Macron vuole ricominciare tutto da capo

Dsuona l’inno nazionale, la maggior parte delle stazioni televisive svaniscono all’Eliseo. Erano le 20 in Francia e il Presidente si è rivolto ai suoi colleghi in un discorso solenne. Il rituale sembrava monarchico come sempre, ma il messaggio di Emmanuel Macron era nuovo di zecca. “Dobbiamo imparare insieme a governare in modo diverso e ad emanare leggi diverse”, ha affermato. È la prima volta che il Presidente parla alla Francia da quando ha perso la maggioranza assoluta alle elezioni generali di domenica.

Gli elettori sono stati presi a schiaffi. Il presidente, che amava il ruolo del re della Repubblica, ha voluto ricominciare da capo. “Dobbiamo forgiare nuovi compromessi attraverso il dialogo, l’ascolto e il rispetto”, ha affermato. Ha promesso un dialogo cittadino dopo la crisi dei gilet gialli, ma poi se ne è subito dimenticato.

Macron non cita l’estrema destra

Mercoledì sera Macron ha rivolto la sua attenzione all’Europa, “alle altre democrazie occidentali”, dove da tempo nessun partito unico può emanare la legge. Ha elencato la Germania e l’Italia. Ha discusso dei patti di coalizione o del cambiamento della maggioranza. “Sarà possibile trovare un’ampia maggioranza su cui agire”, ha detto. Voleva impedire un blocco permanente. “Il nostro Paese ha bisogno di riforme ambiziose”. La spesa aggiuntiva per l’assistenza sanitaria e la protezione del clima, così come le misure di emergenza di fronte all’elevata inflazione, non possono essere finanziate attraverso più debiti o tasse più elevate, ha avvertito. Macron si aspetta che le varie fazioni dell’Assemblea nazionale rivelino “con piena trasparenza” “fino a che punto sono disposte”.

Dai colloqui con i responsabili dei più importanti gruppi parlamentari, ha avuto l’impressione che la cooperazione fosse possibile. Macron non ha menzionato l’estrema destra. Ha anche accettato Marine Le Pen per un’intervista all’Eliseo. Diverse voci di spicco della presidenza, tra cui il ministro della Giustizia Eric Dupont-Moretti, non hanno voluto escludere di lavorare con il Rassemblement National (RN) di estrema destra. Il ministro europeo Clément Beaune si è opposto con veemenza: “Non faremo un accordo con Rassemblement National”.

Calvina Fontana

"Fanatico della cultura pop hardcore. Studente. Comunicatore generale. Zombieaholic. Risolutore di problemi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.