Crimini Wehrmacht: la Germania fa causa all’Italia

La Germania ha portato l’Italia alla Corte internazionale di giustizia per la seconda volta in una lunga controversia legale sul risarcimento delle vittime dei crimini commessi dalla Wehrmacht nel 1943-1945. La relativa memoria è stata ricevuta venerdì dalla più alta autorità legale nel sistema delle Nazioni Unite, ha annunciato il tribunale dell’Aia. Lo scopo del governo federale è prevenire o impedire le decisioni dei tribunali a Roma. Tale giudice può ordinare la confisca dei beni di proprietà della Repubblica federale. Una data adeguata è prevista per il 25 maggio. Potrebbero essere interessati la scuola tedesca di Roma, il Goethe Institute nella capitale italiana, l’Istituto tedesco di archeologia e l’Istituto tedesco di storia.

La Germania attua la cosiddetta immunità statale, che blocca le richieste individuali di risarcimento. Nella prima procedura simile, la Corte internazionale di giustizia ha affermato la posizione della Germania nel 2012. All’epoca, i giudici hanno stabilito che i tribunali italiani non potevano obbligare la Germania a risarcire i danni alle singole vittime o ai parenti delle vittime di crimini di guerra tedeschi. La sentenza del tribunale italiano viola il diritto internazionale. I negoziati di compensazione possono essere condotti solo tra paesi. La Corte internazionale di giustizia obbliga anche l’Italia a garantire che tale processo non si ripeta.

Tuttavia, Berlino non vede in pericolo le buone relazioni bilaterali

Due anni dopo, la corte costituzionale in Italia ha autorizzato ulteriori accuse civili contro la Germania. Da allora sono stati avviati circa 25 nuovi processi con l’obiettivo di ottenere risarcimenti. Nel giustificare la nuova causa, la Germania ha denunciato questa sentenza come una violazione del diritto internazionale e ha chiesto protezione legale temporanea. Sulla base della valutazione del 2012, le possibilità di successo sono considerate buone. Sebbene le decisioni nel processo principale possano richiedere diversi anni, si spera che la Corte emetta una decisione nel processo provvisorio in modo tempestivo per impedire l’esecuzione.

Il Ministero degli Esteri federale ha sottolineato sabato che la causa non dovrebbe interrompere le buone relazioni bilaterali con l’Italia o avere un impatto negativo sul piano d’azione per una più stretta cooperazione concordato a dicembre dal cancelliere Olaf Scholz (SPD) e dal primo ministro Mario Draghi. In base all’accordo del 1961, la Germania ha pagato all’Italia un risarcimento di 40 milioni. In un trattato di pace con gli Alleati nel 1947, l’Italia rinunciò a tutte le richieste di riparazione della seconda guerra mondiale. Nelle controversie legali con altri paesi sui crimini nazisti, la Germania ha regolarmente indicato che il risarcimento era stato pagato attraverso accordi bilaterali. Pertanto, non sono più consentite azioni legali individuali.

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.