Italia – Draghi non intende candidarsi alle elezioni politiche del 2023

Il presidente del Consiglio Mario Draghi non vuole candidarsi quando il suo mandato di primo ministro scade nel 2023. “Rispetto chi si occupa di politica. Tuttavia, come sempre, parteciperò alle prossime elezioni parlamentari come elettore ordinario”, ha detto Draghi in un’intervista al quotidiano Corriere della Sera.

Il capo del governo 74enne guida una coalizione multipartitica dal febbraio 2021, che dovrebbe rimanere in carica fino alla fine della legislatura del 2023. “In un momento di incertezza, potenziale instabilità, debolezza interna ed esterna “, questo gabinetto di unità nazionale vuole continuare a governare. Questo governo andrà avanti fino alla fine, se riuscirà a fare le cose di cui il Paese ha bisogno”, ha detto Draghi. .

peso internazionale

“Stiamo affrontando la pandemia; sul fronte internazionale l’Italia ha ritrovato il peso che le spettava. Sosteniamo l’Ucraina, lavoriamo per la pace; sul fronte economico, abbiamo raggiunto una crescita del PIL di 6,6 nel 2021. A causa della guerra, lo sviluppo è rallentato. Il compito del governo ora è sostenere i lavoratori e le imprese e rendere l’Italia più moderna, più vivibile e più giusta”, ha affermato il capo del governo indipendente.

Il primo ministro italiano ha affermato di aver chiamato il presidente russo Vladimir Putin e di non averlo convinto ad accettare un cessate il fuoco. “Ha risposto che il tempismo non era quello giusto”, ha detto Draghi.

“Sosterremo i nostri amici ucraini, la cui resistenza è stata eroica”, ha detto Draghi. Si aspettava una “guerra di resistenza”. “La linea di tutti gli alleati rimane quella di evitare il coinvolgimento diretto dell’Europa nella guerra. Le sanzioni sono importanti per indebolire l’aggressore, ma non possono fermare le truppe a breve termine. Per raggiungere questo obiettivo, devi aiutare direttamente l’Ucraina, e noi l’abbiamo fatto. Non farlo equivale a chiedere di arrendersi, accettare la schiavitù e sottomettersi”, ha detto Draghi. Secondo lui, le sanzioni contro la Russia funzioneranno. “Ora ci chiediamo se dobbiamo fare di più”, ha detto il capo del governo.

Meno dipendenza dal gas russo

L’Italia sta cercando di ridurre la sua dipendenza dalle importazioni di gas russe. “La proposta italiana di limitare i prezzi del gas russo ha ricevuto sostegno e sarà discussa al prossimo Consiglio europeo sulla base di un documento generale preparato dalla Commissione Ue”, ha affermato Draghi. Per porre fine alla dipendenza dal gas russo, l’Italia deve diversificare le proprie fonti energetiche e cercare nuovi fornitori. Il governo ha emanato regolamenti per aprire gli investimenti nelle energie rinnovabili. Allo stesso tempo, il suo gabinetto cerca di ridurre le conseguenze degli alti costi energetici per le aziende e le famiglie. “Abbiamo già speso 20 miliardi per tagli alle bollette e intendiamo fare ancora di più per proteggere le imprese e i cittadini, soprattutto i più vulnerabili”, ha affermato Draghi.

Andranno avanti anche gli investimenti legati al piano di stimolo: “Entro il 2021 abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi previsti dal piano nazionale di stimolo. Pochi giorni fa sono arrivati ​​i primi 21 miliardi, oltre ai quasi 25 miliardi che abbiamo ricevuto l’anno scorso. Ma ci sono ancora alcune riforme da fare, dobbiamo fare: concorrenza, fiscalità e riforma giudiziaria”, ha detto Draghi. (che cosa)

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.