La Russia ha vietato alle società occidentali di vendere azioni in progetti energetici e banche

Il divieto si applica a tutte le transazioni che modificano la struttura proprietaria delle società russe, i loro capitali e progetti di investimento. Il governo aveva il compito di presentare un elenco di banche e società del settore energetico e di progetti incentrati sull’estrazione di petrolio, gas naturale, carbone e nichel che sarebbero stati vietati entro dieci giorni.

Putin può emettere eccezioni speciali in alcuni casi per consentire all’accordo di andare avanti, afferma il decreto.

Dopo l’inizio dell’invasione da parte di Mosca dell’Ucraina, i paesi occidentali ei loro alleati, incluso il Giappone, hanno imposto una serie di sanzioni contro la Russia. Mosca ha risposto, tra l’altro, all’impedire alle società straniere operanti nel Paese di lasciare la Russia e in alcuni casi di sequestrare i loro beni.

Giovedì, il campione statale russo del petrolio Rosneft ha incolpato la ExxonMobil per i tagli alla produzione del progetto Sakhalin 1. La compagnia energetica americana in precedenza ha dichiarato in un deposito presso la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti che si stava preparando a trasferirne il 30%. rischiando “dall’altra parte”.

Le compagnie americane gestiscono l’estrazione di petrolio e gas a Sakhalin 1 nell’Estremo Oriente russo. Entro il 2021, il progetto produrrà 220.000 barili di petrolio e gas al giorno. La produzione è scesa a soli 10.000 barili al giorno a seguito delle sanzioni occidentali al commercio russo in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

All’inizio di luglio, Putin ha firmato un decreto che trasferisce i diritti del vasto progetto di gas e petrolio Sakhalin 2 a una società russa di recente costituzione. Un ordine del governo del 2 agosto ha concesso agli investitori stranieri nel progetto, alla Anglo-Dutch Shell e alle società giapponesi Mitsui e Mitsubishi, un mese per richiedere la loro partecipazione nella nuova entità. La nuova decisione non si applica al progetto Sakhalin 2, ha scritto Reuters.

Shell sta cercando un’opzione per ritirarsi dal progetto. Tokyo, d’altra parte, vuole che le aziende giapponesi mantengano la loro partecipazione nel progetto.

Le banche italiane UniCredit e Intesa, il gruppo americano Citi e l’austriaca Raiffeisen continuano a cercare modi per lasciare la Russia. Altre banche, come Société Générale e HSBC, hanno ceduto le proprie attività russe.

Xaviera Spina

"Creatore di guai. Affamato di birra. Appassionato di caffè. Imprenditore incurabile. Secchione di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.