazionale di Basket. Ci proveranno. Teniamolo a mente quando “diamo forma” ai nostri desideri…

Quello che tutti dovrebbero sottolineare per il futuro non sono solo le cose chiare e ovvie legate alla Nazionale. Lady Hope pensa che sia l’infrastruttura. Poiché il segreto dopo il 1987 era che la pallacanestro greca era rinnovabile, anche con qualche piccolo ritardo (vedi 1999-2003 per esempio), il materiale era vivace (per essere altamente competitivo). Federazioni, sindacati, allenatori, giocatori, genitori, giornalisti, tutti, dovrebbero interessarsi e lavorare (con un progetto) per la ricostruzione delle radici. Ognuno dal proprio posto e senza inutili confusioni e maleducati “voglie”… Gli spagnoli sono tornati di nuovo in testa perché sanno scavare e gettare i semi giusti quando e dove serve…

Maura Pirlo

"Secchione di pancetta. Orgoglioso secchione di Twitter. Piantagrane. Studioso di cibo freelance. Devoto drogato del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.