La Turchia chiede alla Repubblica Ceca di ottenere il visto più facilmente per aumentare gli investimenti

Il ministro vuole che i cechi visitino più spesso altre zone della Turchia, non solo la riviera turca. “Il nostro obiettivo è (Turchia) essere una delle prime due destinazioni. Vogliamo solo accogliere più turisti cechi”, ha detto. La Croazia è stata a lungo il paese più visitato dai turisti cechi, mentre altri paesi includono Slovacchia, Austria, Italia ed Egitto.

Il governo turco sta cercando di sostenere l’investimento dell’azienda nella Repubblica Ceca, che finora rappresenta 21 milioni di dollari piuttosto simbolici (circa 494 milioni di corone). “Le agevolazioni per i visti oi problemi bancari motiveranno i nostri imprenditori in questo senso”, ha affermato il ministro. In confronto, ha affermato che l’investimento della Turchia nei Paesi Bassi è stato di 17 miliardi di dollari (circa 400 miliardi di corone). Lipavský afferma che il fatturato commerciale reciproco tra la Repubblica Ceca e la Turchia supera i 100 miliardi di corone.

Le società ceche in Turchia si occupano principalmente di energia. “Credo che ci sia spazio per lo sviluppo, soprattutto nel settore dell’energia nucleare”, ha affermato avuşoglu. Secondo lui, anche la Turchia è pronta a sviluppare la cooperazione nel settore della difesa. Ha anche menzionato la cooperazione nel campo dell’istruzione. La Repubblica Ceca è uno dei paesi più ricercati dagli studenti turchi nel programma Erasmus, ha aggiunto.

Lipavský ha presentato al suo omologo turco le priorità della prossima presidenza ceca dell’UE. La Turchia, che desidera entrare a far parte del sindacato, è “un partner davvero importante e chiave in diversi settori”. “Ecco perché le relazioni tra l’Unione europea e la Turchia saranno una delle nostre massime priorità”, ha affermato il ministro ceco. Vuole trovare una via da seguire nelle relazioni con la Turchia come Paese candidato, anche affrontando la questione “su cui al momento non è facile trovare un accordo”. La sicurezza energetica, la migrazione o lo stato di diritto ei diritti umani saranno settori in cui “sarà necessario un dialogo e una soluzione veramente globali con la Turchia”.

La Turchia ha presentato domanda di adesione al sindacato nel 1987 e ha lo status di candidato dal 1999. Le discussioni sulla sua adesione all’UE sono iniziate nel 2005, ma sono rimaste stagnanti per molto tempo. Il regime del presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato a lungo criticato per aver represso giornalisti, politici e attivisti. Secondo il rapporto di valutazione della Commissione europea lo scorso autunno, la Turchia sta vivendo una continua disintegrazione della democrazia, dello stato di diritto, dei diritti fondamentali e dell’indipendenza della magistratura. Secondo la CE, i negoziati di adesione della Turchia si sono praticamente fermati.

Xaviera Spina

"Creatore di guai. Affamato di birra. Appassionato di caffè. Imprenditore incurabile. Secchione di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.