Fick deve finire questo cantiere

Monaco di Baviera – Non male la prestazione della nazionale tedesca nell’1-1 contro l’Italia nella prima giornata di Nations League, ma neanche troppo buona.

I punti a Bologna sono strettamente basati sulle prestazioni, ma il gioco rivela ancora una volta un cantiere DFB-Elf che il tecnico della nazionale Hansi Flick ha dovuto completare, ma ecco un difetto noto del passato.

Henrichs e Kehrer si integrarono a malapena in attacco

La Germania ha faticato, soprattutto nella posizione di terzino. Flick ha scelto Benjamin Henrichs sulla parte posteriore destra. Per questo, Thilo Kehrer ha dovuto spostarsi a sinistra, anche se l’uomo del Paris Saint-Germain è stato utilizzato principalmente a destra per la Francia.

Henrichs è stato travolto dalla sua squadra nella prima ora, il che ha influito particolarmente sul suo gioco offensivo. Il professionista dell’RB Lipsia si concentra più o meno esclusivamente sul lavoro difensivo e non riesce a gestire nessun accento in attacco.

Joker di Hofmann con una spinta più offensiva

Henrichs è stato sostituito dopo circa 60 minuti da Jonas Hofmann di Gladbach, che ha fatto un lavoro molto migliore e ha contribuito a impostare il pareggio con il suo tiro offensivo sulla destra.

Kehrer a sinistra ha la stessa sorte di Henrichs. L’ex Schalke ha lottato contro il vivace Matteo Politano e poi l’esordiente italiano Wilfried Gnonto. Quest’ultimo ha ingannato Kehrer al 70′ e così ha impostato il vantaggio.

Una domanda sulla tattica

Con Henrichs e Kehrer, Flick ha optato per due opzioni più difensive e considerate più forti. Ma se vuoi usare i terzini per fare più pressione in avanti, Hoffmann a destra e David Raum dell’Hoffenheim a sinistra potrebbero essere alternative migliori.

Righe più in alto, la situazione è simile per la Germania. Sia Leroy Sane sulla fascia sinistra che Serge Gnabry sulla destra hanno giocato ben al di sotto del loro potenziale. In una bella giornata, l’esterno del Bayern è senza dubbio di livello mondiale, ma Sane in particolare fa ancora una volta un’impressione molto debole.

Il gioco di Sane è troppo statico

Il 26enne si comportava in modo troppo statico e mostrava un linguaggio del corpo simile alle prestazioni, che alla fine hanno anche spinto Flick a sostituire l’ala con Jamal Musikala dopo una buona ora.

Questo ha portato immediatamente una boccata d’aria fresca nel gioco e si è mosso molto meglio sulla sinistra e in mezzo spazio rispetto al sinistro. Perché senza sottovalutare la classe individuale di Leroy Sane: quello che ha Musala, nonostante la giovane età, è varietà nel gioco.

Musala: Uno spirito libero che deve essere liberato

Musala porta più dimensione al gioco, è uno spirito libero. Ma significa anche che Flick deve lasciar perdere. Lo ha fatto contro l’Italia, ma solo per mezz’ora. Contro l’Inghilterra sarebbe giusto se Musala prendesse il comando su Sane dopo lo spettacolo.

L’ultimo grande cantiere che un allenatore della nazionale ha dovuto affrontare è stato in posizione di attaccante. Timo Werner del Chelsea prende d’assalto la “Squadra Azzurra”. Tuttavia, l’ex Stoccarda e Lipsia spesso schivavano sulla sinistra, forse anche Sane era d’intralcio.

Werner è stato sfortunato, come spesso accade

Ma nel complesso era l’aspetto caratteristico di Werner. Il 26enne viaggia molto, lavora tutta la stagione e, come spesso accade, non ha avuto fortuna. È dubbio che dovrebbe davvero essere la prima scelta di Flick al nono posto. Verso la fine della partita, è entrato in gioco il compagno di club di Werner Kai Havertz, che ora ricopre anche questa posizione al Chelsea.

Havertz è più vicino a un classico nove di Werner per le sue dimensioni, tecnica e potenza di rifinitura di entrambi i piedi, ma non è un attaccante allenato. Lukas Nmecha è ancora in panchina ed è spesso usato anche come attaccante appeso o ala al VfL Wolfsburg.

Nove problemi devono essere risolti in tempo

Non è un compito facile per Flick, poiché tutti e tre mettono in evidenza i loro punti di forza e rivelano i loro punti deboli. L’allenatore della nazionale avrebbe dovuto decidere le opzioni prima della Coppa del Mondo in Qatar, idealmente prima.

Ma questo vale anche per gli altri cantieri citati, poiché le questioni che si sviluppano sono chiare a tutti. Tuttavia, oltre alle debolezze, ci sono anche lezioni positive dal pareggio contro l’Italia.

Lezioni positive per Flick

Presto-Madrilene Antonio Rüdiger fece un gioco forte e divenne sempre più il boss difensivo della nazionale. Oltre alle sue prestazioni, il difensore centrale è rimasto colpito anche dal suo atteggiamento e dalla sua leadership.

Inoltre, Ilkay Gündogan, neocampione d’Inghilterra con il Manchester City, ha dimostrato ancora una volta che Flick può contare su di lui. Il 31enne è entrato al posto di Leon Goretzka dopo 70 minuti e ha immediatamente portato calma e ordine al centrocampo della DFB.

Cosa ha cambiato Flick contro l’Inghilterra?

Goretzka e Joshua Kimmich potrebbero essere nel mezzo, ma Gündogan è sempre un’opzione a centrocampo per riprendere il controllo del gioco e fare una nuova spinta.

Per Flick, la prima partita competitiva dopo la scorsa stagione è stata piuttosto vincente, ma tanto più gratificante. Martedì prossimo contro l’Inghilterra (7 giugno, a partire dalle 20:45 sul live ticker su ran.de), vedrai quali aggiustamenti farà il tecnico della nazionale.

Se vuoi essere lì in pochissimo tempo per la partita di Monaco, assicurati i biglietti VIP per la Germania contro l’Inghilterra nella competizione podistica. Ecco il sorteggio!

Vuoi le notizie, i video e i dati calcistici più importanti direttamente sul tuo smartphone? Allora scarica la nuova app per la corsa con le notifiche push per le notizie più importanti del tuo sport preferito. Disponibile su App Store per Mela e Androide.

Fiore Greco

"Fanatico dei social media hipster. Introverso. Tossicodipendente del web. Risolutore di problemi incredibilmente umile. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.