Il co-fondatore di N26 Tayenthal si scusa per la chiusura dell’account

Ma ora il co-fondatore e co-responsabile Maximilian Tayenthal afferma: Per garantire la sicurezza della piattaforma N26, hanno tolleranza zero per i crimini finanziari, utilizzano la tecnologia più recente e continuano a sviluppare sistemi per rilevare e prevenire le frodi, ha scritto. in un post su LinkedIn lo scorso fine settimana.

In una delle nuove misure, iniziata il 14 aprile, “purtroppo, alcuni conti sono stati chiusi per errore”, ha affermato. “Posso immaginare quanto possa essere stressante e frustrante una situazione inaspettata e vorrei porgere le mie più sincere scuse ai clienti colpiti”, ha scritto Tayenthal.

Handelsblatt è a conoscenza di 60 casi di utenti con sede principalmente in Germania, ma anche da Italia e Belgio, che non hanno avuto accesso ai propri account da metà aprile.

Il miglior lavoro di oggi

Trova i migliori lavori ora e
notificato via e-mail.

Ci sono state anche molte lamentele da altri abbonati su Twitter, inclusa la Francia. Alcuni clienti che sono ancora in grado di accedere ai propri account affermano addirittura che N26 ha prelevato l’intero importo dall’account.

N26: Poche o nessuna informazione sulla chiusura del conto

Il cliente ha ricevuto la stessa lettera dalla banca online, in cui si afferma che N26 ha rilevato una violazione dei termini e delle condizioni del conto in questione. “Pertanto, dichiariamo la chiusura straordinaria del tuo account N26.” La risoluzione avviene secondo le “Norme di base del rapporto tra cliente e banca”. La risoluzione ha effetto immediato.

Finora, i clienti interessati hanno ricevuto poche o nessuna informazione sulla chiusura dei loro account, anche quando richiesto. N26 ha giustificato la mancanza di fornitura di informazioni affermando che “al nostro servizio clienti è legalmente vietato condividere informazioni sugli account interessati durante questo periodo” – anche con i singoli titolari di account.

Questo per impedire ai criminali informatici di ricevere informazioni sulle indagini in corso e per impedire ai truffatori di utilizzare queste informazioni per evitare di essere scoperti in futuro, secondo il post sul blog di N26 pubblicato la scorsa settimana.

Il co-boss ha risposto a un utente che si è lamentato, tra le altre cose, dell’approccio di N26 alla chiusura degli account sotto il post LinkedIn di Tayenthal: Questa non è l’esperienza che i clienti N26 meritano.

N26

Il cliente era arrabbiato per il fatto che il suo account N26 fosse stato improvvisamente chiuso.


(Foto: Reuters)

Tayenthal ha promesso a un altro utente: “La cosa più importante è che si è trattato di un errore occasionale che non solo abbiamo corretto, ma ci siamo anche assicurati che questo errore non si ripetesse in futuro”, ha scritto in risposta.

Che si tratti di un errore o meno: se N26 deve chiudere l’account, “questa chiusura è definitiva”, ha affermato un portavoce di N26 su richiesta di Handelsblatt. Ciò significa che il conto non può essere riaperto, anche se la colpa è della banca dello smartphone stessa.

>>Leggi anche: Errore N26: cosa ne hanno imparato le banche affermate

La situazione è diversa con il blocco: se un account viene bloccato per un certo periodo di tempo, N26 controlla se il “sospetto specifico alla base del blocco” è confermato, ha affermato un portavoce di N26. Se ciò non accade, l’account verrà rilasciato di nuovo, ha affermato.

Neobank N26 sta contattando direttamente i clienti interessati per garantire che il problema venga risolto il prima possibile, ha continuato Tayenthal nel suo post.

N26 è sotto pressione da molto tempo

Infatti, secondo le informazioni di Handelsblatt, alcune delle persone colpite hanno ricevuto messaggi da N26 lo scorso fine settimana. Pertanto, la banca dello smartphone richiede i dati di un conto bancario alternativo su cui N26 può trasferire denaro. Handelsblatt è a conoscenza di un caso individuale, secondo il quale lunedì i fondi in sospeso sono stati ricevuti su un conto alternativo designato.

La banca smartphone N26 è stata a lungo sotto pressione da parte delle autorità europee come le autorità di regolamentazione bancarie tedesche e italiane per migliorare i suoi controlli sul riciclaggio di denaro e sulle frodi. Negli ultimi due anni in particolare, ci sono stati molti casi di truffatori che hanno utilizzato account N26 per trasferire denaro rubato all’estero.

Pertanto, il regolatore finanziario Bafin ha inviato all’istituto un watchdog sul riciclaggio di denaro e ha chiuso la nuova attività fintech. Banca d’Italia ha completamente smesso di accettare nuovi clienti in Italia.

Neobank è stata fondata nel 2013 da Valentin Stalf e Maximilian Tayenthal, che sono co-responsabili di N26.

Ancora: Un altro problema su N26: la banca dello smartphone chiude più account senza preavviso.

Questo articolo è apparso per la prima volta il 25 aprile 2022 alle 14:00.

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.