Salvatore marino tedesco sotto processo in Italia

A causa delle accuse di collaborazione con bande di trafficanti di esseri umani, 21 soccorritori marittimi provenienti da diversi paesi rischiano di essere processati in Italia. Gli imputati, tra cui i membri dell’equipaggio della nave di salvataggio delle ONG tedesche Jugend Rettet e le organizzazioni Medici Senza Frontiere (MSF) e Save the Children, sono accusati di aver prestato “assistenza allo sfondamento in Italia” nel 2016 e nel 2017.

Sabato inizia l’udienza preliminare in Sicilia, durante la quale un giudice deve decidere se avviare un’azione legale nei suoi confronti. La prossima udienza è fissata per il 7 giugno.

Kathrin Schmidt di Jugend Rettet: “Rischiamo 20 anni di carcere”

“Il nostro equipaggio ha salvato più di 14.000 persone bisognose dalla nave inadatta alla navigazione e sovraffollata (…) e ora dobbiamo affrontare 20 anni di prigione”, ha detto Kathrin Schmidt, che viaggiava sulla Jugend Rettet “Iuventa”.

Durante i cinque anni di indagine, sono state utilizzate massicce misure di intercettazione contro organizzazioni umanitarie, avvocati e giornalisti. Pertanto, i critici vedono l’indagine come un tentativo politicamente motivato di fermare il salvataggio del mare.

Il pm Brunella Sardoni ha detto all’agenzia di stampa Afp di aspettarsi che l’udienza preliminare “durerà diversi mesi”. Si riferisce alla “complessità” del caso. C’è un file con circa 30.000 pagine e centinaia di CD.

Almeno 12.000 migranti sono annegati lungo la rotta del Mediterraneo centrale dal 2014, con molti naufragi non rilevati. I soccorritori marittimi sono accusati di coordinare le loro azioni con i trafficanti provenienti dalla Libia e di aver trasportato nelle loro scialuppe persone la cui vita non era in pericolo. Le organizzazioni umanitarie hanno accusato di resistere a questo. L’Ong Medici Senza Frontiere ha condannato la “criminalizzazione degli aiuti umanitari”.

“Nessun contatto con i trafficanti libici”

“Iuventa” della Ong Jugend Rettet è stato sequestrato nel 2017. “Nei telefoni e computer sequestrati non è stato trovato alcun contatto con trafficanti libici”, ha detto l’avvocato della troupe “Iuventa”, Nicola Canestrini.

Un’indagine sull’organizzazione umanitaria è iniziata a seguito di una soffiata di un ex agente di polizia che ha lavorato come guardia di sicurezza sulla nave di Save the Children. In seguito si è pentito di aver chiamato la polizia e i servizi segreti. Alla domanda in un’intervista se avesse assistito a contatti tra soccorritori marittimi e trafficanti, ha risposto: “No, mai”.

Fiore Greco

"Fanatico dei social media hipster. Introverso. Tossicodipendente del web. Risolutore di problemi incredibilmente umile. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.