Katia di Salonicco ha 18 mesi e ha viaggiato in circa 20 paesi

In soli 11 mesi la piccola Katia ha viaggiato in Austria, Portogallo, Italia, Francia, Monaco, Paesi Bassi, Islanda, Isole Faroe, Ungheria e altri luoghi.

Negli ultimi 11 mesi, Katia viaggiato in 18 paesi, dalle Isole Faroe e dall’Islanda all’Albania, a migliaia di chilometri dal suo punto di partenza, Salonicco. Si è intensificato nel remoto villaggio di Piondao in Portogallo, dove sta persino causando la febbre in una zona senza nemmeno una farmacia. Era stato in piedi davanti alla cascata di Svartifos in Islanda, ridendo per l’improvviso spruzzo d’acqua sul suo viso, ed era arrivato al lago Sørvágsvatn nelle Isole Faroe, che sembrava galleggiare sopra l’Oceano Atlantico mentre si estendeva sopra il bordo di una scogliera. Ha provato le specialità locali e abbracciato i non parlanti in tutta Europa e ha utilizzato ogni mezzo di trasporto possibile: aerei, treni e battelli, funivie, tram a Lisbona e battelli a Porto. Ma molto probabilmente, il suo mezzo di trasporto preferito è il …marsip.

E questo perché Katia ha solo 18 mesi! Ha fatto il suo primo viaggio oltreoceano all’età di sette mesi, a Vienna, e questo autunno è possibile che farà anche il suo primo viaggio transatlantico, negli Stati Uniti (New York) e in Canada. I suoi genitori Georgia e Panos, entrambi economisti nel settore privato e membri della generazione dei millennial, sono viaggiatori accaniti, con una preferenza per i viaggi che non puoi facilmente acquistare da un agente di viaggio.

Eppure, come sua madre, Georgia Venizelou, ha osservato ad APE-MPE, “ghiacciai e vulcani in Islanda, palazzi colorati in India, antiche città in Giordania, templi dimenticati in Cambogia, tramonti nelle oasi in Perù, escursioni nella Terra del Fuoco e così via in poi sembra privo di senso di fronte all’esperienza dell’arrivo di un bambino… Katia entra nella nostra vita come il dono più grande, a gennaio 2021… Non significa per noi che amiamo il nostro amore per lui sarà il freno per continuare a conoscere il mondo. Al contrario, il nostro amore per lui ci fa venire voglia di essere un gruppo di tre”.

Adattabile… dalla culla

Così, dopo la revoca delle misure restrittive dovute alla pandemia, Katia è diventata il terzo membro del gruppo e si è recata in Austria, Portogallo, Italia, Francia, Monaco, Paesi Bassi, Islanda, Isole Faroe, Ungheria, Bulgaria, Skopje, Montenegro, Croazia , Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Albania, Serbia e Germania. L’ultimo “viaggio on the road” dei tre è stato un percorso di 4.500 chilometri sulla costa dalmata e nei Balcani occidentali. Come ha osservato Georgia, la bambina aveva già cominciato ad acquisire le prime caratteristiche di viaggiatrice. Alla luce del suo primo viaggio all’estero, 11 mesi fa, è diventato molto più adattabile, tollerante al disagio e ricettivo a provare nuovi sapori.

“Katia sembra felice quando viaggia e, man mano che cresce, vediamo quanto le piaccia stare in nuove destinazioni e incontrare bambini provenienti da altre parti del mondo. Possono parlare altre lingue e non capirsi – dopotutto a questo parole dell’età – parole che conoscono poco – quindi comunicano abbracciandosi e toccandosi o scambiandosi giocattoli. A questa età, il bambino potrebbe non esprimersi ancora in molte parole, ma è molto espressivo nei suoi sentimenti e quando lo vedi giocare fortunatamente, ad esempio, nella sabbia in Sicilia o saltando in una funivia con vista panoramica di una città, si ha la sensazione che magari non capisca bene cosa sta vedendo, ma si stia divertendo.Alle cascate di Svartifos è molto felice di vedere l’acqua scorrere veloce! A Feroa, è rimasto colpito da questi strani uccelli, la pulcinella di mare (pulcinella dell’Atlantico), che ha visto da vicino solo come un animale di pezza”. a Georgia Venizelou e invita più genitori a viaggiare con i loro bambini.

Divertente, ma non sempre facile

In pratica, quanto è facile viaggiare con un bambino? Secondo Georgia Venizelou, un viaggio del genere presenta alcune difficoltà, ma con un’ottima organizzazione e preparazione, con una buona collaborazione tra genitori e psicologia positiva, anche l’imprevisto può essere superato, senza rovinare l’umore del viaggiatore. Un bambino ha bisogni primari, come il sonno e il cibo, che non puoi ignorare e quindi devi essere preparato ad affrontarli. Può essere irrequieto e irritato durante i voli lunghi o i viaggi su strada, quindi devi avere i mezzi per tenerlo occupato. Inoltre, un bambino potrebbe aver bisogno di cambiare un pannolino… in mezzo al nulla. In risposta al volo, i genitori potrebbero dover portare l’attrezzatura necessaria per creare un’area di riposo di emergenza o una zona notte all’interno dell’aeroporto. Inoltre molti ristoranti non hanno seggioloni e molte strutture ricettive non hanno culle, carenze che possono sembrare semplici, ma si riscontrano in circa il 30% dei viaggi e nella stessa percentuale di infrastrutture, creando problemi o addirittura sforamenti di budget.

“Certo, le questioni più complesse sono quelle legate alla salute. Ecco perché prima di ogni viaggio i genitori devono fare ricerche molto attente sul sistema sanitario, sugli ospedali e sui centri sanitari della zona che stanno visitando, prendere in considerazione una tessera sanitaria internazionale e, inoltre, mantenere la calma e preparare un “kit” di farmaci in collaborazione con i medici bambino. Inoltre, è bene preferire viaggiare nei paesi sviluppati, dove il sistema sanitario è regolamentato. Katya è caduta ed è stata colpita, fortunatamente non era grave. Nel remoto villaggio di Piondao in Portogallo, ha la febbre e non c’è una farmacia nelle vicinanze, quindi per fortuna abbiamo con noi i “kit” preparati dal pediatra. Credo che se sei molto organizzato, molto preparato e attento e non te ne vai spaventato, qualunque cosa accada, lo farai”.

Conclude la nostra discussione con un auspicio: “che l’arrivo di un figlio non sia un ostacolo per una persona che vive la sua vita come la immagina. Ho letto da qualche parte che noi genitori non siamo “servi” dei bambini… Né lo sono “Schiavi” noi… Siamo compagni di viaggio nel cammino della vita” ha concluso.

Fonte: RES-MPE

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.