La curva epidemica del virus del vaiolo è in una fase crescente…

La curva epidemica sembra essere in fase ascendente. Da quello che sappiamo sul virus del vaiolo delle scimmie, tuttavia, riteniamo che non prospererà. Si tratta di un fenomeno che stiamo monitorando da vicino, la diagnosi aumenterà nei prossimi giorni, ma non ad un ritmo allarmante. Non ha le dinamiche che ha il coronavirus e non credo che avremo una pandemia. Prevedo che nei prossimi 15 giorni l’intensità del fenomeno diminuirà, segnalata all’Agenzia Fm e nell’esibizione di Tania H. Mantouvalos “104.9 SEGRETI DELLA SALUTE” assistente professore di Epidemiologia, virologa clinica e membro del Comitato di Esperti del Ministero che al tempo stesso si dichiarava piuttosto ottimista.

Alla domanda su come ha spiegato il fatto che ci sono stati incidenti che si sono diffusi senza alcun contatto o viaggio, Majorkinis ha risposto che questa deve essere una trasmissione in alcuni paesi, come nel Regno Unito, dove i casi sono triplicati negli ultimi giorni. «Non c’è dubbio che si tratti di una trasmissione effettuata all’interno dei confini.

“E dalla storia, (poiché il processo di tracciamento è in corso) sembra esserci un’alta probabilità che sia stato trasmesso attraverso un contatto molto stretto”. “Ma ipotizza che a causa della pandemia che il mondo sta attraversando, abbia notevolmente aumentato i suoi contatti sociali e ciò potrebbe aver contribuito a questo focolaio”. Ma può anche essere opportunista. Cioè, il virus entra in alcuni altri social network e porta a termine quello che viene chiamato focolaio”.

Il virus del vaiolo può circolare per due anni

Riguardo al dibattito scientifico in corso in questi giorni, secondo cui un particolare virus potrebbe essere emerso 2 anni fa, il professor Majorkinis commenta: “Questa è una teoria formulata dai colleghi belgi, che leggono i genomi virali di diversi pazienti”. e sulla base delle tracce molecolari di questo virus, prevedono che potrebbe circolare per un periodo di tempo molto più lungo di quello che vediamo ora”.

E la domanda che sorge spontanea è se una tale teoria sia valida, come sia possibile, a prescindere dai casi. “Il caso attuale ha un’eruzione cutanea, ma non è molto tipica. Teoricamente, poiché il sistema sanitario è stato sotto stress negli ultimi due anni, potrebbero esserci casi con tale eruzione cutanea e potrebbe essere collegato ad altre malattie infettive. Questo è il teoria.” che è stato discusso negli ultimi giorni e penso che valga la pena dare un’occhiata. ”

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.