Gas: Germania, Austria, Ungheria, Slovacchia, Italia aprono conti per pagare in rubli


Secondo il Financial Times: “Alcune delle più grandi compagnie energetiche europee si stanno preparando a implementare un nuovo sistema di pagamento per il gas russo necessario al Cremlino, che secondo i critici minerà le sanzioni dell’UE. Minaccerà l’unità del blocco e offrirà miliardi all’economia russa in contanti.”

I giganti dell’energia in Germania, Austria, Ungheria e Slovacchia si preparano a pagare in rubli
Riferendosi a quali società si stanno preparando a fare una tale mossa, il Financial Times ha osservato, citando persone che hanno familiarità con i preparativi: “I distributori di gas in Germania, Austria, Ungheria e Slovacchia stanno pianificando di aprire conti in rubli presso la Gazprombank in Svizzera, al fine di incontrare la domanda Russia per pagamenti nella propria valuta.Questi gruppi includono i due maggiori importatori di gas russo: Uniper con sede a Dunselendor e OMV con sede a Vienna.

Secondo la stessa fonte: “I negoziati tra gli acquirenti europei e Gazprom, il fornitore di gas controllato dallo Stato russo, sono aumentati con l’avvicinarsi della scadenza del pagamento”.

Ed Eni Italia soccombe alle richieste di Putin
Allo stesso tempo, secondo Bloomberg, Eni Italia – uno degli altri principali clienti di Gazprom – si prepara ad aprire un conto in rubli presso Gazprombank. “Eni si sta preparando mentre l’azienda continua a chiedere istruzioni chiare alle autorità italiane ed europee su ciò che le è consentito fare”, afferma la fonte. Intanto il Financial Times, citando una fonte vicina alle discussioni, ha detto che Eni stava valutando le sue opzioni come aveva fatto fino alla fine di maggio, quando scadrà il prossimo pagamento per le forniture russe.

Ricordiamo che il presidente russo Vladimir Putin ha emesso un decreto a fine marzo, secondo il quale gli acquirenti di gas dai paesi cosiddetti ostili – che comprende l’intera Ue – dovrebbero aprire conti bancari in valuta estera e rubli presso Gazprombank, il braccio del trading finanziario di Gazprom che ha sede in Svizzera, per pagare la loro commissione. La mossa è stata vista come un modo per allentare le sanzioni dell’UE alla banca centrale russa per l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Gli importatori di gas in Polonia e Bulgaria, che si sono rifiutati di rispettare gli ordini del Cremlino, mercoledì hanno interrotto le forniture di gas dalla Russia, una mossa che la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha descritto come equivalente.

Lunedì l’Europa deciderà come pagare il gas
Al Consiglio dei ministri dell’Energia di lunedì, l’Europa deciderà come pagherà Gazprom per il gas russo d’ora in poi.

Lo ha comunicato oggi a SKAI il ministro dell’Energia e delle risorse minerarie, Costas Skrekas. Ha aggiunto che la Grecia pagherebbe Gazprom in un modo che non violerebbe le sanzioni e garantirebbe la sicurezza energetica del paese.

Il 20 maggio la Grecia pagherà Gazprom
Secondo il signor Skrekas, il 20 maggio il nostro paese pagherà il carico ricevuto per il mese precedente. Ha spiegato che il consumo di gas raggiunge il 50% e talvolta lo supera.

Il sig. Skrekas ha affermato che tutte le misure sono state adottate per la sicurezza energetica del paese. Tra un mese, ha sottolineato, avremo un nuovo serbatoio galleggiante a Revythousa, mentre con l’installazione di un nuovo gas liquefatto ad Alexandroupolis nel 2023 possiamo dire che saremo completamente indipendenti dal gas russo.


Vedi tutte le ultime notizie – notizie da Patrasso, dalla Grecia e dal mondo, come succede, su pelop.gr

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.