Italia – Elezioni: quasi il 50% delle alleanze di destra – Scenario post-elettorale

In Italia, in vista delle elezioni parlamentari, l’alleanza conservatrice, a cui partecipa anche l’estrema destra, sembra mantenere o addirittura aumentare la propria percentuale.

L’alleanza conservatrice italiana continua a detenere un ampio vantaggio nelle intenzioni elettorali in vista delle elezioni parlamentari del 25 settembre. Secondo l’ultimo marzo, condotto dalla società di misurazione degli impulsi Techn, in questa fase Lega, Forza Italia Berlusconi e l’estrema destra Fratello italiano “convincente” il 49,7% degli intervistati.

Il centrosinistra Democratici, Verdi e Sinistra italiana non ha superato il 30,6% e Cinque Stelle ha ottenuto il 9,8% delle intenzioni di voto. Al 4,7% la nuova alleanza di centrodestra del partito Azione di Carlo Calenda e Live Italy dell’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Scenari elettorali e post-elettorali

La questione principale è se l’alleanza conservatrice riuscirà ad assicurarsi i due terzi dei seggi in parlamento, a modificare – a piacimento – la costituzione del Paese e raggiungere l’approvazione del sistema presidenziale. «In questo caso il presidente Sergio Mattarella deve dimettersi”. Lo ha detto venerdì Silvio Berlusconi, provocando una forte reazione da parte dei suoi oppositori.

Allo stesso tempo, alcuni analisti sono in attesa di vedere se, vista la situazione, il Pd di Enrico Letta deciderà in extremis di concludere una sorta di patto con il Cinque Stelle Giuseppe Conte, per limitare il potere elettorale della destra, Berlusconi, Salvini e Meloni. È impossibile, ma non impossibile.

Per quanto riguarda l’estrema destra italiana Adelphi, hanno continuato con il 23,7% di essere il primo partito nell’intento di voto. “Non sono una minaccia per la nostra democrazia”, ​​ha detto il loro presidente, Georgia Meloni. A quest’ora, però, si sono moltiplicati gli appelli di illustri commentatori, che gli chiedevano di togliere la fiamma dal simbolo del suo partito, che si dice continui ad ardere nella tomba del dittatore fascista Benito Mussolini. Gli interessati direttamente non hanno fornito una relativa risposta, mentre tra poche ore scadrà il termine per la presentazione dei simboli del potere politico che parteciperanno alle elezioni di settembre.

Fonte: DW – Theodoros Andreadis – Syngellakis, Roma

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.