Nuove elezioni presidenziali: l’Italia cerca un candidato per tutti i casi – o candidati – politici

Anche le parole del ritiro sono deprimenti: “Ho deciso di fare un altro passo verso la responsabilità di questo Paese”, ha detto sabato sera Silvio Berlusconi. “Servirò il mio paese in un modo diverso”.

Il vergognoso tre volte primo ministro italiano, ora 85enne, sembra essersi reso conto dopo molte esitazioni che non avrebbe ottenuto la maggioranza per il suo sogno d’infanzia: essere presidente dell’Italia.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Il suo schieramento di centrodestra e di estrema destra, insieme a Forza Italia, alla Lega dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini e ai Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, gli hanno giurato fedeltà per l’operazione al Quirinale, nonostante il puro orrore dall’altra parte. dallo spettro politico – ma per ogni evenienza i numeri lo sosterranno.

Non è solo che non ne ha uno, ha recentemente borbottato Pierluigi Bersani, ex capo del Partito socialdemocratico Partito Democraco. La storia personale di Berlusconi non è solo divisiva, è inaccettabile; quello nel palazzo presidenziale, è davvero pazzesco

Berlusconi ha precedenti penali per evasione fiscale ed è stato in grado di eludere la punizione per abusi sui minori, corruzione di pubblici ufficiali e altri reati solo con l’aiuto di un esercito di avvocati. “Il Paese ha bisogno di un presidente”, ha detto Bersani, “che abbia poca autorità morale”.

Molte schede elettorali comuni: nel 1971 erano 23

La partenza dell’ex cavalleresco – che ha perso il titolo onorifico dopo un ruling fiscale – è in realtà l’unica certezza alle prossime elezioni. I presidenti italiani – non c’è mai stato un presidente donna come la Germania – sono sempre emersi dalla repubblica di 75 anni in un lungo processo. Giovanni Leone detiene il record. Ci sono voluti 23 voti nel 1971 per ottenere l’elezione della Democrazia Cristiana.

Anche il leggendario Sandro Pertini, ex partigiano, socialista e di gran lunga l’abitante più popolare del palazzo presidenziale, nel 1978 sono servite 16 votazioni prima che si decidesse per lui.

In questo processo a volte tortuoso, che si trascina per giorni con accordi, trattative e cecchini sempre nuovi che sparano sugli accordi, un certo numero di nomi viene regolarmente bruciato.

Pericolo evitato: proteste contro Berlusconi a RomaFoto: Imago/Matteo Nardone

Questo è successo anche a uno dei candidati nel 2013 con un curriculum completamente diverso da Berlusconi. Romano Prodi, un democristiano liberale, ex primo ministro ed ex presidente della Commissione dell’Unione europea, è visto come un salvatore infallibile dopo che la sua ala di centrosinistra originariamente prevista non è riuscita a ottenere la maggioranza. Anche il programma di studi è fallito; dopo quattro schede perse ha rinunciato.

I nomi commerciali ora non dovrebbero essere l’eccezione alla vecchia regola. C’è Pierferdinando Casini, ad esempio, cresciuto nella vecchia Democrazia cristiana ed è forse il più fervente, anche se fallito, sostenitore dell’ascesa della Democrazia cristiana. Non giocava sul fronte politico da molto tempo, cosa che avrebbe potuto servirgli bene per il Quirinale.

Tra i vertici della Lega Salvini c’era la presidente della seconda camera del parlamento, Maria Elisabetta Alberti Casellati, un’amica di partito di Berlusconi, che però ha fatto un cenno con la mano. Giuseppe Conte, leader del Movimento Cinque Stelle e predecessore dell’attuale presidente del Consiglio Mario Draghi, ha nominato due indipendenti, l’ex ministro della Giustizia Paola Severino e il fondatore della Comunità cattolica di Sant’Egidio, Andrea Riccardi.

L’insostituibile Mario – come presidente del Consiglio o come presidente?

Il suo compagno di partito Luigi Di Maio ovviamente suona la batteria per il presidente del Consiglio Draghi. L’unica cosa certa è che il candidato al campo viene eliminato perché i numeri non sono né di destra né di sinistra. Serve un compromesso.

Altre donne nel gioco soddisfano questo profilo, anzi solo nella prima esplorazione. La diplomatica Elisabetta Belloni, attualmente capo dell’intelligence del presidente del Consiglio Draghi, ha avuto carriere alla Farnesina sotto ministri di tutti i colori politici e può quindi soddisfare il requisito fondamentale della “non divisione”.

Naturalmente, ci sono ancora molti problemi con i cosiddetti “tecnici”. Così si chiamano gli esperti in Italia quando le parti non riescono a mettersi d’accordo su uno di loro come capo del governo. Un tale governo tecnico è in carica ora, sotto un ex banchiere ed ex capo della Banca centrale europea Mario Draghi. Due importanti incarichi politici saranno poi nelle mani dei tecnici, il che equivale a disimpegnarsi dalla politica.

Inoltre, essere Presidente richiede grandi capacità politiche. Come in Germania, la costituzione italiana limita la carica alle funzioni di rappresentanza. Ma i numerosi rimescolamenti di governo – tutti erroneamente visti all’estero come cambi di governo – hanno talvolta reso l’incumbent una figura politica determinante. Giorgio Napolitano, soprannominato “Re Giorgio” e Presidente dal 2005 al 2016, ha governato più dei suoi predecessori e ha stabilito tre governi.

Prima dell’inizio dell’anno, Mario Draghi non si limita a dirgli che un lavoro al Palazzo del Quirinale gli interessa. Ma mentre Draghi era il nome più citato all’inizio di questa settimana interessante, potrebbe essere “Super Mario” quello che è andato su per la collina.

È ancora estremamente necessario nell’ufficio del primo ministro. Un altro nuovo governo, forse lo scioglimento prematuro del parlamento un anno prima delle elezioni del prossimo anno: a nessuno di sinistra o di destra interessa. E il problema dell’uomo tanto lodato è che il quotidiano “Il Fatto Quotidiano” ora schernisce: non può essere ovunque. “C’è solo un Super Mario.”

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.