Impegno accettato: GAZPROM condivide in perdita: GAZPROM vuole fornire più gas all’Italia – il gas continuerà a essere pompato attraverso l’Ucraina | notizia

Il gruppo energetico russo vuole consegnare circa 36 milioni di metri cubi di gas entro giovedì, ha annunciato il fornitore di energia italiano Eni. Secondo Eni, GAZPROM ha consegnato negli ultimi giorni circa 21 milioni di metri cubi di gas. La società milanese vorrebbe fornire maggiori informazioni in caso di “cambiamenti significativi”.

L’Italia faceva molto affidamento sul gas di Mosca prima dello scoppio della guerra in Ucraina. Quasi il 40 per cento delle importazioni proviene dalla Russia. A causa del conflitto, il governo del premier Mario Draghi ha deciso di rendersi indipendente dal gas di Putin e da allora ha firmato nuovi contratti di fornitura con altri paesi. L’Algeria ha recentemente accettato di fornire più gas. Secondo il governo italiano, il Paese nordafricano diventerà così il più importante partner del gas italiano.

GAZPROM continua a pompare gas attraverso l’Ucraina – Meno probabile

Il colosso energetico russo GAZPROM ha continuato a pompare gas attraverso l’Ucraina verso l’Europa dopo che il gasdotto Nord Stream 1 nel Mar Baltico è stato rimesso in funzione, nonostante la guerra lì. Secondo la società statale, l’agenzia di stampa statale russa Tass ha annunciato che il volume concordato delle spedizioni per giovedì era di 42,2 milioni di metri cubi. Sono 2,1 milioni di metri cubi in più rispetto al giorno precedente, ma quasi la metà del volume possibile. Tuttavia, inizialmente non c’erano informazioni da GAZPROM sulle consegne di Nord Stream 1, che sono riprese giovedì dopo dieci giorni di lavori di manutenzione.

Secondo il contratto, un volume giornaliero di gas di 109,6 milioni di metri cubi è possibile attraverso l’Ucraina verso l’Europa. GAZPROM si è nuovamente lamentata del fatto che l’Ucraina consentisse solo spedizioni tramite una linea. Il gas sarà consegnato alla stazione di misurazione di Sudscha. I piani di GAZPROM per un transito al punto Sochranovka sono stati respinti. La stazione si trova nella regione di Luhansk, che non è più sotto il controllo ucraino. Tuttavia, secondo GAZPROM, la funzionalità del sistema non è compromessa.

GAZPROM ha recentemente gravemente limitato la trasmissione tramite Nord Stream 1. Il motivo addotto era una turbina mancante che era stata inviata in Canada per la riparazione. Le spedizioni tornano al 40 percento del massimo giovedì, come prima della manutenzione. La Russia prevede un rapido ritorno delle turbine.

Testa del Cremlino Wladimir Putin aveva minacciato martedì di ridurre la produttività del Nord Stream 1 al 20 percento, o 33 milioni di metri cubi al giorno, se le turbine non fossero state reinstallate la prossima settimana. Il motivo, ha detto, ci sono altre unità che devono essere riparate e di conseguenza le sue prestazioni diminuiranno.

Giovedì le azioni GAZPROM hanno perso temporaneamente l’1,73% a 189,96 rubli alla borsa di Mosca.

/jon/DP/mis

MILANO (dpa-AFX)

Selezionati prodotti a leva in Eni SpACon un knock-out, gli investitori speculativi possono partecipare in modo sproporzionato ai movimenti dei prezzi. Basta selezionare la leva desiderata e ti mostreremo il prodotto di fascia aperta appropriato in Eni SpA

La leva dovrebbe essere compresa tra 2 e 20

Nessun dato

Altre notizie su Eni SpA

Fonte immagine: IgorGolovniov / Shutterstock.com

Fiore Greco

"Fanatico dei social media hipster. Introverso. Tossicodipendente del web. Risolutore di problemi incredibilmente umile. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.