Petros Filippides: L’ultima sulla sua salute

Un’illustrazione inviata a Petros filippino dopo soffio, soffiare dove soffrire con le ultime informazioni che affermano che non era in chirurgia, come aveva detto in precedenza il suo avvocato.

Allo stesso tempo, entro un giorno è previsto un annuncio medico dall’ospedale statale di Nizza dove l’attore è ancora in cura nel suo reparto di detenzione. Clinica di neurologia.

Come l’avvocato del famoso attore ha detto ad Alpha in precedenza, Michalis Dimitrakopoulos: “Ieri pomeriggio, dopo era in carcere e infatti aveva 4 giorni intorpidire e disturbo sul lato destro, è stato visto da medico che non stava bene e lo mandò a fare una prova. Lo hanno portato a Ospedale Statale di Nizza, tutti i test sono stati eseguiti e si è scoperto che aveva appena subito un ictus. Si è creato un grande panico, perché con la malattia di cui soffriva, ancora ictus a può essere fatale».

Allo stesso tempo, ha osservato che:

“I medici hanno deciso di farlo ricoverato in ospedalema gli è capitato di avere un processo oggi e voleva apparire non per pensano che stia recitando. I medici rifiutano, a meno che non faccia segno di andarsene. Ha firmato e ieri sera l’ha fatto accendere le sue condizioni, è stato trasferito in ospedale e volontà operazione perché le sue condizioni erano gravi. Ha avuto una malattia che ha fatto morire suo padre all’età di 62 anni l’ictus ha un infarto, se i vasi sanguigni nella testa sanguinano, può morire».

Per quanto riguarda il processo in corso, l’avvocato ha osservato che l’avrebbe fatto scusarsi in circa 2-3 mesi.

“Il terzo testimone è ancora oggetto di indagine e ne abbiamo ancora 40”, ha aggiunto Michalis Dimitrakopoulos.

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.