Nazionale di basket: Steve Giatzoglou Ti ho visto al Larissa e mi manchi News, news sullo SPORT

La Nazionale torna dopo 43 anni a Larissa e Vassilis Skountis rivive la storia (e) del memorabile album di Nikos Stavropoulos.

Il primo e allo stesso tempo l’ultimo e solo fino a stasera quando la Nazionale è apparsa a Larissa, gli attuali giocatori della Nazionale non esistevano nemmeno come un’idea nella mente dei loro genitori! Quanto a Dimitris Itoudis, non aveva nemmeno in mente l’idea che sarebbe stato la persona che doveva essere!

Itoudis asparagi e criniera
A quel tempo l’allenatore di Ethniki era un bambino di nove anni che abitava a circa duecento chilometri di distanza (Trikala, Imathia), in quarta elementare e la sua conoscenza era limitata ai campi di asparagi coltivati ​​dal padre. , Stergio.

Non ha nemmeno pensato di lasciare una criniera tra i capelli!

Ci sono voluti quindi 43 anni e due mesi prima che la Nazionale tornasse a Larissa, dove stasera accoglierà l’Inghilterra nella “finestra” della fase di qualificazione ai Mondiali 2023.

Il tempo si era fermato la notte del 28 aprile 1979, quando la squadra greca affrontò l’Unione Sovietica in un’amichevole.

Visita armena in sovietica
In quei giorni i sovietici ci rapirono per sempre e il caso si trasformò in una visita in Armenia che durò quasi una settimana!

I finalisti della Coppa del Mondo dello scorso anno si sono qualificati direttamente per l’Eurobasket che si terrà dal 9 al 19 giugno in Italia, dove hanno riconquistato lo scettro dopo il trio jugoslavo (1973, 1975, 1977).

Dal canto suo, la squadra greca si prepara all’agonia del Challenge Round che si svolgerà dal 16 al 25 maggio in contemporanea (in due gironi) all’Alexandreio Melathro di Salonicco e allo Sports Stadium, in un’estate che diventerà storia. .

Doppia vittoria sulla Jugoslavia
Voglio dire, questo perché Ethniki è sopravvissuto al turno di qualificazione dell’Eurobasket a Salonicco, poi ha preso il nono posto a Torino ea settembre, in due settimane, ha vinto la medaglia d’oro ai Giochi balcanici di Kalimarmaro e ai Giochi del Mediterraneo di Spalato. , batti la Jugoslavia due volte!

Nella prima di tre amichevoli di fila, il 25 aprile 1979, a Patissia, i sovietici vinsero 84-79.

Dopo 48 ore nello stesso stadio (Sporting) vinsero 90-82 e la mattina successiva si recarono insieme a Larissa per la terza partita.

Stavropoulos non invitato e gruppo sugli spalti
“Quando siamo entrati nello stadio, non potevo credere a quello che ho visto”, mi ha detto ieri Nikos Stavropoulos, che quella notte ha avuto gli onori.

La ragione; Sta combattendo in casa!

Poi, due mesi prima di compiere vent’anni, Stavropoulos è stato l’uomo di punta della nazionale dove ha esordito venti giorni prima (8 aprile 1979) in un’amichevole contro l’Inghilterra.

Cosa ha visto allo stadio Alcazar a cui non riusciva a credere? “La folla pendeva dagli spalti come grappoli d’uva. “Cose del genere non erano mai successe prima al Larissa, in fondo si giocava alla Seconda Nazionale in quel momento”.

Lo dice il mio giornale, come ha sottolineato una volta dall’aula del Parlamento il defunto Dimitris Tsovolas: in pratica lo dicono le lettere del mio collega, il mio servitore dell’Aeronautica Militare e del mio amico Sotiris Kella, che ha preso dai suoi archivi i rapporti rilevanti dai giornali. “di Larissa.

Nazionale di basket: Steve Giatzoglou Ti ho visto a Larissa e mi manca
In effetti, nessuna spilla è stata lasciata sull’Alcazar poiché 1.726 biglietti sono stati tagliati al prezzo di 100 dracme, una cifra che è un record assoluto per questo particolare stadio, che sarà famoso il prossimo anno…

Ascesa di Larissa con “Xanthos”
Nella stagione 1979-80, la squadra della Larissa Gymnastics Association, con l’allenatore Giannis Ioannidis (e con i nazionali Nikos Stavropoulos e Aris Zoi, Takis Kouramas, Michalis Spiliotis, Dimitris Lekkas, Petros Stavropoulos Koktis) vinse la Seconda Nazionale e apparve per la prima volta nella sua storia alla First National, dove è stato allenato da Vangelis Alexandris, nel… gap di carriera (competitiva) tra Aris e PAOK.

“Suoniamo nel mio villaggio”
“Non dimenticherò mai questa partita in vita mia”, ha continuato Stavropoulos, a cui non è stato assegnato il titolo di “Magic”, il soprannome che ha ricevuto quando è stato trasferito al PAOK.

“Abbiamo giocato nel mio villaggio, come ho detto scherzando e sul podio c’erano i miei genitori, mio ​​fratello (SS: e i suoi compagni di squadra al GSL, Petros), i miei parenti, i vicini, i miei amici e così via. Fino ad allora la Nazionale ha giocato solo ad Atene e raramente e dove a Salonicco e questa partita è storica per la città, per lo sport in Tessaglia e per tutti noi. Inoltre, solo perché abbiamo visto la maglietta del CCCP davanti a noi, siamo rimasti sbalorditi. E ci sono voluti 43 anni perché la Nazionale tornasse a giocare al Larissa”

Un bagno di ghiaccio e 40 flessioni Giatzoglou
Stavropoulos pensa sempre al quadro che si apre prima della partita, lo fa a bocca aperta e lo fa ridere ancora…

“Allora ero un ragazzino, un pescatore e non ho fatto storie. Pochi minuti prima di lasciare lo stadio, si è verificato un incidente che non solo mi ha scioccato, ma ha scioccato anche me. Ho visto Steve Giatzoglou fare una doccia fredda e poi andare scalzo e vestito solo con i suoi vestiti. Il suo passaporto è caduto a terra e ha fatto quaranta flessioni! Quaranta, non esagero, l’ha contato lui stesso e lo abbiamo contato con lui. Poi si è alzato senza alcuna pressione, ha detto ” forza, giochiamo ora e battiamoli” e lo abbiamo seguito!

Nel terzo match consecutivo tra le due squadre, con gli arbitri Marco Alifragkis e Uzerov, l’Unione Sovietica ha vinto con lo stesso punteggio del secondo match (90-82).

Composizione:

GRECIA: Giatzoglou 22, Kokolakis 15, Koronaios 10, Giannakis 8, Sakellariou 8, Katsoulis 7, Karatzoulidis 6, Giannouzakos 4, Paramanidis 2, Gekos, Stavropoulos, Kastrinakis. Allenatore: Richard Duxair.

URSS: Tarakanov 21, Deryugin 10, Lopatov 12, Kushigin 17, Pavlov 6, Entesco 3, Kapuchin 11, Ziggil 10. Allenatore: Alexander Gomelsky.

Di conseguenza ora, come dicono gli americani in questi casi.

I sovietici, alle prese con Alexander Belov, Vladimir Tachenko e Alexander Belosteni, hanno lasciato la Grecia con tre vittorie in altrettante partite e sono tornati sui troni europei la notte del 19 giugno a Torino dopo una dura giornata di lavoro.

Sull’altra sponda, Ethniki vivrebbe grandi momenti a Kallimarmaro e Spalato, mentre esattamente un anno dopo (6 maggio 1980) a Beve, un omino in schiuma di lana si apriva il naso, cosa che avrebbe cambiato il corso della storia…

Il suo nome è Nicos Gali!

Fonte: sport24.gr

Cesarino Endrizzi

"Scrittore. Ninja della musica. Esperto di cibo estremo. Specialista dei social media. Sostenitore di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.