La polizia italiana scopre un commercio fittizio di rottami metallici da un miliardo di dollari che coinvolge una società ceca

Secondo la Guardia di Finanza, alle attività illegali hanno partecipato due gruppi criminali con attività diverse. Il commerciante di rottami metallici ha effettuato un acquisto fittizio da una società con sede nella Repubblica Ceca e in Slovenia, i cui nomi non sono stati diffusi dalla polizia. In questo modo ottengono documenti e certificati. Usano i documenti per provare l’origine dei rottami metallici di aziende che operano nell’economia sommersa. Inoltre, il rottame non è compreso nella categoria dei rifiuti e può essere venduto ad altre aziende. Secondo la polizia, le persone indagate non hanno riferito di aver venduto 150.000 tonnellate di rottami metallici in questo modo dal 2013.

Una banda internazionale ha rapinato due banche ceche e una compagnia di assicurazioni per 1,4 miliardi di corone

Economia

A causa di transazioni fittizie, le società italiane hanno inviato ingenti pagamenti a banche ceche e slovene, ma allo stesso tempo, secondo la polizia, hanno avuto problemi su come restituire denaro in Italia. In questo, devono essere assistiti da alleanze con uomini d’affari cinesi che traggono il loro reddito dal commercio illecito di tessuti. Nell’ambito del programma, le società ceche e slovene inviano pagamenti alla Cina per importazioni fittizie di metalli. Successivamente l’imprenditore cinese ha pagato in contanti la cifra inviata in Italia.

Secondo la polizia, l’indagine sulla frode è molto impegnativa. “Senza le intercettazioni, la sorveglianza e, soprattutto, senza l’uso di microcamere, non saremmo mai stati in grado di rilevare questo meccanismo”, ha detto il colonnello Stefano Commentucci, comandante della guardia di finanza di Pordenone.

Gemme false spedite dalla Repubblica Ceca al nord Italia

Europa

Secondo la polizia, gli inquirenti hanno emesso una fattura fittizia del valore di 309 milioni di euro (7,9 miliardi di corone) e sono riusciti a inviare 150 milioni di euro in Cina. Gli investigatori hanno arrestato cinque persone e stanno indagando su altre 50. Sequestrati anche 66 milioni di euro (circa 1,7 miliardi di corone). Secondo gli inquirenti, l’attività è stata coordinata da cinque persone del nordest italiano.

Xaviera Spina

"Creatore di guai. Affamato di birra. Appassionato di caffè. Imprenditore incurabile. Secchione di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.