La Serie A italiana apre gli uffici a New York

La Serie A sbarca negli Stati Uniti: dal 1 gennaio 2022 la massima serie italiana sarà ovviamente presente sul suolo americano, con sede ufficiale a New York.

Secondo la stampa italiana, l’obiettivo di questa mossa è stabilire un dialogo continuo e quotidiano con CBS Sports – detentore dei diritti di Serie A negli Stati Uniti – per creare contenuti, al fine di aumentare la rilevanza e l’impatto del torneo negli Stati Uniti . fan.

Inoltre, la Lega mira a supportare le iniziative dei club in Nord America con uffici dedicati, cercando di rafforzare le relazioni esistenti e sviluppare nuove opportunità di business: partnership regionali per singoli club o campionati, amichevoli, eventi per i fan.

Infine, come obiettivo a lungo termine, la Serie A si propone di stabilire nuovi rapporti con le emittenti per il prossimo ciclo di vendita dei diritti di trasmissione (2021-2024), che dovrebbe aumentare i ricavi dei diritti di campionato all’estero. .

Come accennato, il nuovo quartier generale della Serie A negli USA sarà situato a New York e precisamente nel centro di Manhattan, a pochi passi dall’Empire State Building.

La squadra sarà composta da Charlie Stitano (responsabile della International Champions Cup per conto di Relevent), Scott Guglielmino (ex vicepresidente ESPN) e Marco Messinafondatore di IFTV.

La squadra cercherà di promuovere l’immagine della Serie A in Nord America e creare nuove opportunità di business per club e campionati.

Sarà anche responsabile dell’ufficio della Serie A a New York e fornirà supporto alla CBS per attirare tifosi e sviluppare, attraverso eventi e attività, slancio nell’area coordinando il marketing e la gestione del marketing della Serie A. guidato da lui Michele Tsikareze.

Inoltre, la produzione di contenuti social avviene in collaborazione con IFTV (Italia Football TV) – società di Social Content Creation che è “nata” a Brooklyn da una community di fan italo-americani di Serie A.

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.