La guerra in Ucraina: una soluzione diplomatica? La speranza svanisce

Anche dopo tre mesi di guerra in Ucraina, i paesi occidentali non hanno preso una posizione unanime su tutte le questioni principali. Il dibattito principale riguarda la fornitura di equipaggiamento militare all’Ucraina e la fine diplomatica del conflitto. La Germania e il suo Cancelliere Olaf Scholz nelle ultime settimane critica per “ostacolo degli aiuti all’Ucraina” e si discute se il paese ristabilirà le relazioni diplomatiche con la Russia dopo la fine del conflitto. Come appare lo spazio internazionale dopo la guerra è un altro punto di discussione, dove i leader occidentali non sono d’accordo, server di scrittura Sicurezza.

Secondo il governo ucraino, il lento afflusso di armi in Ucraina non è sufficiente, che ironicamente ha commentato il ministro degli Esteri locale Dmitro Kuleba durante il World Economic Forum di Davos. “Stiamo combattendo per questo con pazienza strategica”, ha detto Kuleba riguardo alle forniture di armi dall’Occidente. “Non capisco cosa ci sia di difficile”. Secondo il presidente dell’Ucraina Volodymyra Zelensk La Germania ha deciso di aiutare solo un po’ a causa dei piani futuri per ricostruire le relazioni con la Federazione Russa. “Qualunque cosa faccia lo stato russo, ci sarà qualcuno che dirà: “Consideriamo l’interesse”.

Tedeschi frenatori e vinti

La lentezza delle esportazioni di armi dalla Germania è stata criticata anche dalla Polonia, che insieme alla Repubblica Ceca è una delle poche a trasportare carri armati da guerra diversi dalle armi. Secondo quanto riferito, la Germania ha paura di una mossa del genere, come potrebbe considerarla il Cremlino intervento diretto dell’Alleanza del Nord Atlantico (NATO) nel conflitto Russia-Ucraina.

Gli aiuti all’Ucraina sono stati sostenuti, ad esempio, da Marie-Agnes Strack-Zimmermann, presidente del Bundestag tedesco. “Non deve succedere alla fine della guerra che la Germania sembri un frenatore e un perdente solo perché non siamo in grado di organizzare e comunicare”, ha detto. Inoltre, le importazioni di armi dalla Germania sono state ostacolate da Israele, che aveva preso una posizione neutrale contro la guerra e impedito alla Germania di esportare armi protette da licenze israeliane.

Scholz è attualmente criticato per aver minimizzato l’impatto globale della guerra e la lenta risposta alla richiesta dell’Ucraina, cosa che il cancelliere nega. Ha chiamato la guerra imperialismo, aggiungendo che il presidente russo Vladimir Putin “Stanno cercando di bombardarci indietro nel tempo quando la guerra era uno strumento comune, è in gioco non solo la statualità ucraina, ma anche l’ordine mondiale che vincola il potere per legge”.

Secondo lui, Putin ha fallito in tutti i suoi piani strategici. “L’acquisizione totale dell’Ucraina è ora ancora più lontana di quanto non fosse all’inizio della guerra. E l’Ucraina è ora più concentrata sul futuro dell’Europa che mai”, ha continuato. “Il nostro obiettivo è chiaro. Putin non deve vincere questa guerra”.

Diciamo addio all’online per oggi. Giovedì mattina porteremo di nuovo le ultime notizie sulla guerra in Ucraina.

Il Regno Unito ha rifiutato di concedere un visto ucraino di 13 anni per entrare nel suo territorio perché non viaggiava con i suoi genitori, ma con la sorella maggiorenne.. La ragazza è dovuta tornare in Ucraina nella sua città natale, che ora è assediata dalle truppe russe, ha detto alla BBC sul suo sito web, riferendosi al parlamentare britannico Tulip Siddiq.

Amministrazione militare del territorio di Sumy attiva Telegramma lo ha annunciato Oggi, intorno alle 16, la Russia ha lanciato due attacchi aerei nella regione, dove una persona è rimasta ferita e un’auto è stata distrutta.

Completa in linea

L’Ucraina rimarrà intatta? E il piano in quattro punti per la diplomazia italiana

I leader occidentali hanno discusso del ripristino e del mantenimento dell’integrità dell’Ucraina, che ha perso parti del suo territorio dal 2014. Oltre a Zelenský, il ministro degli Esteri britannico Liz Truss e il presidente polacco Andrzej Duda insistono per riconquistare tutto il territorio ucraino perduto. “Solo l’Ucraina ha il diritto di decidere il suo futuro”, ha detto il capo di stato a Kiev questa settimana. “Il suo futuro non deve essere deciso senza la sua presenza”.

Sebbene al momento la Russia non sembri programmare colloqui di pace, il primo ministro italiano Mario Draghi ha esitato davanti alle Nazioni Unite. introdurre il piano diplomatico in quattro punti. Il primo passo è la smilitarizzazione delle prime linee sotto la supervisione dei paesi delle Nazioni Unite, poi la negoziazione di una conferenza multilaterale sul futuro status dell’Ucraina, seguita da un accordo tra Russia e Ucraina che discute “questioni di confine” e l’ultimo punto è accordo sulle relazioni UE-NATO con la Federazione russa.

Il Cremlino ha apertamente ridicolizzato i piani diplomatici e di governo del governo italiano. L’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha criticato quattro punti dei negoziati: “Sembra che i diplomatici non si siano preparati, ma un politologo locale che ha letto i giornali di provincia e che lavora esclusivamente con truffatori ucraini”. Tuttavia, molti altri politici russi apprezzano il piano, secondo il quale è possibile accettare il piano una volta che entrambe le parti hanno esaurito le proprie capacità militari.

Un esperto militare russo sorprendentemente parla apertamente: conquistare una città non ha senso

Xaviera Spina

"Creatore di guai. Affamato di birra. Appassionato di caffè. Imprenditore incurabile. Secchione di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.