Cosa porta l’azione agli altri paesi dell’UE?

All’ospedale di Rieti, 80 chilometri a nord-est di Roma, il personale ha ricevuto una terza dose

Finora, solo il 30 per cento dei dipendenti nel settore sanitario italiano ha ricevuto incentivi.

(Foto: immagini imago/Pacific Press Agency)

Mosca, Atene, Parigi, Roma Infermieri, medici e farmacisti in Italia devono essere vaccinati da aprile, nelle istituzioni private e statali, negli ospedali, negli studi e nelle case di cura. Chi rifiuta sarà sospeso dal lavoro – senza retribuzione. Che cosa ottiene questa misura? E quali sono le esperienze in Francia, Grecia e Russia, dove esistono modelli simili?

In Italia, il numero di vaccinazioni tra i dipendenti è in rapido aumento e la cifra ha raggiunto il 98 per cento a giugno. Il numero dei contagi nelle case di riposo è diminuito drasticamente. I medici non vaccinati sono attualmente 1.656, secondo i dati dell’associazione Fnomceo.

522 medici hanno deciso di vaccinare dopo la sospensione. Secondo il governo, alla fine di settembre l’1,84 per cento degli operatori sanitari non era stato vaccinato. Tuttavia, di recente sono aumentati i progressi nella vaccinazione tra il personale.

Pertanto, nei prossimi giorni, la Roma deciderà la vaccinazione di richiamo obbligatoria per il settore sanitario. “Non abbiamo tempo da perdere”, ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza. Finora, solo il 30% circa dei dipendenti ha ricevuto dosi di richiamo.

Il miglior lavoro di oggi

Trova i migliori lavori ora e
notificato via e-mail.

Grecia: ancora il 5% non vaccinato

La vaccinazione è obbligatoria per tutti gli operatori sanitari in Grecia da settembre. Oltre ai circa 116.000 dipendenti nel sistema sanitario del Paese, interessa anche tutte le cliniche private, i medici residenti e le strutture di cura private. Anche il personale amministrativo dovrebbe essere vaccinato. Se non sei vaccinato, verrai mandato in congedo non retribuito.

A metà agosto, circa l’83% delle persone colpite era vaccinato. La cifra è ora superiore al 95 per cento. Ma significa anche che quasi il cinque percento è ancora non vaccinato e rilasciato. Sono stati colpiti circa 5.300 dipendenti pubblici, inclusi quasi 450 medici.

grafico

I rilasci hanno esacerbato una situazione già tesa del personale presso la clinica, che manca anche di letti di terapia intensiva. Pertanto, il ministro della Salute Thanos Plevris ha invitato i medici residenti a presentarsi temporaneamente per lavorare nelle cliniche. Se i volontari non bastano, il ministero vuole reclutare circa 100 medici privati.

Nelle case di cura private, il numero di nuove infezioni segnalate è diminuito in modo significativo dall’introduzione della vaccinazione obbligatoria. In caso di violazione, l’operatore rischia una sanzione di 50.000 euro. In caso di reiterazione della violazione è prevista una sanzione di 200.000 euro.

Francia: pene fino alla reclusione inclusa

Dopo che il numero di infezioni è aumentato notevolmente all’inizio dell’estate, il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato a luglio le vaccinazioni obbligatorie per gli operatori sanitari. Da metà settembre infermieri, medici e dipendenti degli ospedali e delle case di cura devono mostrare almeno una dose di vaccinazione e da metà ottobre la copertura vaccinale completa. Circa 2,7 milioni di dipendenti sono stati interessati dall’azione.

grafico

Il tasso di vaccinazione nel gruppo professionale interessato è ora superiore al 90%. Il ministro della Salute Olivier Véran ha concluso a fine ottobre: ​​”Abbiamo una copertura vaccinale molto alta tra i dipendenti delle strutture sanitarie e una percentuale molto bassa di sospensioni o licenziamenti”.

Il suo ministero ha annunciato in ottobre che circa 15.000 dipendenti erano stati licenziati. Come in Grecia e in Italia, per loro non c’è stipendio. Le strutture che non vaccinano il personale corrono il rischio di sanzioni. Anche i medici autonomi devono prendere in considerazione le multe. I recidivi rischiano fino a sei mesi di carcere.

Russia: il Cremlino fornisce regole patchwork

In Russia, la vaccinazione è stata volontaria per molto tempo. Quando la campagna si è bloccata all’inizio dell’estate e il numero dei contagi è aumentato di nuovo, le autorità hanno intensificato la pressione e introdotto vaccinazioni obbligatorie per alcuni gruppi professionali. Ciò include principalmente personale medico, insegnanti e dipendenti delle istituzioni pubbliche.

Lo scetticismo sulle vaccinazioni è diffuso nel Paese. I sondaggi mostrano che anche negli ambienti medici circa il 30 per cento è scettico. Per non causare malcontento popolare, il Cremlino ha trasferito la responsabilità alle regioni.

Ciò ha portato a un vero mosaico di normative. A Mosca, ad esempio, il ministero della salute aveva inizialmente fissato un tasso di vaccinazione del 60% per il personale, ma ora è stato portato all’80%. Nelle altre zone, senza eccezioni, tutti coloro che non sono in possesso di certificato sanitario devono essere vaccinati. Il rifiuto è considerato un possibile motivo di licenziamento. I candidati sprovvisti di certificato di vaccinazione non troveranno lavoro.

Ancora: Le regole del 3G nel mondo del lavoro: così funzionano le dimensioni nelle aziende italiane.

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.