Il governo federale fornisce informazioni sufficienti?

Da La Corte costituzionale federale ascolta questo martedì sulle denunce dei gruppi parlamentari Verdi e Sinistra, che chiedono una più ampia partecipazione del Parlamento alla politica estera e di sicurezza europea. Entrambe le fazioni si sono lamentate del fatto che il governo federale non ha fornito informazioni sufficienti sulla prevista operazione dell’Unione europea “Sophia” nel 2015.

L’operazione con il nome ufficiale EUNAVFOR MED è stata avviata a metà del 2015, prima del picco del movimento di grande spostamento. Prende il nome da una ragazza che ha dato alla luce una donna somala salvata dai guai in mare a bordo della fregata Schleswig-Holstein. Inizialmente, “Sophia” aveva lo scopo di combattere il traffico di persone e il traffico di persone nel Mediterraneo, ma presto l’attenzione si è concentrata sul salvataggio di migranti in pericolo in mare. Ciò si riflette anche in alcune figure. Dall’inizio della missione fino all’inizio del 2019, le sue direttive hanno portato all’arresto di circa 140 sospetti da parte delle autorità italiane; quasi 50.000 persone sono state salvate dalle difficoltà in mare nello stesso periodo.

Il 31 marzo 2020 è terminato il mandato dell’UE per le operazioni, a cui paesi come la Germania avevano precedentemente cessato di partecipare. Il motivo era la vertenza con l’Italia e poi il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Da quando è entrato in carica, ha contestato il fatto che tutti i migranti soccorsi debbano essere portati nei porti italiani secondo le regole del trattato. Salvini ha annunciato che sarà negato l’ingresso non solo alle organizzazioni umanitarie, ma anche alle navi della missione “Sophia”.

Alla fine di gennaio 2019, la Germania ha ritirato la sua fregata: il motivo addotto era che l’alto comando italiano l’ha inviata solo in aree dove non c’erano trafficanti o migranti.

Dal punto di vista dei Verdi e della Sinistra, il governo federale dovrebbe presentare al Bundestag un progetto di operazione dell’UE prima che la missione venga approvata dal Consiglio d’Europa nel maggio 2015. A Karlsruhe, Die Linke si è anche lamentato del fatto che dal 16 dicembre , 2015, il contenuto della lettera del primo ministro turco Ahmet Davutoglu al governo tedesco non era stato informato.

informazioni a titolo di compenso

A Karlsruhe, entrambi i gruppi parlamentari hanno utilizzato l’articolo 23 comma 2 della Costituzione; lì è regolato che il Bundestag e il Bundesrat “partecipano” agli affari dell’UE. Inoltre, il governo federale è tenuto a informare il Parlamento in modo tempestivo e completo. Questo standard ha lo scopo di compensare il fatto che gli Stati membri trasferiscono i diritti sovrani nel quadro dell’integrazione europea. La Corte costituzionale federale ha più volte sottolineato la loro importanza in passato. Più di recente, la scorsa primavera, ha concordato con i Verdi, che si occupano della politica dell’informazione nella crisi dell’euro.

Tuttavia, nel caso in esame, si tratta della politica estera e di sicurezza comune dell’UE e quindi di aree che non sono allineate. Gli Stati membri non hanno trasferito alcun potere sovrano all’UE qui; invece, i loro governi cooperano tra loro a livello intergovernativo.

La fine della “politica misteriosa”?

A Karlsruhe, rappresentanti del governo federale hanno fatto riferimento al fatto che l'”obbligo di informazione qualificata” non si applica quindi. Hanno sottolineato che il governo federale era interessato a una politica dell’informazione “amica del parlamento”. Tuttavia, secondo il rappresentante del test Heiko Sauer, non tutti gli elementi del processo di coordinamento “spesso volubile” dell’Europa possono essere oggetto di un briefing qualificato.

I rappresentanti dei querelanti, d’altra parte, hanno avvertito di un esecutivo sempre più potente. La “politica del mistero” deve finire, secondo il rappresentante della corte del gruppo parlamentare di sinistra, Martin Hochhuth. La seconda Corte costituzionale federale del Senato deciderà sul processo di controversia d’organo tra pochi mesi.

Calvina Fontana

"Fanatico della cultura pop hardcore. Studente. Comunicatore generale. Zombieaholic. Risolutore di problemi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.