Il polo nazionale è nei “4” del mondo

La nostra squadra nazionale olimpica maschile d’argento sottolinea il suo enorme potenziale e valore nell’arena mondiale della pallanuoto. Rimase fermo nell’élite mondiale e con un’enfatica vittoria per 16-11 sugli Stati Uniti nei quarti di finale del 19° Campionato del Mondo a Budapest, passò ai quarti di finale e alle semifinali.

Tutti ora possono vedere che è entrato ancora una volta nel percorso delle medaglie mondiali e oggi venerdì (1/7) darà il massimo in semifinale, contro le vincitrici dei quarti di finale Ungheria – Italia, per andare alle grandi finali e persino rivendicare la vetta del mondo, che l’ha scampata per un pelo l’anno scorso ai Giochi Olimpici di Tokyo.

La Nazionale, sotto le indicazioni di coach Voliotis Thodoris Vlachos, ha dominato su tutti i fronti contro gli americani, che però sono riusciti a resistere fino alla fine del primo tempo, quando la Nazionale era in vantaggio 3-1 e 4-2 e 6 -5, ma è riuscito a pareggiare 7- 7.

Poi, nonostante il portiere di prima scelta Manos Zerdevas sia uscito con una sostituzione forzata, a causa di un infortunio al dito, il nostro nazionale ha superato lo shock, il suo sostituto Panagiotis Tjortzatos si è trovato in buona forma, la difesa ha fatto di nuovo la sua parte e con aggressività soluzioni in ogni modo, la Grecia ha ottenuto abbastanza una grande vittoria. (Poco prima che Zerdevas se ne andasse, aveva preso il rigore di Bowen).

Un altro capocannoniere è stato Stelios Argyropoulos – Kanakakis con 4 gol, mentre Vlachopoulos, Kalogeropoulos e Genidounias hanno segnato 3 gol ciascuno.

La Grecia ha 6/9 punti, 2/2 rigori, 3 contropiedi, 2 falli, 3 perimetri. USA è 4/10, ppg, 0/1 di rigore, 1 contropiede, 6 rimbalzi.

Variazione del punteggio:

OTTO MINUTI: Genidounias 1-0 (circa) 7,05, Genidounias 2-0 (circa) 6,25, Bowen 2-1 (circa) 4,45, Argyropoulos – Kanakakis 3-1 (pag.) 3,20.

SECONDI OTTO MINUTI: Gruwell 3-2 (previsione) 7.40, Argyropoulos – Kanakakis 4-2 (rigore) 7.12, Dodd 4-3 (p.) 6.41, Daoube 4-4 (previsione) 5.47, Genidounias 5-4 (contro) 4.58, Hallock 5-5 (pp) 4.32, Argyropoulos – Kanakakis 6-5 (pp) 4.01, Daoube 6-6 (circ.) 2.44, Kalogeropoulos 7-6 (pp) 2.06, Bowen 7-7 (pp) 1.40.

TERZO OTTO MINUTI: Vlachopoulos 8-7 (rigore) 5,59, Gouvis 9-7 (calcio) 4,05, Vlachopoulos 10-7 (contro) 1,21.

QUATTRO OTTO MINUTI: Nikolaidis 11-7 (piede) 7.21, Kalogeropoulos 12-7 (p.) 6.40, Daoube 12-8 (circonferenza) 6.15, Argyropoulos – Kanakakis 13-8 (circonferenza) 5.49, Hallock 13 -9 (p.) 4.41, Kalogeropoulos 14-9 (pp) 4.08, Bowen 14-10 (circ.) 3.49, Argyropoulos – Kanakakis 15-10 (pp) 3.25 Hallock 15-11 (contro) 2.31, Vlachopoulos 16-11 (contro) 0.19.

GRECIA-USA 16-11

otto minuti: 3-1, 4-6, 3-0, 6-4.

HELAS (Thodoris Vlachos): Zerdevas, Genidounias 3, Skoubakis, Kalogeropoulos 3, Foundoulis, Papanastasiou, Dervisis, Argyropoulos – Kanakakis 5, Gouvis 1, Kakaris, Nikolaidis 1, Vlachopoulos 3, Tjortzatos.

Stati Uniti d’America (Dejan Udovicic): Holland, Dodd 1, Wavic, Gruwell 1, Daube 3, Ehardt, Hallock 3, Woodhead, Bowen 3, Stevenson, Farmer, Irving, Holland.

Vlachos: “Voglio vedere

confine greco”

L’allenatore della squadra nazionale di polo maschile, Thodoris Vlachos, parla della grande vittoria – la qualificazione contro gli Stati Uniti.

Parlando inizialmente alle telecamere dell’ERT, il giocatore federale Voliotis ha commentato: “Grande vittoria perché sono i quarti di finale. È difficile perché in questa partita tutti giocano i loro cambiamenti. Siamo i favoriti. Lo sentiamo perché sappiamo di avere una squadra migliore. Ma non è un problema se non lo dimostri in acqua.

Abbiamo vinto universalmente sia in difesa che in attacco. La difesa ha vinto la partita importante. La difesa è stata a dir poco efficace. In una partita con tanti cartellini rossi, ha dato una vittoria alla squadra”.

Riguardo all’infortunio di Zerdeva, ha detto: “Così è lo sport. Non sai cosa potrebbe succederti. Ma c’erano una dozzina di altri giocatori, credo, che non pensavano che Zerdevas mancasse. Panagiotis è caduto, poi ha trovato un ritmo”.

Ai fini della Nazionale: “Avere una medaglia non significa che non vogliamo vincerla di nuovo. Stiamo entrando nella fase migliore del mondiale. Vogliamo due vittorie contro avversari indipendenti. Ci sentiamo bene, siamo fiduciosi. Vogliamo vedere fino a che punto possiamo andare. Abbiamo un cambiamento, alcuni bambini giocano per la prima volta. Voglio vedere i limiti della squadra e vedere come risponderà alla sfida delle semifinali. È una bella sfida”.

Infine, ha sottolineato: “Per noi è importante tornare a gareggiare per le medaglie e questo significa che siamo tra le migliori quattro squadre del mondo. Siamo arrivati ​​con una bella partita e siamo fiduciosi”.

Vlachopoulos:

“Il nostro obiettivo

medaglia d’oro”

Il nostro asso della nazionale, Angelos Vlachopoulos, parlando a ERT, ha inizialmente sottolineato: “Siamo tra le migliori quattro squadre del mondo. Crediamo di potercela fare. Abbiamo bisogno di due buone partite per ottenere la medaglia che abbiamo perso. Siamo a terra. Il primo gol sono state le semifinali di venerdì”.

Per l’immagine della nazionale: “Siamo in ottima forma. Anche se ci sono persone nuove nella squadra, si sono legate a quelle più grandi. Certo sono stati fatti degli errori o ci sono state delle incomprensioni ma è normale. Meritiamo di essere tra le squadre migliori nel mondo.”

Seguilo
UFFICIO POSTALE
su GOOGLE NEWS per informazioni immediate.

Maura Pirlo

"Secchione di pancetta. Orgoglioso secchione di Twitter. Piantagrane. Studioso di cibo freelance. Devoto drogato del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.