Cantante Markéta Konvičková: Oggi non perseguo più una carriera

Ewa Farna, Tomáš Klus, Albert erný, la vincitrice SuperStar Tereza Mašková sono di Třinec e dintorni… Ma tu sei l’unico qui, vero?

È vero, sono un rubacuori, ma d’altra parte, so che quando inizierà la vita familiare, tornerò dalla mia famiglia a Třinec e oltre.

È vero che ho aspettato un po’ il mio compagno, perché non conosceva la destinazione da cui sarebbe volato (il compagno di René Kuboš è un pilota di aviazione privato la cui base è ora a Bratislava).

Qualche anno fa hai detto che lo avresti seguito ovunque.

A quel tempo era limitato solo dalla Repubblica Ceca, dalla Polonia e dalla Slovacchia. Non voglio andare da nessun’altra parte perché canto qui e sento che la mia carriera viene prima di tutto.

Ma quando hai un figlio (la figlia Amálka avrà due anni), le priorità cambiano. Oggi non perseguirò più una carriera e posso immaginare che andrò da qualche parte sull’oceano con il mio partner.

Gli ho detto che se voleva, volevo andare con lui a Malaga in Spagna o in Italia, Roma, Verona. (ride) Ma con Amáleka, è difficile dire quando sarà il migliore. Forse è meglio non pensarci.

Conosce di più Karel Gott solo negli ultimi anni della sua vita, lo invita come ospite ai suoi concerti. “Grazie a Dio per quello!” Egli ha detto.

Foto: Petr Hloušek, Legge

All’inizio della tua carriera, potresti immaginare di vivere a Třinec?

Questa è anche una domanda sui miei genitori e sulla mia gestione in quel momento. Avevo quindici anni, sentivo che il mondo mi stava aspettando e volevo lasciare Třinec e eský Těšín, dove ho studiato al liceo.

I miei genitori e la direzione mi hanno lasciato la porta aperta, mi hanno detto di fare quello che volevo, ma di finire la scuola. Forse è per questo che alla fine mi sono laureato.

Quando arrivi per la prima volta a Praga all’età di quindici anni, 2,5 milioni di persone delle due repubbliche ti vedono, che shock. Hai la sensazione che sarà così per sempre. Ma se non lavori su te stesso, possono dimenticarti rapidamente, come è successo a molti miei colleghi della concorrenza.

Data la tua istruzione, qual è il piano B?

Sono un ingegnere di marketing e business presso la Facoltà di Economia dell’Università delle Miniere e della Tecnologia di Ostrava. Amo il lavoro creativo, il marketing ci è vicino, ma non riesco a immaginare di stare seduto in ufficio per dodici ore, lo ammiro davvero.

In un hotel di Těšín, ho sperimentato com’era lavorare dodici ore e servire gli ospiti. Lo ammiro anch’io, ma non è qualcosa che mi piace. Mi piace essere coinvolto nel lavoro creativo con band, videoclip, il lato visivo, quindi continuerò con il lavoro creativo. Non voglio nemmeno pensarci adesso.

Marketa Konvičková

Foto: Jan Handrejch, Giurisprudenza

Vieni regolarmente a Praga, cinque anni fa sei apparso nello spettacolo Il tuo viso ha una voce familiare. È un’altra spinta alla carriera?

Fu allora che dovetti trasferirmi a Praga per qualche mese, perché era semplicemente impossibile combinarlo con lo studio all’università. Allenamento quotidiano, lezioni di canto, ballo, prove, riprese… Pertanto, ho dovuto prolungare i miei studi di sei mesi, ma nessuno voleva che andassi a Praga.

Logicamente, ho trovato molte opportunità di lavoro lì durante quei quattro mesi, ho incontrato persone del settore e non solo, e penso che essere un cantante o chiunque altro del mondo dello spettacolo sarebbe stato più facile a Praga.

A giugno canti nella capitale in due concerti chiamati Tribute to Karl Gott. Quale canzone hai scelto?

Canto Dove va mio fratello Jan, che conosco nella versione di Céline Dion. Mi sono state date diverse canzoni tra cui scegliere, ma questa non era una di quelle. Quando abbiamo parlato al telefono con la Sig. Gott, gli ho detto che volevo davvero cantarla perché è una bella canzone, anche se con un sottofondo politico.

Sono stato felice quando mi ha detto: “Markétka, penso che Karel sarà felice che tu l’abbia cantata”.

È stato strano stare due volte davanti a un’arena O2 esaurita e cantare canzoni di un’epoca in cui non vivevo nemmeno. Ma la risposta è stata ottima, così tanti ospiti, l’intera élite, e ho persino pianto lì che una ragazza di Třinec potesse fare una cosa del genere.

Molte persone ricordano come Karel Gott li abbia influenzati. Come ti ha colpito?

È stata la sua vita, perché dicevo di alcune giovani band: “E Karla Gotta on you!” Quando sono arrivato da qualche parte, ho sentito che alcuni giovani erano irrispettosi, non si sono nemmeno salutati e ho pensato che la fama sarebbe arrivata. dura per sempre. Ho sempre detto che il rispetto e l’umiltà che aveva Karel Gott, che ha stretto la mano a tutti, si è perso tra i giovani.

Ricordo com’ero al telefono, sono andato in bagno da qualche parte e mi è arrivata la chiamata: “Signorina Konvičková? Questa è la direzione di Karl Gott”. Mi sono guardato intorno per vedere dov’era la telecamera nascosta: “Vuoi e hai tempo per assistere al concerto?”

Certo, ho un grande appetito e, anche se non ho tempo, ci riuscirò al cento per cento. L’ho vissuto intensamente nei suoi ultimi due anni, sono stato in tour con lui e ho fatto parte del suo ultimo grande concerto all’arena O2.

Marketa Konvičková

Foto: Jan Handrejch, Giurisprudenza

Il tuo ultimo mini album 6-6 del 2019 riflette la musica che ti piace di più?

Non è così. Ho dovuto scoprirlo per anni. A quindici anni non sai nemmeno cosa vuoi fare, e in realtà ho provato molti di quei generi fino a quando ne avevo circa ventiquattro.

Canto al festival del ballo e della birra. Voglio provare di tutto per scoprire qual è la cosa principale. Sono sempre stato vicino a ciò che non avrò mai a causa del mio aspetto. Amo la musica nera, la chiesa, il gospel, gli inni, Michael Jackson, Beyoncé, Bruno Mars sin da quando ero un ragazzino. Sono i miei modelli, lo stile che voglio fare, i luoghi che voglio raggiungere.

Condividi molto sui social network. C’è un limite in cui non lascerai entrare i fan?

Non ho mai detto mai. È un dato di fatto che l’intero ultimo album è stato realizzato in un periodo difficile in cui non sapevo cosa mi stesse succedendo. Le persone mi hanno scritto che sembro malato, ho un feticcio o che ho avuto il botox. Non mi sono riconosciuto, ero gonfio, mi sono afferrato i capelli e una manciata mi è rimasta in mano.

Mi sono detto che con l’ultimo album volevo trasmettere qualcosa alle persone, speravo che tutto si spiegasse e l’album si chiudesse.

È progettato in modo che rispettiamo i nostri sensi, che abbiamo tutto insieme, mani, piedi e che possiamo gestire solo il superficiale.

Racconta ai tuoi fan del tumore e dell’operazione che hai subito. Non te ne pentirai più tardi, o la loro reazione ti aiuta altrimenti?

Mi aiutano perché in quel momento mi calmo, la mia faccia ritorna e so che il peggio è dietro di me. Quando ho scritto che avevo dei risultati sulle ovaie, tutti hanno automaticamente pensato che Konvičková avesse il cancro, ma non era così.

Ho un carcinoide nell’ovaio, un tumore ben definito. Con la mia storia, voglio dire che dovremmo trattarci bene, perché non sai mai perché quella persona ha l’aspetto che ha e cosa sta passando.

Xaviera Spina

"Creatore di guai. Affamato di birra. Appassionato di caffè. Imprenditore incurabile. Secchione di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.