Ridurre il tempo di visione della televisione può ridurre il rischio di malattie cardiache

La malattia coronarica si verifica quando il grasso si accumula in esse, causando un restringimento e riducendo il flusso sanguigno al cuore. I ricercatori affermano che ridurre il tempo trascorso a guardare la televisione può ridurre il rischio di sviluppare la malattia.

“Ridurre il tempo trascorso a guardare la televisione dovrebbe essere un obiettivo comportamentale chiave nella prevenzione delle malattie coronariche, indipendentemente dalla predisposizione genetica e dai tradizionali marcatori di rischio”, ha affermato il dott. Youngwon Kim, Assistant Professor presso l’Università di Hong Kong e autore dello studio.

Ha ricordato ricerche precedenti che hanno scoperto che il tempo di visione della televisione eccessivo era associato a livelli avversi di colesterolo e glucosio nel corpo. “Livelli avversi di questi marcatori di rischio cardiometabolico possono quindi portare a un aumento del rischio di cardiopatia ischemica”, ha aggiunto.

Kim e colleghi hanno utilizzato i dati di oltre 373.000 britannici bianchi di età compresa tra 40 e 69 anni dallo studio UK Biobank. Nessuno dei partecipanti ha avuto malattie coronariche o ictus dopo la raccolta dei dati. Tuttavia, nell’autunno del 2021, i ricercatori del National Death Register e degli ospedali avevano riscontrato 9.185 casi di malattia.

Lo studio ha mostrato che – tenendo conto del rischio genetico di malattia coronarica calcolato per ciascun partecipante, nonché di fattori quali l’indice di massa corporea, l’età, il sesso, il fumo, la dieta, l’attività fisica e il grado di carenza – più le persone guardavano la televisione , più sono a maggior rischio di malattia coronarica.

Rispetto alle persone che guardavano la televisione per quattro ore o più al giorno, coloro che la guardavano per un’ora o meno avevano un rischio inferiore del 16% di malattia coronarica. Coloro che lo seguivano per due o tre ore al giorno avevano un rischio inferiore del 6%. I ricercatori hanno monitorato questa tendenza in tutte le categorie di età e in tutti i livelli di rischio genetico.

Tuttavia, non hanno trovato alcuna associazione tra il tempo trascorso davanti a un computer e il rischio di malattia coronarica.

Xaviera Spina

"Creatore di guai. Affamato di birra. Appassionato di caffè. Imprenditore incurabile. Secchione di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.