La Russia ha anche colonie in Africa. Ad oggi, le potenze mondiali sono in competizione per questo

Puoi anche ascoltare l’articolo in versione audio.

La Russia ha colonie in Africa o no? Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, questa domanda ha risuonato, in particolare per quanto riguarda la guerra, su Twitter africano.

Mentre alcuni utenti africani vedono l’ipocrisia nel comportamento dei paesi europei oggi, poiché questi paesi hanno “occupato” territori stranieri (Africa) in passato, altri sottolineano che anche la Russia ha una sua, seppur breve, storia coloniale in Africa.

Nuova colonia di Mosca

La “caccia all’Africa” ​​raggiunse l’apice alla fine del XIX secolo. Fu dominato dalle potenze europee, tra cui Gran Bretagna, Francia, Germania o Portogallo, che alla Conferenza di Berlino (a cavallo del 1884 e del 1885) divisero le loro sfere di influenza e stabilirono confini geometrici. Vale a dire, quelli che possiamo ancora vedere sulle mappe oggi. Neanche la Russia vuole essere lasciata indietro.

L’avventuriero russo Nikolay Ivanovich Ashinov ha approfittato dell’opportunità durante il suo viaggio nell’allora impero etiopico, con l’obiettivo di rafforzare le relazioni reciproche. Con la sua compagnia di circa 200 cosacchi, nel gennaio 1889 Ashinov si ancorò nel villaggio di Sagallo nell’attuale regione di Gibuti, che chiamò Nuova Mosca. server RFE/RL.

“La colonia (russa) era l’ala sinistra delle relazioni russo-etiopi, che erano calde e intense all’inizio del XIX secolo”, ha detto a Seznam Zprávy l’afrikaista Jan Záhořík dell’Università della Boemia occidentale a Pilsen.

Lo zar Alessandro III tuttavia, secondo Záhořík, prese le distanze dalle azioni dei cosacchi e gli invasori furono rapidamente cacciati dai francesi, che stavano combattendo per una posizione dominante nella regione. Lo stato russo durò quindi solo poche settimane e oggi a Gibuti non rimangono monumenti di questo periodo.

Attualmente, secondo Záhořík, la Russia non ha relazioni al di sopra degli standard con Gibuti. Secondo lui, l’offerta di Mosca è molto limitata rispetto a Pechino, che ha una posizione di forza nella regione. “(La Russia) può offrire tutti i tipi di accordi di armi, contatti o programmi di formazione”, ha fornito un esempio.

Un importante snodo di trasporto del mondo

Ma l’importanza di Gibuti continua a crescere. Il Paese di quasi un milione di abitanti è oggi un importante hub per lo shipping mondiale, navi che passano dall’Asia all’Europa e viceversa. Chi decide di entrare nel Mar Rosso deve attraversare la “Porta delle Lacrime” (Stretto di Mandeb) e le acque di Gibuti. Secondo tedesco server Deutsche Welle Fino al 10 percento del commercio mondiale scorre attraverso questa rotta.

Guerra in Ucraina: quali sono le prospettive per lo spostamento di Twitter in Africa?

Le opinioni africane sulla Russia riguardo alla guerra in Ucraina sono state contrastanti sin dal suo inizio. Alcuni hanno espresso solidarietà all’Ucraina, altri hanno sostenuto il presidente russo Vladimir Putin e hanno mostrato doppi standard da parte dell’Occidente.

“Gibuti è molto importante quando si tratta di controllare il movimento delle merci, comprese le materie prime strategiche, e questo è uno dei motivi per cui le potenze mondiali stanno costruendo basi militari in questo Paese. Un altro motivo è la presenza dei pirati nelle acque somale”, ha spiegato l’uomo africano.

Quindi, si riferisce, tra l’altro, al primo nel paese. È a Gibuti che si trova il maggior numero di basi militari dell’intero continente. Il più grande con cinquemila soldati appartiene agli Stati Uniti, che lo hanno stabilito nel paese dopo l’11 settembre 2001. Anche altri paesi hanno postazioni militari qui.

Il Giappone l’ha costruita nel 2009. Ciò era in risposta all’aumento dell’attività di pirateria in quel momento e la base è stata utilizzata per gestire le operazioni militari nella regione, secondo la Germania. server Deutsche Welle. Lo stesso vale per Spagna e Italia. Tutti collaborano con gli Stati Uniti nelle operazioni militari, ha scritto inglese Servizio pubblico della BBC.

Dal 2017 Pechino ha anche una base militare a Gibuti, l’unica a non trovarsi direttamente sul territorio cinese. Tuttavia, secondo la speculazione dei media stranieri e gli esperti di relazioni internazionali, potrebbe non essere l’ultimo.

Il potere della Cina

“La Cina è presente in ogni possibile settore dell’economia: la costruzione di tutte le infrastrutture backbone, il commercio di beni, servizi e baratto. Il vantaggio è che offre i suoi prodotti a prezzi accettabili, che, ad esempio, i paesi occidentali non possono permettersi in alcuni settori dell’economia”, spiega Záhořík dell’influenza della Cina a Gibuti.

Dove ha una base la Cina?

Joseph Wen di Taiwan ha sviluppato un progetto che ora è santificato anche dagli analisti militari. Dal 2020, crea sistematicamente interattivo mappa in linea con informazioni dettagliate su oltre 1.500 basi militari cinesi non solo in territorio cinese, ma anche in tutto il mondo.

Oltre alla navigazione, Gibuti era anche un importante collegamento via terra con l’Etiopia e nell’entroterra africano. Ad esempio, il 30 agosto, la prima nave con grano ucraino diretto in Africa è arrivata al porto di Gibuti dall’inizio della guerra. Il grano viaggia ulteriormente in treno verso l’Etiopia e altri paesi, ha detto server Al Jazeera.

“Il confine tra Addis Abeba e Gibuti è molto importante. La ferrovia fu originariamente costruita dai francesi a cavallo tra il XIX e il XX secolo, poi gradualmente scomparve durante la Guerra Fredda e nell’ultimo decennio la Cina l’ha ricostruita e l’ha fulminata”, spiega Záhořík.

La situazione delle persone non cambia

Secondo DW, i porti di Gibuti portano ogni anno fino a 2,4 miliardi di corone (100 milioni di euro) al tesoro statale. Tuttavia, il reddito è stato utilizzato principalmente per l’ammodernamento del porto e non ha cambiato la vita della gente comune.

“Quando guardi la situazione in campo, la cosa principale che vedrai è che le persone sono ancora molto povere. Gibuti è ancora uno dei paesi più poveri della regione”, ha detto a DW Hassan Khannenje, direttore dell’Horn Institute for Strategic Studies, un think tank regionale con sede a Nairobi, in Kenya.

Secondo World Food programma Il 42 per cento della popolazione vive in povertà. Inoltre, il 90% del paese dipende dalle importazioni di materie prime.

Xaviera Spina

"Creatore di guai. Affamato di birra. Appassionato di caffè. Imprenditore incurabile. Secchione di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.