L’Europa deve affrontare una nuova ondata di coronavirus: quali paesi hanno registrato casi – Variante pericolosa

Molti paesi del Vecchio Continente stanno vivendo focolai significativi di casi di coronavirus, con esperti che avvertono che la revoca di quasi tutte le restrizioni potrebbe portare a focolai di infezioni e più decessi in estate.

Secondo il sito web di raccolta di dati scientifici Our World in Data, la media mobile di sette giorni di nuovi casi confermati per milione di popolazione è in aumento in molti paesi, tra cui Portogallo, Francia, Germania, Italia, Spagna, Danimarca, Paesi Bassi e, naturalmente, Hellas . .

Sottotipo infettivo

QUELLO Portogallo sta vivendo la sua ondata di coronavirus più drammatica, con infezioni per milione di abitanti che rimangono in media per sette giorni a 2.043, il secondo numero più alto di casi al mondo, anche se inferiore rispetto all’inizio di giugno.

Numero corrispondente in Francia è passato dai 224 casi del 13 giugno ai 920 di oggi. “La pandemia sta accelerando di nuovo, nonostante il caldo”, ha affermato il dott. Benjamin Davido, specialista in malattie infettive presso l’ospedale Raymond-Poincaré, alla periferia di Parigi.

“I nuovi ceppi di Omicron BA.4 e BA.5 sono dal 10 al 15% più infettivi ed è questo che rende il virus ancora di più”, ha detto alla radio francese, aggiungendo che a medio termine la situazione potrebbe essere “molto difficile”. all’ospedale statale.

“Siamo in una situazione molto speciale in cui è importante mantenere un’immunità stabile attraverso dosi di richiamo”, ha affermato, osservando che gli ospedali potrebbero essere sovraffollati in estate a meno che i gruppi vulnerabili e le persone sopra i 60 anni non prendano la quarta dose il prima possibile. .

“La stagione delle vacanze sta volgendo al termine, quasi tutte le restrizioni sono state allentate e le cose potrebbero scivolare di nuovo molto rapidamente. È preoccupante che solo il 29% delle persone con più di 60 anni abbia finora assunto la quarta dose, il che è giusto di tutti”, avverte il dott. Damien Mascre alla televisione francese.

L’incidenza media di sette giorni per milione di abitanti è più bassa Tedescoha raggiunto ieri lunedì 715 casi, ma ha continuato a crescere dalla prima settimana di giugno quando il numero dei contagi ha raggiunto quota 324. Il ministro della Salute Karl Lauterbach ha parlato dell'”ondata estiva” del coronavirus.

“Purtroppo sta diventando una realtà”, ha detto la scorsa settimana al Rainice Post, esortando i gruppi vulnerabili a fare il quarto stadio tramite Twitter e ricordando loro che le maschere sono una buona idea al chiuso.

Sebbene Berlino insista sul fatto che il paese ha il vantaggio di “immunità elevata” e una variante che provoca sintomi relativamente lievi, l’associazione medica BÄK ha esortato il governo a prepararsi per una nuova pandemia in autunno e in inverno, chiedendo un’ulteriore pianificazione per mantenere aperte le scuole. , i gruppi vulnerabili sono protetti e gli ospedali continuano a funzionare normalmente.

“La terza pandemia dell’estate e stiamo ancora imparando la nostra lezione”

In Italia, le infezioni sono aumentate da 354 per milione di abitanti a 549 in una settimana. Secondo il National Institutes of Health, i tassi di trasmissione sono aumentati di nuovo a proporzioni epidemiche.

Continua a diminuire la percentuale di lavoratori intubati, ma solo 1 su 21 regioni italiane è considerata “a basso rischio”. 14 sono stati indicati come “a medio rischio” e altri sei come “alti”.

“Il governo ha allentato le restrizioni molto rapidamente. Questa è la terza estate di pandemia e dobbiamo ancora imparare la lezione”, ha affermato il professor Walter Ricciardi, ex presidente dell’istituto.

“I periodi più favorevoli nella battaglia del virus, la primavera e l’estate, non possiamo abbandonare la nostra vigilanza e dobbiamo prepararci a condizioni spiacevoli in autunno e penso che nulla di tutto ciò accadrà”, ha affermato.

Per la terza settimana consecutiva, il numero di casi è aumentato anche nei Paesi Bassi, con l’olandese “EODY” che ha attribuito l’incidenza globale alle sottovarianti BA.4 e BA.5.

Il pericolo di una nuova ondata è imminente, avvertono in molti, mentre il ministro della Salute olandese prevede che “c’è un rischio molto reale” di milioni di casi questo autunno.

Per quanto riguarda la Grecia, dai 377 casi per milione di abitanti del 13 giugno, siamo arrivati ​​a 681. Oggi, martedì, il numero di casi è più che raddoppiato rispetto a ieri, con gli esperti che avvertono anche di 20.000 casi giornalieri nel prossimo futuro.

Con informazioni dal Guardian

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.