I partiti di centrosinistra fanno accordi in campagna elettorale

ioIn Italia, il Partito socialdemocratico Partito Democratico (PD) ha stipulato un patto con i partiti minori del centro di Azione e +Europa nella campagna elettorale in corso. Nel centrosinistra si è formata la prima alleanza contro il blocco di centrodestra, attualmente molto avanti nei sondaggi. “Le prossime elezioni sono una scelta tra l’Italia tra le maggiori potenze europee e l’Italia alleata di Orbán e Putin”, si legge nell’accordo, pubblicato martedì dalle parti a Roma.

Le parti hanno convenuto di proseguire le politiche estere e di difesa dell’attuale governo del presidente del Consiglio Mario Draghi. Con l’espansione delle energie rinnovabili, l’alleanza vuole rendere il Paese meno dipendente dalle forniture di energia dalla Russia. Vuole anche introdurre il salario minimo previsto dall’Ue, come hanno spiegato i primi due candidati Enrico Letta (PD) e Carlo Calenda (Azione).

Per competere con il blocco di centrodestra formato da Fratelli d’Italia (circa il 24 per cento), Lega di destra e Forza Italia, attualmente in testa alle urne, PD e Azione/+ Europa hanno bisogno di altri alleati. L’attuale PD sarà la seconda forza più forte con circa il 23%. Ma circa il cinque per cento di Azione/+Europa non bastano a rappresentare una minaccia per il centrodestra.

Circa il 40 per cento degli intervistati attualmente è ancora indeciso o non vuole votare il 25 settembre. Rapide elezioni si sono svolte dopo che il presidente italiano Sergio Mattarella ha sciolto il parlamento il 21 luglio a seguito delle dimissioni di Draghi.

La porta è aperta a tutti, ha spiegato Calenda. Quindi potrebbero esserci anche colloqui con il controverso ex presidente del Consiglio ed ex presidente del Pd Matteo Renzi e il suo partito scissionista italiano Viva.

Calvina Fontana

"Fanatico della cultura pop hardcore. Studente. Comunicatore generale. Zombieaholic. Risolutore di problemi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.