“Riprenderemo tutto”: Selenskyj: Hanno rotto la spina dorsale dell’esercito russo

“Ci riporterà tutti indietro”
Zelenskyj: Hanno rotto la spina dorsale dell’esercito russo

I feroci combattimenti continuano ad affliggere l’Ucraina. Ma il presidente Zelenskyy crede che il suo paese abbia “spezzato la spina dorsale” dell’esercito invasore russo. Tuttavia, credeva anche che la guerra potesse finire solo attraverso la diplomazia.

Nonostante la sconfitta nella città portuale di Mariupol, il presidente Volodymyr Zelenskyy ritiene che l’esercito ucraino abbia inflitto gravi danni alle forze armate russe. L’Ucraina “ha rotto la spina dorsale dell’esercito russo”, ha detto Zelensky in un’intervista televisiva. “Non saranno in grado di riprendersi per i prossimi anni”, ha detto il 44enne.

Poco prima, più di 2.400 difensori ucraini nella città portuale nel sud-est del paese si erano arresi e fatti prigionieri dalla Russia. Zelenskyy ha sottolineato che Kiev si sarebbe ripreso tutto. Il ritorno al fronte prima del 24 febbraio – giorno dell’inizio della guerra di aggressione russa – sarebbe già stato considerato una vittoria. “Significa che non ci stanno conquistando e stiamo difendendo il nostro Paese”, ha detto il capo dello Stato.

Ma arrivarci sarà molto difficile. Alla fine c’è la diplomazia. La guerra sarà “sanguinosa, ci saranno aspri combattimenti, ma si concluderà solo con la diplomazia”, ​​ha detto il capo di stato all’emittente ucraina ICTV. “Ci sono cose che possiamo ottenere solo al tavolo dei negoziati”. L’esito dei negoziati dovrebbe essere “equo” per l’Ucraina. Secondo Zelensky, dovrebbe esserci un documento sulle garanzie di sicurezza per l’Ucraina, firmato “da amici e partner dell’Ucraina, senza la Russia”. Allo stesso tempo dovrebbero esserci “discussioni bilaterali con la Russia”.

Trattative rinviate

Dall’inizio dell’operazione militare russa in Ucraina alla fine di febbraio, i negoziatori ucraini e russi si sono inizialmente incontrati regolarmente per negoziati o per discutere della risoluzione del conflitto tramite videoconferenza. Secondo le agenzie di stampa russe, l’ultimo incontro dei principali negoziatori dei due paesi si è svolto il 22 aprile, un mese fa.

La Russia ha incolpato l’Ucraina per l’impasse. “I colloqui in effetti non sono proseguiti e notiamo che i negoziatori ucraini non hanno assolutamente alcun desiderio di continuare questo processo”, ha detto mercoledì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov a Mosca. In precedenza, l’Ucraina aveva affermato che i colloqui erano stati sospesi a causa della posizione della Russia. Mosca non capisce “cosa sta succedendo nel mondo e il suo ruolo molto negativo”, ha affermato il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podoliak.

Nel frattempo, secondo il suo ministro degli Esteri, l’Italia ha elaborato un piano per una soluzione pacifica della guerra in Ucraina. “Ora serve un contrattacco diplomatico”, ha detto al quotidiano “La Stampa” Luigi Di Maio. Ha criticato il fatto che solo i singoli stati stanno attualmente cercando di mediare. Ora vogliono invitare tutte le organizzazioni internazionali pertinenti a collaborare. Il primo obiettivo è ottenere una pausa locale nella battaglia. Questo dovrebbe essere seguito da un cessate il fuoco, da un lavoro sulla neutralità e infine da un accordo di pace.

Di Maio pessimista

Il piano è stato sviluppato dai diplomatici e dal governo italiano e presentato ai negoziatori dei sette più importanti paesi industrializzati (G7), ha affermato Di Maio. Ha anche parlato con il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. L’ONU, l’UE e l’OSCE dovrebbero includere altri paesi come la Turchia e l’India come gruppo di lavoro principale.

Di Maio è però pessimista sull’attuale situazione nei negoziati con la Russia: “Non voglio sembrare un indovino, ma non vedo trattative a nessun tavolo”, ha detto. “Le azioni individuali non persuaderanno Vladimir Putin a negoziare”.

Calvina Fontana

"Fanatico della cultura pop hardcore. Studente. Comunicatore generale. Zombieaholic. Risolutore di problemi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.