Coronovirus: “Le persone non sono meglio preparate del 2019”

Le persone non sono meglio preparate alla minaccia di una nuova pandemia rispetto a quando è emerso il coronavirus nel 2019 e potrebbe effettivamente trovarsi in una situazione di impatto finanziario peggiore, secondo un team formato per valutare la risposta globale alla pandemia.

La mancanza di progressi nelle riforme, come il finanziamento dell’Organizzazione mondiale della sanità e la regolamentazione sanitaria internazionale, significa che il mondo è più vulnerabile che mai, gruppo indipendente sulla risposta e la risposta).

Gli autori del rapporto, guidati dall’ex primo ministro neozelandese Ellen Clark e dall’ex presidente liberiano Ellen Johnson Sirleaf, hanno riconosciuto alcuni progressi, ma hanno affermato che il processo si sta muovendo troppo lentamente.

Coronovirus: “Stessi strumenti e stesso sistema del 2019”

“Ora abbiamo gli stessi identici strumenti e gli stessi sistemi che erano in atto a dicembre 2019 per rispondere alla minaccia di una pandemia. E questi strumenti non sono abbastanza buoni”, ha detto Clark ai giornalisti.

“Se ci fosse la minaccia di una nuova pandemia quest’anno, il prossimo anno, o almeno il prossimo anno, saremmo nello stesso posto; forse peggio, dato lo stretto margine fiscale per molti, se non la maggior parte, dei paesi in questo momento”.

Il rapporto di oggi dell’organismo istituito dall’Organizzazione mondiale della sanità precede l’Assemblea mondiale della sanità della prossima settimana a Ginevra, il forum decisionale annuale dell’OMS in cui si prevede che alcune delle questioni sollevate saranno discusse.

Pur accogliendo favorevolmente alcuni progressi, come una mossa per creare un fondo di assicurazione sanitaria globale separato all’interno della Banca mondiale, ha avvertito che l’interesse internazionale stava calando e che gli anni necessari per creare un altro strumento erano troppo lunghi.

Seguilo La voce di Atena su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.