La Germania ritira parzialmente la causa contro l’Italia

La Germania ha parzialmente ritirato il ricorso contro l’Italia dinanzi alla Corte internazionale di giustizia. Il motivo è la nuova legge a favore della Germania. Tuttavia, in sostanza, la causa deve ancora esistere.

Nel caso del risarcimento delle vittime naziste, la Germania ha parzialmente ritirato la sua domanda contro l’Italia dinanzi alla Corte internazionale di giustizia. Come annunciato nel fine settimana dal tribunale dell’Aia, la Repubblica federale ha ritirato la domanda di protezione legale temporanea in una lettera ricevuta il 5 maggio.

Ciò è accaduto perché il 1° maggio è entrata in vigore in Italia una legge che vietava ai tribunali di confiscare le proprietà demaniali tedesche sul suolo italiano. Istituzioni come il Goethe Institute o la Scuola Tedesca di Roma non sono più minacciate di confisca per decisione dei tribunali. Le prove previste per lunedì e martedì sono state annullate.

La Germania insiste sull’immunità statale nelle cause civili

L’essenza della vera causa dinanzi al tribunale delle Nazioni Unite all’Aia, tuttavia, rimane. La Germania si è opposta al fatto che l’Italia consentisse ai suoi tribunali di continuare a consentire richieste individuali di risarcimento danni subiti dalle vittime dei crimini della Wehrmacht e delle SS durante la seconda guerra mondiale. La pratica di Roma sfida la sentenza della Corte Internazionale di Giustizia del 2012.

La Germania insiste affinché l’Italia riconosca il principio dell’immunità statale nelle cause civili. Durante la seconda guerra mondiale, la Wehrmacht e le SS si scatenarono in molti luoghi durante la loro ritirata dall’Italia e spesso commisero orribili crimini di guerra. Migliaia di civili sono morti, alcuni in modo orribile.

Calvina Fontana

"Fanatico della cultura pop hardcore. Studente. Comunicatore generale. Zombieaholic. Risolutore di problemi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.