Italia: la nipote di Mussolini non si candiderà alle elezioni con i “fratelli italiani”

Romano, la figlia 48enne del figlio del pianista dittatore Benito Mussolini, ha ottenuto il maggior numero di voti tra tutti i candidati alle elezioni comunali di Roma dello scorso anno.

QUELLO Rachel Mussoliniun consigliere di Roma dei “Fratelli d’Italia” e uno dei nipoti del Duce, ha detto ieri, mercoledì, che non si candiderà alle elezioni parlamentari del 25 settembre per non mettere in imbarazzo il suo partito “postfascista”. Giorgia Meloni.

La figlia 48enne del figlio del pianista del dittatore Benito Mussolini, di Romano, aveva raccolto il maggior numero di voti di tutti i candidati alle elezioni comunali dello scorso anno nella capitale italiana. Tuttavia, ha detto all’agenzia di stampa italiana ANSA che, nonostante gli fosse stato chiesto – non dal partito – ha deciso di non candidarsi a causa del suo soprannome “scomodo”, che costringerebbe i “Fratelli italiani” a restare. quando Meloni condannò di nuovo il fascismo.

“Se mi candido, il partito dovrà difendersi e sarà difficile”, ha detto il membro del consiglio, che prende il nome dalla moglie di Benito Mussolini.

La scorsa settimana Meloni ha inviato un video alla stampa estera in inglese, francese e spagnolo, in cui affermava che i diritti italiani avevano da tempo “trasmesso il fascismo alla storia”, con “vergognose leggi antiebraiche” e sosteneva che i “Fratelli d’Italia “valori condivisi con i conservatori britannici, i repubblicani statunitensi e il Likud israeliano.

Ma lo considera un appello irrilevante degli oppositori a spegnere le fiamme neofasciste del simbolo del suo partito.

Secondo i sondaggi, la 45enne Giorgia Meloni è la prima donna in Italia e la prima presidente del Consiglio “post-fascista” alle elezioni del 25 settembre.

Fonte: RES-EMP

Cesarino Endrizzi

"Scrittore. Ninja della musica. Esperto di cibo estremo. Specialista dei social media. Sostenitore di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.